Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

mariomartinottigisberta.vecchiliubinca20136chiudogliocchiesognog1b9monellaccio19amici.futuroierimiss.sorriso.candycassetta2Dott.Ficcagliagimapharmastudiotirellicasiellgb.videopepcasgeom.cauda
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 27/11/2022

C'ERA UNA VOLTA...

Post n°4423 pubblicato il 27 Novembre 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Certo che la ricordiamo con piacere: ha segnato il cinema italiano con un genere dirompente, nuovo e pecoreccio. Eppure era così aperto e divertente quel genere con scene piccanti e risate a non finire,  che inevitabilmente nessuno potrà negare quel filone così ricco, dove in tanti bene o male, si sono cimentati lasciando tracce indelebili. Lei è Edvige Fenech, oggi 73 anni, con un grande merito guadagnato all'epoca: ha disturbato i sogni di molti italiani. Oggi non è attiva come allora ma questa frase, appena pronunciata, vi sorprenderà: "Finalmente un ruolo vero, lo aspettavo da una vita". Ebbene Pupi Avanti grande regista italiano, l'ha chiamata per interpretare un film, no uno di quelli a cui pensate, no...un ruolo bellissimo che dovremmo vedere tutti per poterla giudicare in una...veste nuova. Con lei vi sarà un grande del teatro italiano Gabriele Lavia e Lodo Guenzi. Il regista Avati è una certezza, il film sarà da vedere e sapremo se Edvige non era solo culo e tette. Oggi a 73 anni può ancora aver qualcosa da dire? 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso