Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

Barone999fragio86davide.russiellosimona_77rmanmicupramarittimalicsi35pemonellaccio19soltanto_unsognocassetta2Spiky03BugenhagenJosephSuperFreeb.calettieredidauriadivinacreatura59
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 25/09/2020

DALLA PRIMA LETTERA DI MONELLACCIO AI GALA(N)TI

Post n°3683 pubblicato il 25 Settembre 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

"Fratelli carissimi, saldi nella fede e immersi nella convinzione che il nostro Monsignor abbia lasciato a perenne e indelebile insegnamento il suo libro sacro, procuriamoci di divulgare la parola: i tempi mutano e le buone abitudini sono destinate a disperdersi nei rivoli di questa  società irrequieta e nei meandri del villaggio globale. Facciamo il possibile perché i pagani, sempre più  virtuali e sempre meno virtuosi, recepiscano la parola del nostro Monsignor Giovanni: essa non fu scritta a caso, aveva il suo fine e i primi discepoli  erano coscienti della missione loro affidata. Fratelli non stanchiamoci mai di divulgare il nostro Galateo, diffondiamo comunque il nostro verbo: saremo fronteggiati dal disprezzo, saremo irrisi, saremo criticati e condannati, ma la nostra fede è salda, la nostra speranza deve essere viva e lucida: saremo forse l'ultimo baluardo a difesa della nostra professione di fede, ma comportiamoci in modo che l'ultimo strenuo difensore di galanteria ed educazione, possa allietarsi nel vedere che c'è ancora un fratello pronto a divulgare  i comandamenti  che il nostro Monsignor Della Casa ci ha lasciato ad imperitura memoria". Buona educazione e galanteria vanno sottobraccio, sono imprescindibili: una è necessaria, l'altra è facoltativa, ovvero, dell'educazione non possiamo e non dobbiamo farne a meno. La galanteria, invece, è una forma di educazione mirata  e  precipua, a totale carico dei maschietti e destinata alla donne che non la disdegnano. Certo, se la galanteria è stucchevole, ruffiana, reiterata con esagerazione, passa per irritante e repulsiva, scostante e deplorevole. La galanteria va dispensata a  piccole dosi con naturalezza e classe, la donna deve essere conscia dell'attenzione a lei rivolta, nessun atteggiamento da Ganimede  o cicisbeo parruccone,  ma attenzioni e semplici riguardi molto graditi. Ecco, i giovanissimi con il linguaggio, la gestualità, i modelli,  i comportamenti e le manifestazioni generazionali, sono avulsi (non a priori) da questi valori. Noto purtroppo che uomini dai quarantanni in su, più deputati e più coinvolti dalle elementari regole della galanteria e dell'educazione, sono ormai distratti e poco attenti: ditemi, con estrema sincerità, quanti uomini conoscete che si impegnano, quando sono in vostra compagnia, ad aprirvi lo sportello della macchina o una qualsiasi porta? A salutarvi con un delicato baciamano? A porgervi fiori con garbo e distinzione? Ad aiutarvi per indossare o togliervi un soprabito?  A precedervi se entrate per la prima volta in un locale pubblico e/o a seguirvi  se entrate in un luogo pubblico che siete soliti frequentare? Ne parlo con la consapevolezza dei fischi e delle pernacchie che mi giungeranno, non mi cruccio, so di essere fuori dal mondo. Spesso sorge confusione tra galenteria e educazione: è solo frutto delle battglie femministe che ritengono la galanteria in particolare, piuttosto offensiva, come se l'uomo volesse difendere la donna debole e incapace di badare a se stessa. Sono solo leggende metropolitiane, la galanteria non tende alla protezione della donna, ma alla sua esaltazione sociale: ossequio e rispetto per lei. E di contro, il maschio galante non teme di passare per un succube, al guinzaglio della donna e quindi suo schiavo.  Solo chi odia le donne può pensare ad un maschio sottomesso e dipendente. Epperò, sono convinto di quel che sostengo: non ci bada più nessuno, tutti di corsa e presi da ben altre priorità. Magari qualcuno pensa che certi valori siano solo privilegio di una certa borghesia; in realtà, educazione e galanteria, non hanno ceto, censo e casta: sono appannaggio di tutti!  

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso