Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 173
 

Ultime visite al Blog

lisa.dagli_occhi_bludaunfioreWeb_Londonaquilablu80monellaccio19Vince198ambradistelleMARGO129occhi_digattamassimo.sbandernoBivaccare2lascrivanaun_uomonormale0surfinia60
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« PER ME BIANCHI E NERI PARI SONOE VAI CON LA MULTA: I FI... »

ANCHE OGGI SIAMO TRA IL SERIO E IL FA..ACETO!

Post n°3832 pubblicato il 25 Febbraio 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

La Disney sta rinforzando e riprogrammando i suoi canali tv e sta provvedendo anche ad accarezzare i costi. Ora "Disney+" si propone con un'offerta più completa e soddisfacente. Serie tv, film, cartoni e tanto altro ancora per i telespettatori che vogliono godere scelte più ampie nel mondo dello streaming e dei canali extra tv tradizionale. Tra le tante riproposte interessanti, vi sarà una scelta ghiotta e vecchia di una quarantina di anni: "I Muppet Show"  una serie nata nel 1976 e finita nel 1981. In Italia ebbero un successo molto significativo, nuovo per i personaggi proposti e graditissimi anche agli adulti. Ne parlo con piacere e con deliziosi ricordi, poiché in quegli anni, quando io e i tre amici storici di cui spesso vi ho scritto, facevamo sortite improvvise per passeggiate e giri in macchina fuori porta, viaggiavamo con un'auto sportiva che Vitozzo comprò perché ne era innamorato.  Era una vettura di cui non so riferirvi la marca: una decapottabile usata, dove in quattro si stava comodi e specie con il bel tempo, era un piacere muoversi con l'auto...arieggiata. Quando ci vedevamo nei w.e. eravamo soliti vestire casual e con abiti vistosi, accessori impossibili e occhiali per "nasconderci". Non ci fu accordo, fummo spontanei e ci ritrovammo a essere: "I Muppet". Vitozzo fu categorico e ci accollò i pittoreschi nomi di Stattler, Waldorf, Gonzo e Fozzie. Una cazzata che ancora oggi la ricordo: Vitozzo indossava cappello, camicia, jeans, stivaletti da cow-boy e occhiali scurissimi. Noi invece, occhiali scuri, magliette colorate impossibili, jeans da paura e con sigarette pendenti dalle labbra, sembravano burini improponibili. Vabbè, vecchi tempi che non tornano più, ma l'occasione per polemizzare, è data proprio dalla riproposta dei Muppet. Diciotto episodi di 40 anni fa, sono preceduti da un avvertimento della Disney: "Questo programma include rappresentazioni negative e/o maltrattamenti di persone o culture. Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". Il problema lo conoscete già, ve ne ho parlato ieri e con questo avvenimento della Disney, torno a sottolineare come sia una necessità internazionale eliminare da tutto lo scibile possibile, fatti, riferimenti e parole che possano far solo trapelare notazioni di sapore razzista. Disney, aveva già provveduto a fare la stessa pulizia o avvisare il pubblico con avvisi molto chiari e come quello che abbia riportato più. Non dimentichiamo che film come "Via col vento", "Aristogatti", "Peter Pan", "Dumbo" e tutto ciò che presenti un richiamo anche indiretto al razzismo, viene messo in discussione e destinato alla cancellazione, alla manipolazione e/o all'avviso del contenuto. Tutto ciò per spazzare via ogni accenno, ogni ibrido sospetto, ogni influenza, di natura razziale. "Politicamente corretto", questo è il comandamento nuovo, ma è anche mettere mano al passato culturale e artistico di opere che hanno fatto la storia recente del novecento. Intanto, istigati da una certa politica attuale, ci teniamo chi faccia informazione, politica e propaganda senza alcun riserbo e senza alcun rispetto per niente. Vi rimetto il problema e giudicate voi. Io comunque e a prescindere, non sono razzista!



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog