Creato da corallinadoc il 11/02/2009

Simm'e Napule paesà

Napoli, tu e io

AREA PERSONALE

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 

Io voglio bene a Napule
pecchè 'o paese mio
è cchiù bello 'e na femmena,
carnale e simpatia.
E voglio bene a te
ca si napulitana
pecchè si comm'a me
cu tanto 'e core 'mmano.
Saje scrivere, saje leggere
parole 'e passione;
saje ridere, saje chiagnere
sentenno na canzona.
Napule, tu e io...
simme tre 'nnammurate:
simmo na cosa sola,
gentile e appassiunata.
Nuie simmo 'e figlie 'e Napule,
Vommero, Margellina :
quanno se dice "Napule"
s'annomena 'a riggina!

 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

 

 

'O SSAJE COMME FA 'O CORE...

 

'Napule è ’nu paese curioso:'
'e' 'nu teatro antico,
sempre apierto.
Ce nasce gente ca senza
cuncierto
scenne p' 'e strate e sape recita'.
Nunn’è c' 'o ffanno apposta;
ma pe'lloro 'o panurama
è 'na scenografia,
'o popolo e' 'na bella cumpagnia,
l'elettricista e' Dio ch' 'e fa campa'..


 

 

 


Vide 'o mare quant''e bello!
Spira tantu sentimento,
Comme tu a chi tiene mente,
ca scetato 'o faie sunna'.
Guarda, gua' chistu ciardino;
Siente, sie' sti sciure arece:
Nu prufumo accussì fino
Dinto 'o core ase ne va...
E tu dice: "I' parto, addio!".
T'alluntane da stu core...
Da la terra de l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turna'?
Ma nun me lassa',
Nun darme stu turmiento!
Torna a surruento,
Famme campa'!
Vide 'o mare de Surriento
Che tesoro tene nfunno;
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha vista comm'a cca'
Guarda attuorno sti Sserene,
Ca te guardano 'nacantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasa'.
E tu dice: "I' parto, addio!".
T'alluntane da stu core...
Da la terra de l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turna'?
Ma nun me lassa',
Nun darme stu turmiento!
Torna a surruento,
Famme campa'!

 

 

 

SAN GENNARO

Madonna mia,
te ringrazio c' 'a faccia'mbruscenata pe' terra ca m'hé fatto vedé'
na bbona e santa nuttata, comme spero 'e vedé' na bbona e santa jurnata.
Faccia 'ngialluta (1), accurre e stuta 'sta vampa de lo 'nfierno.
Ora pro nobis.
San Gennaro mio potente, scioscia chesta cennere e sarva tanta gente d' 'a morte e lav' ardente.
Ora pro nobis.
Miserere! Miserere! So' 'e peccate, so' 'e peccate! San Gennaro miserere, San Gennaro ora pro nobis.
Dille a Dio, a Cristo a 'e Santi ca pentite simme nuje,
ca peccà' cchiù nun vulimme.


 

 

 

 

Grazie Lucia...un abbraccio!!

Post n°20 pubblicato il 07 Marzo 2009 da corallinadoc

Quanto sò belle sti manelle 'e fata quanto sò belle st'uocchie tuie curvine e chesta chioma nera e avvellutata pare na massa 'e file 'e seta fine. Gnernò, nun sì na femmena, tu sì na cesta 'e rose sì nu canisto 'e fravule addirose; Gnorsì, te l'aggia dicere ca 'nterra sì na stella tu sì na scarda 'e femmena, sì troppo bella, bella ojne'. 'A primma vota ca t'aggio 'ncuntrata nu lampo me sentette 'e venì 'mpietto e 'ncapa a mme penzaie mo chisto è stato 'o Pateterno a farme stu dispietto. Gnernò, nun sì na femmena, tu sì na meraviglia ma comm' 'a fatto mammeta sta figlia; Gnorsì, te l'aggia dicere ca sì na melodia tu sì 'a cchiù bella musica, d' 'a vita mia, spusate a mme. S'io fossi 'o presidente 'e na giuria, senza pensarce 'ncoppa t'eleggesse l'unica Miss 'e tutta 'a vita mia e forte dint' 'e braccia t'astrignesse. Gnernò, nun sì na femmena, tu sì na tentazione si 'nu supplizio sì na dannazione; Gnorsì, te l'aggia dicere ca sì na calamità peggio d' 'a bomba atomica me lieve 'a vita, crideme a mme.

 
 
 

Festa della donna

Post n°19 pubblicato il 06 Marzo 2009 da corallinadoc

 
 
 

8 MARZO, FESTA DELLA DONNA

Post n°18 pubblicato il 06 Marzo 2009 da corallinadoc

Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, le operaie dell'industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Allo stabilimento venne appiccato il fuoco e le 129 operaie prigioniere all'interno morirono arse dalle fiamme. Successivamente questa data venne proposta come giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, da Rosa Luxemburg, proprio in ricordo della tragedia.

 
 
 

Ma chi O munaciello?

Post n°17 pubblicato il 05 Marzo 2009 da corallinadoc

 

‘O munaciello, in napoletano, significa il piccolo monaco. È uno spiritello leggendario che pare abbia le fattezze fisiche di un ragazzino deforme (o di una persona di bassa statura), abbigliato con un saio e fibbie argentate sulle scarpe; sarebbe anche dispettoso (ma non sempre) e tenderebbe ad esprimersi (nei confronti degli abitanti della casa dove si appalesa) con tipiche manifestazioni: di simpatia (lasciando monete e soldi nascosti dentro l’abitazione, oppure facendo scherzi innocui che possono essere trasformati in numeri da giocare al lotto);
di antipatia (nascondendo oggetti, rompendo piatti e altre stoviglie, soffiando nelle orecchie dei dormienti);
di apprezzamento (sfiorando con palpeggiamenti le belle donne).
Un proverbio napoletano recita: «‘o munaciello : a chi arricchisce e a chi appezzentisce», significando che il ‘munaciello o arricchisce o manda in miseria.
In nessuno dei tre casi suddetti bisogna però rivelare la presenza del munaciello: secondo il folklore napoletano, possono capitare disgrazie e sfortuna a chi rivela una visita del munaciello.
La leggenda del munaciello ha origini plurisecolari; due sono le ipotesi più accreditate dagli studiosi delle tradizioni popolari.
Secondo una prima ipotesi, il munaciello sarebbe realmente il figlio di Caterinella, una signorina di buona famiglia rinchiusa in convento dopo che il suo fidanzato (sgradito alla famiglia di lei) fu assassinato nel 1445. Il bambino fu cresciuto nel convento, dove le suore mascherarono le sue deformità con un abitino da monaco (da cui il diminutivo munaciello), fino a quando egli morì in circostanze misteriose. Dopo la sua morte, il popolo napoletano continuò a vederlo nei posti più disparati, ed iniziò ad attribuirgli poteri magici connessi al fatto che dalle sue apparizioni potevano ricavarsi dei numeri fortunati da giocare al lotto.
Altra leggenda invece vuole che il munaciello sia stato l’antico gestore dei pozzi d’acqua, il quale riusciva (per la sua statura piccola) ad entrare nelle case passando attraverso i canali che servivano a calare il secchio.
Vi è anche una terza ipotesi, che descrive il munaciello come piccolo demone, dispettoso perché cattivo, anche quando lascia monete (in tal caso, il denaro sarebbe un’offerta ai vivi per attirarli dalla sua parte).
La leggenda popolare vuole che uno dei vari rifugi del munaciello si trovi a Marina del Cantone, nella torre di Montalto, località di Sant’Agata sui Due Golfi (Massa Lubrense).

 
 
 

'O CAFE'

Post n°16 pubblicato il 03 Marzo 2009 da corallinadoc

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

carsgasaltamomarinamarino04fragolina72dglmady.gpontone.francosimonaimprota1982mimmocicatiellomic30djboogiefrancescosimminijulycfiore.salvnadiabat5dev.anna
 

 

Quanta storia

sotto o' Vesuvio

 

 

'O 'rraù
'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso

Sì,va buono:cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice?Chest' 'è rraù?
E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' ' a pummarola

 

E DAMM' STA VUCCHELLA...
CA PE M'AVVELENA'
 E ZUCCHERO SE FA'...

 

 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
PERCHE' A NAPOLI SI DICE COSI'
'A messa scaveza

Detta anche 'A messa pezzuta, è paragonata alla cerca che le fanciulle facevano scalze per raccogliere fondi da destinare alla celebrazione di una messa votiva. Quindi una persona che fa 'A messa scaveza, al fine di ottenere i risultati prefissi, insiste oltre ogni limite con chiunque gli capiti a tiro.
Ji' truvanne a Cristo dint' 'e lupine.

Così viene indicata l'eccessiva pignoleria. La frase fa riferimento alla leggenda secondo cui la Madonna, per ricompensare il pino che l'aveva aiutata a nascondere il figlio, facesse sì che l'interno dei pinoli avessero la forma della mano di Cristo. Il privilegio non fu concesso alla pianta di lupini perché aveva negato il suo aiuto.

Quanno 'a gallina scacatea, è signo ca à fatto ll'uovo.
Letteralmente: quando la gallina starnazza vuol dire che ha fatto l'uovo. Quando ci si scusa reiteratamente, significa che si è colpevoli.
Petrusino, ògne menesta.
Letteralmente: Prezzemolo in ogni minestra. Così è detto l'incallito presenzialista, che non si lascia sfuggire l'occasione di esser presente,di intromettersi in una discussione e dire la sua, quasi come il prezzemolo che si usa mettere in quasi tutte le pietanze o salse partenopee
E chesto te piace 'e fa'.
E' una espressione tipica per sottolineare un comportamento usuale, ancorché ripetitivo, della persona alla quale ci si sta rivolgendo, evidenziandone quindi la tendenza al godereccio a danno di altra attività più redditizia.
Fattella cu chi è meglio 'e te e refunnece 'e spese.
L'invito è a frequentare persone che si ritengono migliori di se stessi al fine di acquisirne i pregi e le virtù, anche sostenendo i costi dell'operazione, considerato il sicuro ritorno personale, sotto l'aspetto umano e formativo.
Secondo me, tu si gghjuto ca' capa 'nterra.
Frase che si adopera nei confronti di chi, con il suo comportamento, dimostra di non essere al meglio delle sue capacità psico-fisiche nonché mentali.




 

FOTO


Maschio Angioino


Piazza del Plebiscito


Palazzo Reale


Galleria Umberto I