Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

brunoedanielaperlaoo1ambradistellemonellaccio19chiedididario66Domesticat1960mariateresa.savinonuvolabianca_1968surfinia60licsi35pemariomancino.mlascrivanae_d_e_l_w_e_i_s_sfrancesco.leonardi48cassetta2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 13/06/2020

TOC! TOC! SIGNORA C'E' SUO FIGLIO?

Post n°3588 pubblicato il 13 Giugno 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Oggi sappiamo quanti problemi possano nascere dal possesso di orpelli digitali come smartphone e pc, per gli adolescenti in genere. Ne sanno più degli adulti e ci è vietato illuderci, pensando alla loro giovanissima età e alla loro sconfinata ingenuità. Quindi posseggono, sanno perfettamente navigare in rete, con lo scopo di allargare prospettive e immaginazione. Poiché ormai siamo travolti da valanghe giornaliere di termini anglofoni, oggi sappiamo che "sexting", "revenge porn" e pornografia in genere, travolgono non solo adulti ma soprattutto i ragazzi che tentano a giusta ragione, di soddisfare la loro pruriginosa curiosità attraverso immagini e avvenimenti che il web spurga ogni giorno senza problemi. Spesso da parte dei genitori viene sottovaluta questa esperienza, magari non s'avvedono del lungo tempo che i ragazzi trascorrono davanti agli schermi di apparecchi digitali, oppure sperano che quei pochi consigli dati ogni tanto e senza alcun senso logico e raziocinante, inducano i ragazzi ad essere prudenti. No, non funziona così e le cose purtroppo vanno peggio di quel che pensiamo, inoltre, se il lavoro di entrambi i genitori li trattiene troppo fuori casa, gli amici pressano e invogliano, si crea il giusto clima di complicità che possa nuocere ai ragazzi. E' necessario sedersi a tavolino e parlare, confrontarsi e relazionarsi amichevolmente, senza alcuna remora e approfondendo il tema del sesso. E' importante, non c'è da essere perplessi o titubanti, la vita è adesso e quindi rimandare, tralasciare questo impatto così decisivo, è necessario. I ragazzi prima sapranno e meno errori commetteranno! Tanto è importante questo problema che in altre nazioni già si muovono istituzioni e associazioni, affinché venga espletato questo "obbligo" da parte dei genitori: un domani ricordiamocelo tutti, non potremo mai dire: "Ma chi avrebbe mai immaginato...", oppure: "Se solo avessi pensato a una cosa simile, mi sarei prodigato procedendo nella giusta direzione!".  Non rasentiamo la sufficienza, non abituiamoci alla retorica che nuoce gravemente alla salute e all'umore di tutti. Parliamone e facciamo presto: le proposte, i siti e tutte le "start up", sono operative ogni secondo che trascorre. Fanno soldi a palate e dal loro punto di vista, è l'unico scopo, l'unico modo per farne tanti soldini sulla pelle degli adolescenti e dei giovanissimi. Mi permetto proporvi un brevissimo video, anche divertente, per entrare nella logica della prevenzione tempestiva. In Nuova Zelanda, il governo sta procedendo con buoni risultati per proteggere i più indifesi tra i nostri figli, dalle ondate pericolose e subdole dirette verso i giovanissimi. "Keep it Real"  è il nome del progetto, messo su e destinato a vincere bullismo e pornografia in genere on line. "Keep it Real" è a disposizione di tutte le famiglie che avvertono il bisogno di essere aiutati per l'educazione specifica sul sesso e le sue problematiche. Godetevi...si fa per dire, il video pubblicitario e meditate. 


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso