**TEST**
Creato da paoloalbert il 20/12/2009

CHIMICA sperimentale

Esperienze in home-lab: considerazioni di chimica sperimentale e altro

 

 

« Sintesi del Bromuro rameosoEtilxantato, rame e altr... »

Salomone e i sali di Roussin

Post n°17 pubblicato il 24 Febbraio 2010 da paoloalbert


SalomoneScorrendo il buon vecchio Salomone (una cara bibbietta degli sperimentatori degli anni '50, non sempre affidabilissima ma a cui si perdonano volentieri tutti i peccati), mi sono imbattuto nel Sale di Roussin, un bel complesso nero con un nome altrettanto suggestivo:

solfuro epta-nitroso-ferro-potassico, ovvero KFe4(NO)7S3.H2O, e, come al solito, m'è venuta voglia di provare a farlo.

 

 

Roussin formula

 
Guarda che meraviglia di struttura, tutto un intreccio di legami covalenti tra zolfo, ferro, azoto, ossigeno... solo a guardare questo groviglio vien voglia di mettersi a giocare con beute e reagenti!

 

Materiale occorrente:

Ferro solfato (II)
Potassio nitrito
Sodio solfuro
Vetreria opportuna

Preparare una soluzione di 10,5 g di potassio nitrito e 7,5 g di sodio solfuro in 100 ml di acqua.
La soluzione scurisce; a questa aggiungere a poco a poco una soluzione di 17,5 g di solfato ferroso in 100 ml di acqua.
Si ottiene un precipitato nero e denso, che si scioglie parzialmente riscaldando alla ebollizione. Salomone non lo dice, ma si forma sicuramente anche solfuro ferroso, quindi il liquido si filtra ancora molto caldo e si tiene il filtrato.
Io ho ripetuto l'operazione per essere sicuro di non averre FeS. Per raffreddamento si separa una polvere nera cristallina immersa in un liquido altrettanto nero.
Il complesso è abbastanza solubile in acqua e ha una estrema potenza colorante: ne basta una minima puntina di spatola per colorare una intera provetta d'acqua di nero impenetrabile, mentre estremamente diluito è rossastro.

 

Roussin sale


Esiste anche un altro "sale rosso di Roussin", di formula K2[Fe2S2(NO)4], entrambi studiati nel 1858 dal chimico francese M.L.Roussin; più recentemente sono stati preparati degli esteri organici derivati da questi complessi nitrosil-solforati.

Spesso le preparazioni del prof. Salomone devono essere abbastanza "interpretate": prese alla lettera portano talvolta a risultati un po' troppo grossolani, ma il libro rimane un must nella storia della vecchia chimica sperimentale ed una vera miniera di idee per interessanti esperimenti organici ed inorganici.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

giuseppebimbiolgy120Cirullifrascivolare.sultuovisoDeixaGiraAGirarpaoloalbert1paoloalbertalogicozifromoschettiere62solosorrisominolinoNoRiKo564lorismenghschiro.giacomo
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

AREA PERSONALE