Blog
Un blog creato da mallarme2005 il 20/06/2007

Si sta come dautunno

Sugli alberi le foglie

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

« Passeggiata autunnale (O...Nazim Hikmet. »

Dove dormono le stelle, Rimbaud incontra Ofelia e la sua dolce angosciante follia.

Post n°31 pubblicato il 02 Novembre 2007 da mallarme2005


 





I

Dove dormono le stelle, nell'onda calma e nera

la bianca Ofelia ondeggia come un grande giglio,

ondeggia lentamente, stesa nei suoi lunghi veli...

- Arrivano dai lontani boschi i gridi della caccia.

Sono più di mille anni che la triste Ofelia

passa, bianco fantasma, sul lungo fiume nero.

Sono più di mille anni che la sua dolce follia

mormora una romanza alla brezza della sera.

Il vento bacia i suoi seni, sciogliendo in corolle

i suoi grandi veli cullati mollemente dalle acque;

i salici fruscianti piangono sulla sua spalla,

sulla sua ampia fronte sognante s'inchinano i fuscelli.

Le sfiorate ninfee intorno le sospirano;

talvolta Ofelia sveglia, in un ontano che dorme,

qualche nido, da cui sfugge un breve fremito d'ala:

- un canto misterioso scende dagli astri d'oro.

II

O pallida Ofelia, bella come le nevi!

Tu sei morta bambina rapita dalle correnti!

- I venti di Norvegia dalle alte vette

ti avevano parlato dell'aspra libertà;

e un soffio, scompigliando la tua folta chioma,

al tuo animo sognatore portava strani rumori;

e il tuo cuore ascoltava il canto della Natura

nei pianti degli alberi, nei sospiri notturni;

e la voce dei mari folli, immenso rantolo,

spezzava il tuo sesso fanciullo; troppo dolce e umano,

e un mattino d'aprile, un bel cavaliere pallido,

un pazzariello, si accoccolò muto ai tuoi ginocchi!

Cielo! Amore! Libertà! Quale sogno, o pazza mia!

Tu ti scioglierai in lui come la neve al sole:

le tue grandi visioni strozzavano la tua parola

- e l'Infinito terribile sbigottì il tuo occhio cupo.

III

- E il poeta dice che ai raggi delle Stelle

vieni a cercare, di notte, i fiori che cogliesti;

e d'avere visto sull'acqua, distesa fra i suoi lunghi veli,

la bianca Ofelia, come un gran giglio, ondeggiare.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

BLOG CURATO CON

 

ULTIME VISITE AL BLOG

pantaleoefrancatestipaolo40meli.pantogi1trippafcatespedajohnamoroso7cdrcdr1952ofeliapreraffaellitamallarme2005danieli59aeffe79menbialggarciachef55
 

ULTIMI COMMENTI

Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 15:38
 
Tanti auguri di Buona Pasqua!!!!!!!!!!!!
Inviato da: a17540
il 20/03/2008 alle 08:43
 
Un Saluto e un augurio di una buona...
Inviato da: a17540
il 17/03/2008 alle 08:38
 
Bellissimi questi versi del grande poeta. Sai, penso che lo...
Inviato da: onlinemara07
il 02/03/2008 alle 21:09
 
ciao sono tapsvda. grazie della visita.... si il tuo blog è...
Inviato da: tapsvda
il 27/01/2008 alle 02:11
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom