Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

elyravEremoDelCuoretrenkausnella22ndivinacreatura59monellaccio19ormaliberaanastasia_55soltanto_unsognog1b9giampaolopurellimarcy.cmlicsi35pevanna.delmarcoamici.futuroieri
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 05/12/2021

BAGNI NEUTRI E...ARRANGIATEVI!

Post n°4120 pubblicato il 05 Dicembre 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

"Dividere i bagni per "uomo" e "donna" è violenza di genere". E' la prima affermazione del manifesto apposto per facilitare l'approccio ai bagni "unici", appena avviati nell'intero complesso dell'Università di Pisa, antico e prestigioso ateneo tra i più qualificati al mondo. E così, come ebbi ad anticiparvi lentamente ma inesorabilmente, si prosegue con gli "aggiornamenti" dovuti alla parità di genere. Già il manifesto fa un riferimento generico che non mi piace: "A casa tua come sono i bagni? Divisi per genere?". E i caxxi tuoi quando te li farai?", siamo alle risposte pesanti poiché le provocazioni, sono di pari grado. Cosa c'entrano i bagni di casa? Pasticciamo sempre di più per inseguire chimere, questa è una verità ineludibile.  Dopo l'asterisco al posto della vocale finale, dopo la schwa, dopo l'eliminazione dei saluti pragmatici e consueti, ora ci toccano i bagni aperti a tutti! In una settantina di palazzine del campus di Pisa, sono stati apposti i cartelli e si fanno paragoni irriverenti: il traffico che possa esserci per i bagni dell'ateneo, comparati ai bagni di casa. Follia e se non si pone un freno sarà peggio, visto che il "collettivo rosso" pare deciso a raggiungere gli scopi prefissati. E pensare che l'università di Pisa, abbia tanti problemi urgenti da risolvere e non più rinviabili. Ovviamente la polemica infuria, e nessuno che si metta di buzzo buono per capire che non sono queste stronzate che cambieranno il mondo: il rispetto lo dobbiamo a tutti, siamo a considerare tutti i generi e non solo uomini e donne. Ma se continuiamo di questo passo, badando a forme effimere  e poco utili, si rischia di allontanare tutti coloro che del problema di genere, se potessero buttarlo a mare...lo farebbero! Non rompete le scatole con 'ste menate e arricchite la cultura di tutti affinché non debba essere un cesso a stabilire i diritti e i doveri di tutti.   

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso