Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 170
 

Ultime visite al Blog

gedaco0monellaccio19lascrivanalicsi35pepetrusbzchiedididario66cassetta2Lalla3672Cherryslnoncontatenullaocchi_digattae_d_e_l_w_e_i_s_sferdin593147soltanto_unsogno
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« KIKOJOKOJOTE LA DO IO LA PRIVACY! »

TRA PENSIONI E CIBO DIRETTAMENTE A CASA

Post n°3529 pubblicato il 07 Aprile 2020 da monellaccio19
 

 

 

Troppi agguati, troppe truffe e gli anziani sono sottoposti a un aberrante rischio: non solo in casa, per i subdoli faccendieri che si spacciano per personale di enti, per  forze dell'ordine e personaggi generici capaci di carpire la loro innocente buona  fede, ma anche in strada, laddove non è difficile intuire quando si recano a ritirare la pensione presso gli uffici postali. Poste Italiane e l'Arma dei Carabinieri hanno raggiunto un accordo molto utile per la consegna da parte dei militari dell'arma, della pensione a persone con minimo 75 anni d'età. Un passo avanti per limitare almeno gli attacchi proditori ai poveri anziani a cui strappano i soldi appena riscossi. Pertanto se esistono i giusti presupposti, ovvero nessuna altra delega al ritiro e l'abitazione nella zona dell'Ufficio Postale, la consegna è cosa fatta. Una buona occasione quindi, non solo per evitare l'uscita ma anche per evitare l'azzeramento delle  vili aggressioni. C'è un'altra iniziativa che mi ha molto incuriosito: a Milano in un grande condominio dove risiedono oltre 900 persone, sono stati disposti cinque grandissimi "smart frigoriferi" ad uso e consumo dei residenti. Un paio di anni fa, nacque una società che aveva un'App per servire gli utenti sul pianerottolo di casa. Quando si dice la capacità degli italiani che vogliono lavorare e "inventarsi" nuove e concrete iniziative. Il frigo molto capiente, contiene viveri di prima necessità e oggi che il coronavirus ci obbliga a stare a casa, permette con l'aiuto del QR code, di aprire il frigo e servirsi di ciò che serve: frutta, verdura, latte, bevande in genere, frullati, pane, pasta, salumi, formaggi e farina (introvabile come il lievito). L'interessato si reca al frigo più vicino e dopo averlo aperto con il suo QR code, prende ciò che gli serve, richiude e torna a casa. Grazie alla tecnologia, il frigo sa cosa sia stato prelevato e indica anche quando un prodotto stia per finire. Pertanto all'interessato viene imputata la spesa fatta sul cellulare e alla società "FrescoFrigo" eventuali rimpiazzi da fare immediatamente. Non male di questi tempi, il servizio sul pianerottolo di casa, siamo veramente al futuro di domani mattina. Anzi per  il futuro di ...dopodomani mattina, proporrei una aggiunta al frigo: alkaseltzer in abbondanza non prima di aver dotato il frigo di un rilevatore di...ruttino. Il frigo deve sapere come e quando l'utente digerisce. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: