Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

aldogiornolascrivanamonellaccio19simona_77rme_d_e_l_w_e_i_s_sNuvola_volarobybuccidivinacreatura59cassiopeartemussirodolfomariateresa.savinoalvaro54magricevimentopocd.massimi
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 05/01/2018

FARSI MENARE TANTISSIMO PER ESSERE CREDUTE

Post n°2699 pubblicato il 05 Gennaio 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per violenza sulle donne



Ma quanto dovrebbe essere picchiata e malmenata una donna perché un giudice riconosca colpevole il responsabile? Una domanda che  non dovrebbe essere nemmeno posta: dovrebbe bastare e dimostrare una volta sola, di aver subito violenza e l’uomo/compagno, dovrebbe pagare solo per aver alzato le mani in casa.  “I calci, i pugni, gli spintoni, gli oggetti lanciati contro la convivente sono stati «episodi sporadici», nati da situazioni contingenti e particolari e niente che faccia presupporre l’imposizione di un sistema di vita tale da porre la vittima in uno stato di prostrazione sia fisica che morale». Questa è la  sentenza pronunciata da un giudice donna. Singolare e confusa la signora visto che la donna, in otto anni si sia presentata al pronto soccorso per le percosse e gli assalti subiti, ben nove volte. Tutto dichiarato sui referti medici rilasciati ma che il giudice non ha ritenuto molto soddisfacenti poiché non erano precisi sulle descrizioni dei danni subiti. Vabbè, potrebbe essere accaduto, ma no la bellezza di  nove volte in otto anni. Ovvero, nemmeno uno referto giusto e pertinente? La storia non è originale: un lui, una lei,  stanno insieme, si beccano, si offendono e si menano. Lei risponde come può e come le riesce mentre al maschio riusciva sempre bene con risultati soddisfacenti per lui: lividi, ferite, ecchimosi e quanto altro di violento, tuttavia non sono bastati alla corte. Regolatevi quindi, per una donna vale una regola secondo questo  giudice: «Non è emersa una sottoposizione della signora a una serie di atti di vessazione continui e tali da cagionare un disagio continuo e incompatibile con normali condizioni di vita». Il fatto è questo e credo che vi sia poco da aggiungere: il mondo non lo vediamo tutti alla stessa maniera, riscontriamo spesso e volentieri, sentenze esclusive e interpretate “alla giornata”, cioè alla “come mi gira oggi”. Siamo alle gag beffarde e fastidiose, non solo passano le percosse e le violenze, ma viene calpestata la dignità della donna che viene definita sempre dal giudice/donna: “Soggetto particolarmente esuberante, la cui testimonianza in aula non ha brillato per linearità e coerenza". Insomma una cretina, una fuori di testa esuberante che per giocare o per divertirsi, ha fatto male all’uomo negli scambi di lotta e gliene ne diceva un sacco durante le frequenti liti. Signora mi spiace cambi avvocato difensore e se possibile…cambi giudice! Prenderle, essere menate, non è mai abbastanza in questo paese!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso