Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

mariateresa.savinomonellaccio19cassetta2amici.futuroierisoltanto_unsognog1b9Panthera_leo52Spiky03y7dgl3bic331Vince198elyravToposXVIfortealamo
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« 'A TAZZULELLA 'E CAFE'ALEXA SARA' SUPER PARTES? »

FINZIONE E REALTA': UN MIX LETALE

Post n°4165 pubblicato il 24 Gennaio 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Non so più se i  film raccontano la vita o se la vita è un film. Questa mancava all'appello, ne abbiamo viste tante nel lungo tempo, spesso realtà e fantasia cinematografia, si mixano così bene che abbiamo difficoltà a distinguere la realtà dalla finzione. In Irlanda avrei voluto esserci, per essere testimone di quel momento particolare vissuto in un ufficio postale. Non so se conoscete il film "Week end con il morto" del 1989: un film molto divertente dove un defunto viene sballottato e coinvolto da due spassosi giovani, in tutte le situazioni più divertenti poiché lo fanno passare per vivo e vegeto. Bene, nell'ufficio postale irlandese, due manigoldi hanno tentato di far passare il signor Peadar Doyle di 66 anni deceduto da un po', per un loro amico vivo ma un po' annebbiato, solo per riscuotere la sua pensione. Non so che speranze avessero per portare a buon fine il loro piano: nel film appunto, con tanta fantasia i due divertono il pubblico, loro due purtroppo, nonostante l'avessero acconciato alla bisogna, non avrebbero mai potuto farcela. Entrati lo hanno fatto sedere per poi presentarsi allo sportello dichiarando che non stava bene e lo avevano accompagnato su sua richiesta, per incassare la pensione. L'impiegato allo sportello non l'ha bevuta e ha cominciato a fare domande imbarazzanti. I due truffatori a quel punto, sentendosi persi, lo hanno tirato su e facendo finta di parlargli, lo hanno disteso a terra gridando: "Presto, sta male, chiamate un ambulanza!". Immediatamente, avvertita la polizia, è giunta l'ambulanza con i poliziotti. I due volevano fa passare la morte avvenuta nell'ufficio postale. Impresa ardua e improvvisata: la vittima era defunta da almeno due giorni, la rigidità del corpo deponeva a sfavore dei ladruncoli. Non sono stati arrestati, ma sono a disposizione in attesa della autopsia che preciserà la data della dipartita. Tutto finisce male se si è poco accorti. Un film non può essere come la vita: la vita è dura e cadere in certi trappoloni, non è da tutti specie se c'è da convincere un impiegato delle Poste a pagare la pensione...a un morto! 

N.B. Nella foto tratta dal film, il defunto è quello al centro. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog