Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

fabio_fabio1980monellaccio19lascrivanalisa.dagli_occhi_bluun_uomonormale0ambradistellemariateresa.savinocomunesenso11monellaccio_19EremoDelCuorecassetta2andrea.bonato63licsi35pesurfinia60
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« " CHI L'HA VISTO? "...IO NOANCHE OGGI SIAMO TRA IL ... »

QUANDO IL GIOCO SI FA DURO...

Post n°4048 pubblicato il 25 Settembre 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

In principio era solo qualche trucchetto per impostare un falso incidente automobilistico e per ricavare un po' di soldi dall'assicurazione: o lo si combinava tra due automobilisti complici, oppure qualcuno su un motorino, ti passava accanto, si buttava giù urtando lo specchietto retrovisore e ti accusava di averlo investito. Tutto questo avviene ancora, ma ormai  questi trucchi una volta svelati, vanno scomparendo per evitare problemi ed essere scoperti. Stavolta la sceneggiata poteva essere molto convincente per quanto fossero reali il sangue versato e i danni subiti. In provincia di Caserta, un bambino di 11 anni è stato picchiato dalla mamma e da cinque zii, volontariamente e...di santa ragione!!! Labbro spaccato, due denti saltati e zigomo gonfio come un panzerotto: il piccolo più piangeva e più lo menavano. La mamma, addirittura lo spronava a prenderle: "A 11 anni si è grandi...accussì pare chiù o' vero". E già, in parole povere, lo esortava a fare l'uomo: prendi le botte, stai zitto e con il sangue che stai versando, sembrerà tutto più vero! Alla faccia del bicarbonato di sodio attaccato all'anice! Lo hanno gonfiato come una zampogna il povero ragazzino, per portarlo poi al Pronto Soccorso e farlo medicare asserendo che si fosse ridotto in quello stato a causa di un incidente automobilistico!!!  Chi lo ha curato ha preso atto (in buona fede) delle ferite riportate a seguito di un incidente, ha compilato il giusto referto fidandosi di quanto dichiarato dai parenti e gli avvocati (quelli complici e d'accordo), hanno fatto il resto rivolgendosi all'assicurazione per i danni subiti. Ekkecevo'????? Visto? Adesso occorre il sangue per essere più credibili e vantare i soldi per i danni. Ma purtroppo per la "comitiva" manesca, le cose non sono andate come previsto e i carabinieri hanno ricostruito la "sceneggiata alla Merola": 6 arresti di cui uno in carcere e gli altri ai domiciliari, 20 indagati a piede libero per associazione a delinquere, per furto, traffico di droga, estorsioni, alle quali si dedicavano durante il tempo libero e quando non avevano da picchiare a sangue nessun bambino... parente o meno che fosse!!!! I tempi cambiano e anche loro si adeguano: non hanno problemi, basta che scorra il sangue...di chiunque sia, e per essere ancora più credibili, magari...lo ammazzano!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog