Creato da infaticabile2 il 06/11/2012

non trovo un centro

pensieri in libertà

 

 

VELENO

Post n°276 pubblicato il 31 Gennaio 2020 da infaticabile2

Mi vomiti il tuo veleno,

piccole dosi poco alla volta.

Non vuoi uccidermi subito,

una morte lenta e mi guardi vacillare.

Pensieri in equilibrio precario

convinzioni che crollano miseramente,

non ti basta vincere

vuoi seppellire anche il ricordo,

spargere sale su queste macerie

mentre mi guardi morire lentamente e ti piace.

Sadico piacere di una mente malata,

ombra che mi segue ovunque.

Scheletro senza volto

in un corpo dall'anima crudele

nella giostra della vita.

Eppure ho voluto vedere il tuo gioco,

scoprire le carte che sapevano di bluff.

Così le tue parole cambiavano significato

ed era sempre a tuo favore.

Restano foto senza colori

pensieri che sanno di confusione.

Ancora una volta un pugno chiuso,

una lacrima di sangue scende lenta

e ora quel tuo veleno

è diventato il mio cibo.

 
 
 

E un giorno

Post n°275 pubblicato il 20 Dicembre 2019 da infaticabile2

E un giorno ritroverò il passato, guardandolo diritto negli occhi gli darò del tu, finalmente.

Quante cose dobbiamo ancora dirci e di quante sono curioso di sapere, lui che si ricorda tutto anche quello che ho dimenticato o che penso di aver vissuto, magari era solo un sogno vissuto qualche istante come questa vita che sento scivolare via, dov'è il mio essere trentenne o ventenne, dove la fanciullezza spensierata, solo l'odore del pane, del fieno e dell'erba, la salsedine che arriva al cervello o l'odore di alghe sotto al sole, in un'altra vita ero pesce, ero acqua, ero mare infinito.

A giorni ritrovo le parole, quelle dimenticate dentro a notti troppo lunghe, amo il buio e la solitudine dopo una vita piena di luce e vissuta a mille, il silenzio e la malinconia sono miei fratelli, ci diamo del tu e ci capiamo al volo e intanto questo vento soffia impetuoso scuotendo rami e foglie verdi, alcune cadono a terra e altre resistono coraggiose, ormai è un mondo che non riconosco più, non è il mio mio, non lo capisco proprio eppure vivo ancora e respiro e sogno.

Quanti colori nella mia mente, altre sfumature dentro l'anima e un cuore che pompa ed è di un rosso fuoco che brucia e arde come la voglia di lei che mi prende all'improvviso, che bello viverla, ascoltarla, imparare a conoscerla, sarà un sogno pure questo, intanto lo vivo trattenendo il fiato e nei silenzi parlo ed ascolto.

In questa follia torno bambino e dimentico e ricordo e rincorro il futuro che non conosco e che quando lo vivo, nell'esatto istante lo dimentico e questa follia è insieme di parole, sogni e pensieri, intanto queste dita toccano questa nera tastiera ed escono emozioni, altra follia di questo presente che mai ho capito ma che sempre ho compreso.

 
 
 

Signor nessuno

Post n°274 pubblicato il 13 Dicembre 2019 da infaticabile2

Ti chiamerò nessuno anche se hai volto e corpo e respiri ma sei buio dentro e il tuo alito è gelido come il ghiaccio e nelle tue parole non mi voglio più perdere.

Signor nessuno che continui a guardarmi seduto nel tuo egoismo,ogni tua azione,ogni gesto,ogni cosa che fai è fine e te stesso,mentre gli altri,mentre io alla fine non conto nulla.

Mi hai usato per lungo tempo,io complice delle mie paure ho lasciato fare,camminavo ad occhi chiusi diritto verso un burrone e il vento saliva impetuoso e tu sorridendo m'hai lasciato andare,che triste la realtà quando si aprono gli occhi.

O no,signor nessuno,non ti odio,sarebbe troppo facile cavartela così,tu ora sei semplicemente la mia indifferenza anche se ora ti dedico queste poche righe,ma sai,a ben vedere sono solo disprezzo e non ci crederai,quasi ti ringrazio,sei tutto ciò che domani voglio evitare,mentre oggi accarezzo queste ferite che proprio non vogliono chiudersi,forse anche per colpa mia,si forse ti odio ma lo grido nel silenzio di questa stanza dove echeggia solo la mia anima che tu hai ferito mortalmente.

Ora lascio andare questi pensieri che s'alzano al pari del fumo di una sigaretta che stringo tra dita sudate e labbra nervose mentre lo sguardo sgranato ripercorre all'indietro anni e anni d'inganni e parole ora senza più alcun significato,come quelle che vedo uscire dalla tua bocca ma che non riesco ne voglio più ascoltare,mio caro signor nessuno porta il tuo ego e quell'egoismo lontano da me,la mia strada sarà in salita,sarà dura,sara faticosa ma cadrò e ricadrò lontano da te,ora che sei niente,neppure il disprezzo di questo pensiero che già t'ha dedicato fin troppe attenzioni,mentre ti vedo uscire dalla mia vita e so che un secondo dopo starai già pensando a un altro inganno.

 
 
 

VAPORE

Post n°273 pubblicato il 03 Novembre 2019 da infaticabile2

Soffocavano i pensieri tra i risvolti di un letto mai disfatto completamente.

La fantasia allegra compagna dagli occhi spalancati, come una porta lucente.

Mani che scivolano su candida pelle, fessura da riempire quasi ad ogni costo.

Dita che affondano in emozioni profonde e diventano liquide, caldo piacere guardando piastrelle colorate intrise di un vapore opaco e senza riflesso.

Ancora grida la mente quasi supplicando, parole incomprensibili che escono con un filo di voce.

Spingi, prendimi, sbattimi forte,fammi male,fammi tua,ma erano solo pensieri urlati nella mente, nel buio di una ennesima stanza senza cuore.

Intanto le dita continuavano a giocare, tra un rosa innocente e un rosso fuoco, sporcandosi di piacere spalmato su ruvidi polpastrelli e unghie affilate.

Quanta forza nello sfiorare, mentre dentro alla testa montava l'ennesimo desiderio.

Bocca da riempire avidamente, grida rabbiose strozzate in gola, gola usata e abusata a volte per noia.

Echi di ricordi dimenticati tra lenzuola di letti sconosciuti e stanze anonime, solo buchi e momenti da riempire, con forza, quasi per rabbia.

Una lacrima rigava un viso nascosto nella penombra di una maschera trovata nel baule del piacere e subito gettata chiudendo l'ennesima porta.

 
 
 

L'essenziale

Post n°272 pubblicato il 19 Ottobre 2019 da infaticabile2

Sentiva le sue mani accarezzare il corpo,

la pelle liscia come velluto,

profumata come la migliore delle fragranze,

quella che entra così dentro

da far restare indifferente alle tante altre

e diventare unico.

Sentiva il suo respiro lento,

così che due cuori all'improvviso

iniziano ad andare allo stesso ritmo,

respirando la stessa aria,

diventando ossigeno.

Emozioni da seguire e inseguire

nella penombra di quella stanza

così fredda solo poco tempo prima.

Era luce,fuoco,era quello che volevi,

perchè semplicemente

era tutto quello che ti serviva.

Sapeva rapire i tuoi occhi,

tenerli prigionieri dentro ai suoi

e intanto ti stava aprendo

le porte della sua anima e stavi bene,

felicemente perso.

Era semplicemente l'essenziale...

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Scrittore85Coxa92infaticabile2Spes.Ultima.Deaovocmdlap1damtrevorhornsofya_mdaunfioreles_mots_de_sablesoltanto_unsognoNonnoRenzo0lacaliffa0blaskina88sonoveroperveradany20191
 

ULTIMI COMMENTI

Ma io ho ancora 10 anni e devo crescere :)))
Inviato da: infaticabile2
il 20/12/2019 alle 17:44
 
Quando siamo bambini vogliamo diventare adulti. Quando...
Inviato da: sofya_m
il 20/12/2019 alle 13:49
 
<3
Inviato da: sofya_m
il 17/12/2019 alle 12:42
 
Si hai razionalmente ragione...forse...:))
Inviato da: infaticabile2
il 16/12/2019 alle 09:31
 
i signor nessuno esistono proprio per farci capire cosa...
Inviato da: sofya_m
il 16/12/2019 alle 08:35
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom