Creato da ciaodaf3 il 28/09/2008

microtesla space

Astronautica e scienza, appunti e piccole ricerche personali.

INDICE DEL BLOG 1

Questo post vuole essere un riepilogo di tutto il blog.

post 01: Prima passeggiata cinese nello spazio

post 02:Scheda di tutte le navette spaziali pilotate costruite e usate dall'uomo

Post 03: Tavola con rappresentazione comparativa in scala delle navette di Usa URSS/Russia e Cina

Post 04: Breve descrizione e storia delle navette attualmente utilizzate

Post 05: Primo post di confronto tra Space Shuttle americano e Shuttle sovietico (Buran),in questo e nei post su questo argomento si analizzano brevemente caratteristiche, storia, finalità ecc.

Post 06:Secondo post di confronto tra Space Shuttle USA e Shuttle sovietico. C'è anche una tavola grafica appositamente realizzata per illustrare alcune differenze.

Post 07: Post che parle del programma spaziale Nasa Constellation che sostituirà il programma Space Shuttle

Post 08: Post sulla nuova capsula spaziale Orion della NASA

Post 09: Altro post su Orion

Post 10: Segnalazione di info su Orion

Post 11: In questo post un disegno mostra la distanza della Terra dalla Luna mettendo in scala Luna Terra e distanza. La Luna appare molto più distante di quanto si pensi comunemente. Si parla anche di un progetto spaziale indiano.

Post 12: I motivi che hanno spinto l'uomo a viaggiare nello spazio; come ci siamo riusciti e perchè.

Post 13: Il lato segreto e quello più oscuro della conquista dello spazio.

Post 14: Auguri di buon 2009

Post 15: La fragilità del nostro pianeta: un grafico illustra quanto è sottile l'atmosfera in cui vivono tutte le spacie viventi, la biosfera.

Post 16: Confronto tra alcune caratteristiche delle capsule Apollo e delle capsule Orion.

Post 17: Segnalazione di alcuni video delle Stazione Spaziale Internazionale ISS.

Post 18: Si formulano alcune ipotesi sul perchè della costruzione di una navetta tanto complessa quale è stata la navetta Shuttle.

.

 

INDICE DEI POST 3

Post 30: Motivazioni sulla forte perplessità rispetto alla possibilità di un viaggio umano su Marte con la capsula Orion.

Post 31: La NASA studia il modo di consentire agli astronauti di uscire dalla capsula al vuoto cosmico, superando le difficoltà imposte dall'architettura della futura navetta.

Post 32: Varie alternative allo Shuttle furono prese in esame durante lo sviluppo del costosissimo e fallito progetto della navetta ad unico stadio. Si giunse infine alla soluzione della capsula Orion simile alla vecchia Apollo. Tutavia alcuni progetti potevano essere più economici e funzionali, o comunque almeno curiosi. E sono tuttora proposte da alcuni tecnici. E' il caso dello Shuttle senza ali.

Post 33: Molte potenze emergeti hanno avviato programmi spaziali. E' il caso della Cina che già manda uomini nello spazio, ma anche dell'india che sta avendo grandi successi con le sue sonde ed i suoi satelliti. Questo paese ha nel cassetto anche il sogno di una navetta spaziale riutilizzabile pilotata simile allo Shuttle.

Post 34: Lo sbarco lunare: se è falso è un capolavoro artistico della finzione cinematografica. Dubbi, perplessità e riflessioni sull'ipotesi del complotto lunare. Cosa torna e cosa non torna in questa teoria.

Post 35: Rarissimo e incredibile filmato mostra una delle fasi più complesse, misteriose e segrete delle missioni Apollo: Le manovre (così pericolose e complesse sulla Luna da lasciarci perplessi) per sganciare il Lunar Rover dal LEM. Qui il link al video.

Post 36: Ci si domanda dove fossero alloggiati nella piccolissima capsula di rientro dell'Apollo i grandi quantitativi di pietre lunari raccolte e come il loro peso abbia influito sulle fasi di rientro frenate da paracadute.

 

I MIEI LINK PREFERITI

°*°*°*°*°*°*°*°*°

Comunicazioni

In questo blog inserisco le mie ricerche personali, gli argomenti trattati possono essere uno spunto per ulteriori approfondimenti.

18-10-08

Il post numero 4 è stato aggiornato e corretto nella parte che riguarda la navetta Space Shuttle.

Ciao.

29-09-08

Poichè questo blog è in fase di allestimento e a causa del fatto che ogni singolo post viene completato in diversi giorni, è stato deciso di non abilitare i commenti.

Vi ringrazio per avere visitato questo blog.

Ciao e a presto.

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AREA PERSONALE

 

 

« Shuttle indianoSbarco del LUNAR ROVER d... »

Lo sbarco sulla luna è avvenuto realmente?

Post n°34 pubblicato il 24 Maggio 2009 da ciaodaf3

 

Mi ha sempre molto incuriosito il dibattito sulla veridicità delle missioni Apollo con sbarco lunare.

Secondo me, dal punto di vista tecnologico, alla fine degli anni '60 si era perfettamente in grado di progettare e gestire la missione.

Anche se è vero che l'elettronica aveva raggiunto un livello molto primitivo, è altrettanto vero che opere estremamente ambiziose sono state realizzate dall'uomo

ben prima della comparsa dell'elettronica. Basti pensare alle piramidi.

Quando guardiamo a qualcosa che è stata realizzata prima dell'introduzione di tecnologie che a noi sembrano fondamentali, restiamo sempre stupefatti ed increduli, ma l'uomo ha sempre trovato la strada per arrivare a soluzioni straordinarie anche con strumenti estremamente rudimentali.

Nell'epoca Apollo tuttavia l'elettronica esisteva, erano proprio gli anni in cui si gettavano le basi per la realizzazione dei computer che noi tutti utilizziamo oggi.

Tuttavia un conto è la fattibilità tecnica della cosa, e un altro è la fattibilità pratica di un'impresa che va vista anche in termini di costi, rischi, vantaggi-svantaggi.

L'impresa lunare aveva un senso propagandistico molto elevato. Un eventuale fallimento avrebbe avuto effetti catastrofici sull'immagine degli Stati Uniti.

Ora, prendiamo per buona l'ipotesi della missione lunare falsa, ricostruita su di un set cinematografico e spacciata per vera di fronte all'opinione pubblica.

In realtà non si tratterebbe di una scelta in se per se sbagliata.

Non bisogna dimenticare cosa era l'Unione Sovietica in quegli anni, ne cosa rappresentassero gli Stati Uniti nello stesso periodo. Era un'epoca nella quale l' evntualità di una guerra nucleare tra superpotenze era percepita come imminente.

Ad un certo punto entrambe le super potenze cercavano di dimostrare la propria superiorità tecnica per dimostrare alla controparte il proprio potere e dissuaderla da un attacco. Ma si cercava così anche di affascinare l'opinione pubblica per trascinarla dalla propria parte.

Se ad un certo punto gli americani si fossero accorti della difficoltà di portare a termine l'impresa lunare senza incorrere in un fallimento e nella perdita di credibilità, sarebbe stata una scelta del tutto ragionevole, razionale e giustificata la simulazione in studio della missione. Sfruttando la grandissima capacità cinematografica di cui il Paese dispone, si poteva ottenere lo stesso effetto psicologico di un vero viaggio sulla luna, a) senza mettere a rischio la vita degli astronauti; b) senza rischiare un fallimento catastrofico sul piano dell'immagine; c) spendendo molto meno e dirottando i fondi verso altre iniziative più o meno segrete.

Per quanto riguarda la segretezza dell'operazione falso sbarco lunare, bisogna tenere presente che gli astronauti coinvolti avrebbero certamente appoggiato la cosa e mantenuto il segreto, anche se probabilmente a malincuore. Infatti quasi tutti gli astronauti delle missioni Apollo e precedenti provenivano dall'ambiente militare. Per cui, anche se la NASA era un ente civile, tutte le sue operazioni erano soggette, direttamente o no, alle autorità militari.

Essendo militari, gli astronauti erano tenuti ad obbedire agli ordini impartiti, e lo facevano con convinzione, poichè dal loro comportamento dipendeva la sicurezza nazionale.

Perchè non appoggiare un'operazione del tutto incruenta per i civili, che non metteva a rischio la loro vita ne quella dei compagni e che, per di più ,aveva un'importanza strategica superiore a quella di una guerra?

Se le missioni lunari dell'Apollo sono state davvero simulate, pensare che gli astronauti non appoggiassero l'iniziativa è davvero assurdo. Non si capisce davvero perchè non avrebbero dovuto collaborare e mantenere il segreto come veniva loro richiesto.

Stiamo ovviamente parlando del caso in cui la missione lunare sia stata simulata, il che è ancora tutto da dimostrare.

Comunque, proseguendo nell'esame dell'ipotesi, ci si domanda come avrebbe fatto l'America a nascondere una tale operazione al KGB che, con la sua rete di spionaggio, riusciva a penetrare quasi tutti i cordoni di sicurezza.

Probabilmente però, se in quegl' anni (fine '60 inizi'70) il KGB si fosse accorto dell'operazione di falso sbarco lunare, non avrebbe rivelato proprio nulla all'opinione pubblica. Questo perchè proprio contemporaneamente si stava consumando il clamoroso fallimento della missione lunare sovietica. Quest'ultima era stata tenuta segreta all'opinione pubblica, e l'URSS sosteneva di non essere interessata alla missione di sbarco lunare. In realtà era costata miliardi di rubli ed aveva prodotto soltanto un gigantesco razzo, l' N1, che praticamente non si staccava dal suolo.

Oggi sappiamo che la CIA era a conoscenza del fallimento del programma lunare sovietico, ma che non rivelò mai la cosa all'opinione pubblica internazionale, lasciando credere al mondo che l'URSS non avesse sostanzialmente partecipato alla corsa alla luna concentrandosi piuttosto su sonde automatiche e basi spaziali.

Coprì insomma il fallimento dell'URSS in questo particolare settore astronautico.

Può darsi benissimo che allo stesso modo, come contropartita, il KGB abbia ricambiato il favore fingendo di non accorgersi che le missioni lunari erano false.

Il vero punto debole di tutta la teoria del complotto lunare sta secondo me nella segretezza da parte di tutto lo staff preposto alla realizzazione del set lunare. Un lavoro che avrebbe richiesto una pletora di registi, scenografi, tecnici delle luci, cameramen ecc. Tutte persone oltretutto provenienti dal mondo dello spettacolo e quindi molto più inclini, rispetto ad un astronauta-militare, a cercare la notorietà anche rivelando il lavoro svolto.

Se la serie degli sbarchi lunari è stata una finzione, si è trattato di un capolavoro di finzione cinematografica. E come si può pretendere che chi ha realizzato o collaborato a realizzare un capolavoro, un'opera d'arte, accetti di restare per sempre nell'ombra, nell'oblio della storia.

Se è stato solo un film, qualcuno che ne ha curato la realizzazione, non avrebbe resistito alla tentazione di raccontare il proprio lavoro.

 

 Alla fine di questo post, voglio segnalarvi un video trovato su you tube. Si tratta di un filmato d'epoca che mostra le fasi di trasporto e prelancio del razzo lunare N1 che avrebbe consentito a due cosmonauti sovietici di sbarcare sul nostro satellite naturale (anzi, ad uno, poichè l'altro sarebbe rimasto in orbita lunare). Il fallimento di questo vettore, costato milioni di rubli, pose l'URSS di fronte alla constatazione di non poter sbarcare sulla Luna. Tennero segreto il fallimento e la CIA che ne era a conoscienza copri il segreto. Perchè? Cosa ottenne in cambio?

N1 viene trasportato sulla rampa di lancio da due locomotori ferroviari.

http://www.youtube.com/watch?v=k4-CyIBlKNs

N1 viene lanciato ma esplode subito dopo. Dopo molti tentativi ci si accorse che gli errori concettuali del razzo imponevano l'abbandono del progetto.

http://www.youtube.com/watch?v=m79UO4HOQmc

Ma un altro mistero avvolge questo razzo lunare: perchè il genio dell'astronautica Sergej Pavlovič Korolëv (che conobbe la prigionia dei Gulag), creatore di tutte le navette sovietiche (tranne Buran-Energia) e del razzo Soyuz (ancora oggi uno dei più utilizzati e affidabili dopo mezzo secolo), progettò l'enorme N1 che era sostanzialmente impossibilitato a volare?

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/microtesla/trackback.php?msg=7114001

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marco.barbutiraffa1234571gmc74SUNRISE1974loris.79stefanorossi66maxpan27dominazionibabilonia10graficamorramaurissimo1giacalone.patriziaponti1956ciaodaf3
 

LUMINARY 131 IL PROGRAMMA DELLE MISSIONI APOLLO.

Il programma che gestiva le missioni Apollo dirette verso la Luna si chiamava LUMINARY.

Gruppi di storici e studiosi ne stanno ricercando le tracce e ricomponendo i frammenti e le copie ritrovate o conservate per restituire un quadro completo di un evento storico di straordinaria importanza.

Per quanto si tratti di un argomento estremamente complesso e di difficile comprensione per chi, come il sottoscritto, non è del settore, in questo blog che parla di astronautica mi sembrava giusto segnalarlo.

Per trovare informazioni su questo "antico" software, digitate sul vostro motore di ricerca preferito le parole "Computer Program LUMINARY 131" e tra i vari risultati troverete qualche informazione. Ma vi consiglio di inserire la frase senza virgolette per ottenere un numero maggiore di risultati. Altrimenti compariranno solo un ottimo sito NASA in inglese molto approfondito ed il mio blog che cita soltanto questo software.

Diversamente compariranno logicamente molti più risultati, alcuni interessanti.

Ciao.

 

COME L'URSS TENTÒ DI RAGGIUNGERE LA LUNA

http://www.youtube.com/watch?v=PoYPxuCPY2U

L'Unione Sovietica profuse grandi sforzi per raggiungere la Luna, prima o contemporaneamente all'America.

Il programma Apollo si serviva del gigantesco Saturno V, l'Unione Sovietica realizzò l'altrettanto faraonico N1. Tuttavia questo vettore non raggiunse mai lo spazio ed esplose sempre in volo a causa dei mai risolti problemi tecnici al primo stadio.

Si tratta di uno dei progetti spaziali più segreti della storia dell'astronautica, venuto alla luce recentemente. Molti particolari di questo progetto sono venuti alla luce solo grazie ad Internet.

Ho trovato su You tube un video nel quale, un'ottima animazione garfica, illustra il razzo N1 ed il modulo sovietico di sbarco lunare, vi fornisco qui sotto il link relativo.

Ciao e a presto.

http://www.youtube.com/watch?v=PoYPxuCPY2U

 

COSMONAUTI FANTASMA

In questo video è possibile ascoltare la voce di uno dei "cosmonauti fantasma" captata dai fratelli Judica Cordiglia che, secondo molti studiosi, testimoniarono l'esistenza di missioni sovietiche fallite e tenute segrete. La voce era di una cosmonauta in grave difficoltà, nonostante quel giorno nessuno dovesse trovarsi nello spazio. Il video allegato non ha però alcuna relazione con la registrazione, quindi dovete considerare soltanto l'audio dal punto di vista storico scientifico.

Tutte le registrazioni sono riportate sul sito di "Focus" all'indirizzo che vi segnalo qui di seguito: http://www.focus.it/Scienza/spazio/multimedia/I_cosmonauti_perduti.aspx

cliccate su "versione italiana", poi nella finestra che si apre cliccate sulla scritta play in basso, ve lo preciso perchè è così piccola che potrebbe passare inosservata; comparirà comunque un testo, al termine di questo testo che spiega la vicenda cliccate sulla scritta "ascolta i file audio" e finalmente si accede ad una grafica con tante sfere ognuna delle quali attiva un file audio. Una faticata ma alla fine ci si fa...