Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 173
 

Ultime visite al Blog

cassetta2ReCassettaIImassimo.sbandernoun_uomonormale0godot620Spiky03monellaccio19stellagatsergiocapabiancaMARGO129lascrivanaginger651licsi35pedivinacreatura59QuartoProvvisorio
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« FANTASIOSA VERITA'GRAVE ACCUSA: E' STUPRO! »

"CATCALLING" O "PERMETTE SIGNORINA?"

Post n°3873 pubblicato il 06 Aprile 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Un altro termine angloamericano, scala le cronache quotidiane in questi ultimi giorni: la Ramazzotti Aurora tanto per farsi notare, visto che non se la fila nessuno, cerca disperatamente un posto al sole e in tv. Allora, sotto l'egida del un nuovo termine anglofono il "catcalling", sta sostenendo, con una verbosa  polemica in rete e sulla stampa, una discussione accesa e costruttiva.  Il fenomeno del "catcalling" è la versione moderna e più o meno corretta (in peggio) del vecchio, caro e mai dimenticato: "Permette signorina..." di antica memoria. Era l'esordio più naturale, più consueto in caso di abbordaggio pedonale alla ragazza designata.   L'approccio era comunque il sistema diretto e deciso per avvicinare la donna adocchiata, la prescelta. Poteva essere finalizzato: solo per certi scopi...oppure per dichiarare apertamente i propri sentimenti alla persona della quale si era innamorati. Vi era tutto un rituale, una prassi consolidata da seguire: disinvolti quanto basta e galanti mai abbastanza! Scene  e  situazioni  imbarazzanti che rischiavano   di pregiudicare  la dinamica dell'abbordaggio. Poteva risolversi in un clamoroso fiasco con un rifiuto categorico, oppure si poteva cogliere, nonostante un primo no incassato a bruciapelo, lo spiraglio per una garbata insistenza; la donna si scherniva per dire si...ma non apertamente, un si voluto ma non espresso, insomma, essere psicologi all'epoca e in quelle circostanze, era d'obbligo. Si doveva realizzare subito quale tattica seguire per non compromettere gli sviluppi dell'incontro, prudenza e massima attenzione agli sguardi, ai sorrisetti, ai maliziosi gesti tipici e comprovanti una certa disponibilità! Che tempi, che incontri: passeggiate con lo scopo, se seriamente intenzionati, di giungere alla prevedibile e ambita richiesta di fidanzamento...o altro. Oggi non va così, oggi i giovani hanno cambiato il loro modo di fare, i loro atteggiamenti e gli approcci che non sempre mirano a "placcare" il soggetto.  Troppa burineria, troppo scostumati e poco eleganti non si trattengono da apprezzamenti maldestri e inoltre, al passaggio di una ragazza meritevole, emettono suoni e sibili da cui il nome "catcalling" che tradotto alla lettera significa: "chiamare il gatto". Infatti il suono più diffuso e quello che si ottiene con le labbra quando vogliamo richiamare l'attenzione di un micio. Insomma, siamo lontano anni luce dal "Permette signorina..." delle "prime guerre puniche": piani diversi, situazioni molto più contenute ed educate, e il garbo con la galanteria, erano espressamente doverosi. La memoria va indietro nel tempo e di queste esperienze ne abbiamo vissute tantissime: molte volte ci andava buca, a volte ci andava bene, talvolta così...così: ecco, una di queste avventure "così...così" l'avrei raccontata volentieri. Esperienza unica, spettacolare e con un finale ...impensabile. Solo io avrei potuto conseguire quel risultato. Non lo raccontai nemmeno agli amici che mi spinsero al placcaggio. Dissi che non era accaduto nulla! Forse ve lo racconterò un giorno...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog