Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

LucaScialoscary5edocostruzionionir00marileoANGELUS67MaedySrlpeppolusoa1eri99baciorubato67amariorigcassetta2spalmierosg.giorgi2005
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 10/08/2020

SONO UOMINI O...CAPORALI?

Post n°3642 pubblicato il 10 Agosto 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Prendiamo un accordo importante nel contesto di un dialogo sociale, tra un ministro del Lavoro, un ministro delle Pari Opportunità e due rappresentanti di importanti sigle sindacali. Quattro persone riunite attorno a un tavolo disposti a discutere su una decisione importante e quindi, definire una soluzione per un problema che si trascina da anni. Il problema è: la parità di salario tra uomini e donne. Il  tavolo si anima, si discute apertamente e infine, dopo essersi relazionati, i quattro personaggi appongono una firma ufficiale per chiudere una partita importante che in tutto il mondo viene definita "Equal Pay". Pensate un po', da noi in Italia, si parlò la prima volta nel 1977 di parità di salario tra uomini e donne, e ancora oggi siamo a riscontrare che poco si è fatto nel lungo tempo: resta sempre una differenza tra i due salari. Bene, in Spagna finalmente si è giunti a un accordo, e le parti hanno sottoscritto un documento ufficiale che pone fine alla lunga ed estenuante follia di un gap che contrappone due salari differenti tra maschietti e femminucce. Perché vi riporto e vi informo su questa bella notizia? Perché a prescindere dalla notevole conquista, la discussione finale e la soluzione definitiva del problema, è stata frutto dell'impegno di quattro donne sedute attorno al tavolo delle trattative. Yolanda Diaz Ministro del Lavoro, Irene Montero Ministro delle Pari Opportunità e Mari Cruz Vicente con Cristina Antonanza, in rappresentanza dei sindacati, con grande soddisfazione, hanno raggiunto l'intesa per la vera ed effettiva uguaglianza tra uomini e donne nel mondo del lavoro. E' la prima volta che accade: quattro donne con poteri decisionali, con compiti precisi, hanno portato a termine ciò che in molti paesi non si riesce a fare. Allora delle due l'una: o si sono trovate bene perché donne, oppure devono essere liete che non ci sia stato di mezzo un uomo a rompere le uova nel paniere. Quindi cosa significa? Che fino a quando le decisioni che riguardino le donne dovranno essere prese da uomini, non si cava un ragno dal buco, mentre se le donne sono maggiormente coinvolte, allora i risultati, a prescindere, sono facili da raggiungere! Esempio: in Italia, con l'ultimo decreto di agosto, è in previsione un impegno di 3 milioni di euro per la "Formazione delle Casalinghe". Una idea che aiuterebbe le donne di casa a risollevarsi da questa crisi virale che viviamo. Ebbene, con lo stanziamento previsto, oltre sette milioni di casalinghe riceverebbero...40 centesimi di euro a testa. E oltre tutto, per stabilirlo definitivamente occorrerà una trafila burocratica che non immaginate. Orbene, indovinate quanti uomini sono occorsi  o  hanno contribuito, per prendere una decisione così importante per le donne? E le donne dov'erano?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso