Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19brunoedanielaperlaoo1ambradistellechiedididario66Domesticat1960mariateresa.savinonuvolabianca_1968surfinia60licsi35pemariomancino.mlascrivanae_d_e_l_w_e_i_s_sfrancesco.leonardi48cassetta2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 16/06/2020

INDOVINA INDOVINELLO...

Post n°3591 pubblicato il 16 Giugno 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Che rivista è? Lo so, se non si è maturi e avanti con gli anni, i più giovani non ci arriveranno! Nel lontano 1959 "Postalmarket", nato grazie alla lungimiranza di Anna Bonomi Bolchini arguta imprenditrice milanese, fu il primo catalogo formato rivista, per effettuare vendite dirette e senza alcun intermediario: scelte minuziose sul nutrito e ben assortito catalogo, si ordinava la merce e la si riceveva a casa. Cosa credono di aver inventato Bezos e compagni? Non parliamo di 10/20/30 anni fa, parliamo di oltre sessantanni fa, quando la nostra economia cominciava a crescere dopo la guerra, l'attività degli italiani si impennò magistralmente in tanti settori. Cominciammo a lavorare sodo, a far crescere la nostra economia e il nostro benessere. Quel catalogo, ha continuato la sua vita per decenni tra alti e bassi, crisi e modeste riprese, fino al 2015, anno del suo fallimento definitivo. Postalmarket, come molti sanno, ebbe subito successo: nelle case italiane tutti lo sfogliavano e quasi tutti compravano ciò che veniva proposto: assortimento vario per quanto riguardasse l'abbigliamento in genere, articoli per la casa, casalinghi e tanta altra roba. Prezzi buoni per quel tempo e buoni affari per tutti. Per noi ragazzi sbarbatelli e alle prime armi, la rivista assunse magicamente un'importanza ragguardevole: scoprire quasi per caso, mentre la si sfogliava con poco interesse, le pagine dedicate all'intimo femminile, tante pagine e tutte arricchite con modelle che indossavano i capi in vendita, furono un sorprendente regalo: un must ambizioso per noi imberbi guardoni pronti a sbarrare gli occhi davanti a cotanto ben di dio. Insomma, tanto per essere chiari: le famose riviste che sarebbero giunte poco più tardi come "Playboy", "Le Ore" tanto per citare le più...patinate, tanto ambite e molto più pruriginose, avevano avuto un'antesignana degna di menzione. Non vedevamo l'ora che giungesse in casa il nuovo numero per potere "visionare" le novità, dare una approfondita ripassata e lustrarsi gli occhi come non mai. Così è stato per alcuni anni, fino a quando non si presentò un'altra strada da percorrere: il cinema con i suoi divieti a partire con la soglia minima dei sedici anni. Che tempi e che trucchi per cercare di entrare quando quei maledetti sedici anni non li avevamo ancora compiuti. Ricordo il mio primo film vietato: "Un mandarino per Teo". Se vi prendeste la briga di approfondire su web, non riuscireste a spiegarvi perché fosse vietato!!!! Vabbè, anche questo fa parte della storia e della rivista "Postalmarket" prima rivista da sfogliare attentamente come nemmeno per i libri di scuola si facesse! La notizia è che la rivista torna in trincea: Stefano Bortolussi, imprenditore molto attento, ha rilevato il marchio e riprenderà la pubblicazione. Cosa cambia? Che le vendite saranno solo on line, pertanto un concorrente per i leoni come Amazon, Ebay e tanti altri che dall'estero comandano i mercati in rete a loro piacimento. Bortolussi promette una condotta simile agli altri lupi del web e conta di diventare il numero uno almeno in Italia. Glielo auguro di cuore: è italiano e la rivista mi ha dato dato sessanta anni fa...per il piacere delle vista. Forza Postamarket, in bocca al lupo e...nel sedici...dei concorrenti. Io che la sfoglio a fare? Non compro in rete. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso