Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

aldogiornolascrivanamonellaccio19simona_77rme_d_e_l_w_e_i_s_sNuvola_volarobybuccidivinacreatura59cassiopeartemussirodolfomariateresa.savinoalvaro54magricevimentopocd.massimi
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 13/01/2018

A' SILVIO: CHIEDI IL RINVIO...

Post n°2710 pubblicato il 13 Gennaio 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per milan e i cinesi



Alla fine, la domanda che serpeggerà  sempre, sarà una sola: "Ma chi comanderà in Italia? La magistratura o i ...giudici?". Vedrete, non avremo scampo, saremo imbottigliati da picche e ripicche tra chi manipola, maneggia, costruisce e demolisce, personaggi politici più o meno discutibili. Fino al 4 marzo ne verranno fuori ancora tanti di casi giudiziari che coinvolgano personaggi politici e se qualcuno parlerà di giustizia ad orologeria, tutti ci chiederemo di che marca sono gli "orologi" visto che siano di una puntualità che vada oltre la precisione. Ritocca a Berlusconi ( e te pareva) con un altro scoop che sorprenderà tutti: si indaga a Milano per il reato di riciclaggio nella cessione del Milan ai cinesi: conti gonfiati per circa 300 milioni. Non è roba da poco, c'è carne al fuoco e si indaga perché carte compromettenti sono venute fuori proprio adesso. Tutto ciò per schermare una cifra  di rientro non chiara e definibile alla luce del sole. In parole povere, il flusso del denaro proveniente dalla Cina per pagare il Milan non corrisponderebbe ai conti ufficiali del Cav. L' indagine è aperta e vedremo gli sviluppi di questo ulteriore colpo al nostro Silvio. Nel bene e nel male è sempre tirato in mezzo: allora le domande sono: "Ce l'avete tutti con lui? Oppure è lui che ci vuol fottere con la scusa che ce l'hanno tutti con lui?". Pazienza, certo che è strana la nostra giustizia: Raggi chiede il rinvio per evitare scossoni al Movimento durante la campagna elettorale e l'ottiene, Maroni indagato e sotto processo ottiene rinvio per evitare problemi con le elezioni, il Pd con alcuni ancora sotto indagine e processo, chiede rinvii e li ottiene. A' Silvio, chiedi il rinvio, alla fine vedrai che tutto finisce in una bolla di sapone! W L'Italia!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DIMMI COSA MANGI E COSA BEVI

Post n°2709 pubblicato il 13 Gennaio 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per enogastronomia italiana

 

Questo è l'anno del nostro cibo nazionale. I famosi prodotti nostrani che tutto il mondo ci invidia e che da quando siamo nella Comunità Europea non riusciamo a tutelare completamente viste le imposizioni, le misure categoriche e le tante imitazioni che ci danneggiano in tutto il mondo. In occasione della celebrazione, il nostro cibo finalmente potrà godere di un supporto in più: una sorta di "Treccani Gusto". Una idea finalmente giusta e azzeccata e dopo anni di patimenti, leggo una notizia che dovrebbe esaltarci ricordandoci che non abbiamo molto da imparare dagli altri, anzi, dovrebbero essere gli altri ad imparare da noi. Per esempio, i cinesi che diversi anni fa vennero a Gioia del Colle (BA) per imparare a fare le mozzarelle per poi usarle sulle pizze. Oggi le mozzarelle sono causa di ricorso al TAR tra  Campania e Puglia perché al Consorzio napoletano non va giù l'attribuzione della sigla DOP (Denominazione d'Origine Protetta) alla nostra produzione pugliese. Perché la querelle tra "poveri"? Perché loro producono con latte di bufala e a Gioia con latte vaccino. Si troverà la soluzione, state sereni,  ma scontrarsi in casa non è bello: oggi abbiamo due posti che vantano una produzione eccellente e si deve litigare per un DOP in più? Torniamo quindi alla grande iniziativa che porterà solo vantaggi alle nostre eccellenze enogastronomiche: la collaborazione nasce tra la Treccani e la Fondazione "Qualivita". Una sinergia per evidenziare e sostenere in tutto il mondo, le nostre grandi risorse, i nostri prodotti che dalle Alpi alle isole tutte, sono motivo di orgoglio per la nostra economia. Il ministro Martina sostiene e non ha torto: "Il nostro patrimonio enogastronomico ci rende unici e poggia sulle tre A italiane: agricoltura, alimentazione, ambiente". Quindi un Atlante che indichi peculiarmente tutti i luoghi degni di notazioni per cibo e vino, sarebbe il massimo, il top per indicare geograficamente tutto ciò che produciamo, dove lo facciamo e come lo facciamo. In più e questa è ancora una perla che deponga a nostro favore, una esauriente indicazione delle coincidenze culturali e artistiche. Insomma, uno strumento che alla faccia dell'Europa puntigliosa e severa (specie con noi), ci metta in bella vista con i marchi che contano, le sigle decisive (DOP, IGP, STG e DOC) e infine lo sposalizio unico e interessante tra territorio e ambito agricolo e alimentare. Se non puntiamo su tutto ciò, con tanto di segnalazioni turistiche in bella evidenza, allora siamo proprio fessi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso