Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19mariateresa.savinosimona_77rmcassetta2divinacreatura59ReCassettaIIelyravlicsi35petecnoplastik_2010EremoDelCuorepatrizia_martinellosardoniccolo2008lascrivananeopensionatagagliardiangelo59
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« SUSSURRAMI LA TUA PASSWORDAVANTI TUTTA...COL BARCONE! »

COMPRO...UN ASTERISCO

Post n°4108 pubblicato il 23 Novembre 2021 da monellaccio19
 

 

Siamo giunti a un punto estremamente difficile per quanto riguarda la parità di genere. Un problema già noto, sorto alcuni anni fa in maniera esasperata e col passare del tempo, siamo a doverci battere per un...semplicissimo asterisco. Il liceo Cavour di Torino,  ha deciso di scegliere l'asterisco per combattere le discriminazioni di genere. Il preside è d'accordo e si procederà in tal senso ogni volta che si vorrà evitare il disguido lessicale. Esempio "Tutt* liber*", scritto in tal guisa l'invito comprende indistintamente tutti: maschi, femmine e...altr*!  Basta eliminare la lettera finale e con l'asterisco si elude ogni riferimento che possa discriminare. Pertanto ogni documento, ogni mail dovranno, quando sarà il caso, prevedere l'asterisco. Con questa apertura del liceo Cavour, ovviamente i primi a intervenire sull'argomento, sono stati Salvini e Meloni. Entrambi ne hanno le scatole piene di queste arrembanti scelte proditorie e inutili: siamo a strapazzare la lingua italiana alla faccia di Dante e della...Crusca! Salvini dixit: "Un conto è il rispetto, altro conto è la folle corsa verso il niente". Beh, non avrebbe tutti i torti: siamo a spaccare capelli in quattro parti uguali, siamo a trovare due peli nell'uovo, siamo a provocare l'esasperazione generale. Il problema lo abbiamo capito e condiviso quasi tutti, certo restano i riottosi e i negazionisti, tuttavia se si continua di questo passo, giungeremo a una guerra dialettica e lessicale che ci porterà lontanissimo nel tempo e senza aver risolto nulla. Non sono gli asterischi posti alla fine delle parole che potranno indurci alla difesa dei generi e della loro insostituibile parità. Non vogliamo minimizzare, ma con certe scelte perentorie e arbitrarie, spesso si inaspriscono gli animi e si passa a discussioni verbose e alterchi dannosi. Tentiamo di tenere ben saldi i piedi per terra, abbandoniamo i voli pindarici  e puntiamo al sodo, oltre ogni asterisco pianificatore. Questo vale per tutt*... nel senso che non si fanno distinzioni. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Rispondi al commento:
monellaccio19
monellaccio19 il 23/11/21 alle 08:25 via WEB
Ormai, non vedono altro a cui attaccarsi, cercano disperatamente piccoli specchi a cui reggersi. Non sono questi i segni, raggiungeremo un status accettabile, quando tutti ne avranno fatto un caso culturale, sociale e civile. Uguaglianza non è porre un asterisco, ma riconoscere tutto il nostro prossimo uguale a noi. Buon lavoro Ely.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: