Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19soltanto_unsognogeomlanzaDuilio3e_d_e_l_w_e_i_s_sOgniGiornoRingrazioArianna1921ciapacicciomiss.sorriso.candymaxitedfreerider0willy339neopensionataEremoDelCuore
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 03/10/2022

DA DOVE VENIAMO? E DOVE STIAMO ANDANDO?

Post n°4376 pubblicato il 03 Ottobre 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Parafrasando Flaiano: "La situazione mondiale è grave, ma non è seria". Clinicamente il mondo economico e finanziario è in pessime condizioni, ma il "malato" non è proprio giunto al fine vita. Inimmaginabile pensare alla globalizzazione tanto ambita, tanto desiderata e poi, cominciare a constatare che nel giro di due anni circa, a causa di due eccezionali avvenimenti come il Covid e la guerra in Ucraina, abbiamo compromesso il clima sornione e subdolo del grande fenomeno per il quale siamo (a suo tempo) stati tutti presi dalla fregola. Ci è piaciuto godere di tutti i vantaggi, di tutte le prerogative e di tutti i canali della libera circolazione delle merci, dei servizi e degli scambi. La rete ci ha messo del suo e chi era ben propenso al business non ha perso tempo e si è aperto al mondo intero. Ora improvvisamente le economie di tutti i paesi coinvolti nel grande circo, sono a leccarsi le ferite, a piangere per la mancanza di ciò che serve e soprattutto, dopo aver tenuto a bada il covid pagando prezzi altissimi per la dipartita di tanti umani, siamo a fronteggiare una crisi politica coinvolgente e capricciosa per la sua natura. La guerra, l'invasione russa non può poi tenerci al guinzaglio: certo c'è chi vuole la pace e la vorremmo tutti, ma se noi occidentali accettassimo supinamente, il comportamento dei russi, non so come andrebbe a finire visto che poi tanto pazzo il Vladimir, non lo è! Sicuramente pazzi non sono i grandi della terra che vivono di affari, vivono di produzioni eclatanti e finanziariamente, tra i tanti lussi di cui godono, questo è un privilegio a cui non possono rinunciare, perciò le situazioni sono sotto l'uso continuo dello... stetoscopio! E allora? Delocalizzare volgendo l'attenzione verso quei paesi che producono tecnologia a costi più bassi a scapito della qualità? E le politiche autarchiche che in alcuni paesi raccolgono appoggi elettorali piuttosto interessanti, cosa faranno? Insomma: le incertezza dominano i mercati, gli orientamenti politici e soprattutto coinvolgono i grandi "ricchi", quelli che senza business perderebbero non solo tanti soldi, ma soprattutto i legami con i vari governi (occidentali e orientali) dove spesso il loro zampino interessato, conta molto più di un governo o di un dittatore da quattro soldi! Prudenza, è il momento di essere molto prudenti, ne va del futuro di ogni paese se si faranno scelte scellerate e incomprensibili. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso