**TEST**
Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

A Maria, Regina dell'universo

Post n°311 pubblicato il 28 Marzo 2020 da pasquale.zolla

 

Una preghiera alla madre Celeste, Patrona di Lucera, affinché venga in nostro soccorso, come ha sempre fatto nei secoli passati per la nostra Città.

Una preghiera semplice per l'intera umanità, con traduzione in lingua madre.

Marìje, aùste Patròne d’u cile è d’a tèrre

 

Marìje, Regine d’u ‘nevèrze è Mamme

 

d’u jènere umane, Tu me chiame

 

è ìje a tè vènghe; ‘a vòcia tuje

 

suàve ka me trase dind’u kóre

 

a sènde stènghe è a tè m’arrevóte,

 

ò Regine aùste d’u cile è d’a tèrre,

 

‘vvukate d’i pekkature. Èkkume

 

avvecin’a tè, nda stu mumènde

 

de granne pavure, kume arreturnate

 

da nu lunghe jì, strakkue da nu lunghe

 

perekrenà ngèrke de kujéte è prjèzze.

 

A tè sònghe turnate pe sènde

 

‘a vòcia tuje matèrne, zekòse

 

è dòce pekkè ‘a strate me nzinghe,

 

kuèlle nzengate da Gesù è suje

 

descipule, da segutà; p’allummenà

 

d’a reruta tuje i rjartà mìje

 

de tuttekuande i jurne, i prubléme

 

k’aspèttene ‘na suluzjòne, i duére

 

ka pe ngape kum’a préte mbése stanne.

 

Marì, Tu m’akkanusce, saje kuille

 

ka d’abbesugne aghje, nda sti mumènde

 

de pavure è skumbòrte ka stu pajése

 

mije stace attraverzanne.Ndervine

 

prisse u Fighje tuje pe farce avè

 

‘na grazje d’ò Patre suje affenghè

 

 verusse pòzza skumbarì è nd’u kòre nustre

riappeccià ‘a speranze de nu kraje lustre.

 

Maria, augusta Patrona del cielo e della terra

 

Maria, Regina dell’universo e Madre

 

dei viventi, Tu mi chiami

 

e io a te vengo; la tua voce

 

soave che mi penetra nel cuore

 

ascolto e a te mi rivolgo,

 

o Regina augusta del cielo e della terra,

 

avvocata dei peccatori. Eccomi

 

a te accanto, in questo momento

 

di grande paura, come ritornato

 

da un lungo cammino, stremato da un lungo

 

peregrinare in cerca di pace e felicità.

 

A te sono tornato per sentire

 

la tua materna voce, affettuosa

 

e dolce perché mi indichi la strada,

 

quella insegnata da Gesù ai suoi

 

discepoli, da percorrere; per illuminare

 

del tuo sorriso le mie realtà

 

di tutti i giorni, i problemi

 

che attendono una soluzione, i doveri

 

che mi ingombono.

 

Maria, Tu mi conosci, sai quello

 

di cui ho bisogno, in questi momenti

 

di paura e sconforto che questo paese

 

mio sta attraversando. Intervieni

 

presso il tuo Figliolo per farci avere

 

una grazia da suo Padre affinché

 

questo virus possa dissolversi e nel nostro cuore

 

riaccendere la speranza di uno splendido giorno.

 

 


 

 
 
 

Dantedì

Post n°310 pubblicato il 25 Marzo 2020 da pasquale.zolla

 

DANTE ALIGHIERI

Con la sua opera, la “Divina Commedia, Dante ha dato all’umanità una visione cristiana filosofica del destino eterno dell’uomo.

Nato a Firenze nel 1265, sposò nel 1285 Gemma Donati, dalla quale ebbe tre figli.; partecipò alla battaglia di Campaldino e, dal 1295 al 1302, si dedicò all’attività politica ricoprendo cariche importanti a Firenze, dove erano in atto lotte politiche spesso sanguinose tra i Guelfi, sostenitori del papato, e i Ghibellini, sostenitori dell’impero.

In seguito alla sconfitta del suo partito, Dante, guelfo di parte bianca, fu ingiustamente condannato e costretto all’esilio (1301). Passò il resto della sua vita, fino alla morte avvenuta nel 1321, peregrinando da una corte all’altra svolgendo incarichi diplomatici.

Nella poesia in vernacolo l’interpretazione dei fini dell’opera del grande poeta è frutto di pura fantasia, ma mi auguro possa piacervi.

 


 ‘A sòrte sènza timbe de l’òme

K’a Devine Kummèdje Dande ci’have

date ‘na vesjòne krestjane fesulòfeke

d’a sòrte sènza timbe de l’òme. Ci’have

nvughjate ‘a kanòsce ‘a venuta nòstre

ò’ munne pe ce dì de nen kambà da babbe

(Ummene site, è nò pekure matte), ma d’èsse

vertuse pekkè Kuille ka ògnèkkòse

semòve ce have arrjalate u libre

arbitrje nò p’èsse cekate, kanèrze

è ‘mmedjuse, ma pe vedè ‘a ‘ternetà

nda nu ranille de réne è u paravise

nda nu fjòre de kambe tenènne

u mbenite nd’u parme de ‘na mane

è ‘a ‘ternetà nda n’òre. Lassate ògnè

speranze, ò vuje ka trasite, have skritte

sóp’a pòrte d’u Mbèrne. Nu kunzighje

éje pe ce dì ka u mbèrne de ki kambe

nenn’éje kakkèkkòse ka sarrà, ma éje

kuille k’abetame è jurne nustre è ka

sime arrevate ò punde ka nenn’u vedime

chjù pekkè n’u nzapime chjù arrekanòsce.

È ce abbannuname è rekurde, sènze

ka kunne ce rennime ka ninde dace chjù

delòre ka u rekurdà i mumènde chjù bèlle

nd’a mbelecetà. Bèlle, ‘mméce, sarrìje

fà arrenasce nda nuje u Ammòre p’arrekanòsce

kuille ka de bèlle c’éje arrumase d’u paravise:

 i brellòkke d’u cile, i fjure è i krjature.

Il destino eterno dell’uomo

Con la Divina Commedia Dante ci ha

dato una visione cristiana filosofica

del destino eterno dell’uomo. Ci ha

invogliati a conoscere la nostra venuta

al mondo per dirci di non vivere da stolti

(Uomini siete, e non pecore matte), ma di essere

virtuosi perché Colui che tutto

muove ci ha donato il libero

arbitrio non per essere ciechi, avari

e invidiosi, ma per vedere l’eternità

in un granello di sabbia e il paradiso

in un fiore di campo tenendo

l’infinito nel palmo di una mano

e l’eternità in un’ora. Lasciate ogni

speranza, o voi che entrate, ha scritto

sulla porta dell’Inferno. Un monito

è per dirci che l’inferno dei viventi

non è qualcosa che sarà, ma è

quello che abitiamo ai nostri giorni e che

siamo giunti al punto di non vederlo

più perché non sappiamo più riconoscerlo.

E ci abbandoniamo ai ricordi, senza

renderci conto che niente dà più

dolore che il ricordare i momenti felici

nell’infelicità. Bello, invece, sarebbe

far rinascere in noi l’Amore per riconoscere

ciò che di bello ci è rimasto del paradiso:

le stelle, i fiori e i bambini.


 

 

 

 

 

 
 
 

I giorni della paura

Post n°309 pubblicato il 24 Marzo 2020 da pasquale.zolla

 

COVID 19: tallone d’Achille dell’umanità

In questi giorni di bollettini di guerra contro un fantasma chiamato COVID 19, che continua a mietere vittime in ogni parte del mondo e mette tanta paura tanto da portarci a vedere scenari apocalittici che, per chi resterà, cambieranno senz’altro stili e modi di vivere.

La paura è un allarme che scatta di fronte a rischi dai quali fuggire o difendersi o da ciò che ci sembra estraneo, sconosciuto.

A volte si manifesta attraverso una sensazione di allarme, di forte ansia che fa perdere delle certezze e che sconvolge la sicurezza di vedere la vita e le abitudini conquistate con fatica.

Tutti abbiamo paura!

C’è chi asserisce di non averne mai avuto, ma è una colossale bugia perché la paura ci ricorda che dentro di noi c’è un luogo misterioso che ci spaventa.

È la paura che si prova da bambini quando raccontavano di orchi o lupi cattivi  che mangiavano delle persone.

In questi giorni di divieti governativi e non solo, si ha paura di se stessi e la si camuffa in eventi che possono aggredire, stordire, fare del male.

Quando si ha paura ci si accorge che c’è qualcosa che non si sa, che non si conosce, che fa svanire ogni certezza perché sembra dire che quello in cui si crede va in una sola direzione: quella sbagliata.

E ciò fa cambiare mentalità e rende unici!

La paura è un sentimento soggettivo che nasce dentro l’uomo, dal modo di affrontare la vita, e attribuisce significati a ciò che lo circonda.

A volte la paura erige muri invisibili, come una prigione, da cui difficilmente si riesce a fuggire.

Essa affonda le sue radici nella storia personale di ognuno di noi, nel nostro inconscio! E si presenta con il colore bianco dei fantasmi, ma non dura per sempre!

Affrontiamo questa situazione con pazienza, affidiamoci a tutte quelle persone coraggiose che stanno lavorando per sconfiggere il COVID 19, il nostro tallone d’Achille oggi, e vedrete che presto tutto finirà. Ma per farlo c’è bisogno della collaborazione di tutti: restare in casa e uscire solo in caso di necessità. Vedrete che quanto prima tutto andrà bene e con gioia potremo tornare a vivere la nostra vita di sempre!

Segnòre tenime pavure

 

Segnòre, ògge chjù ka maje,

 

tenime pavure d’u kraje

 

ngirte andò nesciuna sekurèzze

 

stace. Tenime pavure de tutte,

 

de nen ndenè da magnà, de kadè

 

malate è de nen avè kure. Nda stu

 

munne nu nuve Èròde, ngiuste

 

è fetènde, accide sènza nu pekkè.

 

Vestute véne da pandasme è nesciune

 

u véde p’u kumbatte a arme pare.

 

Pòrte ‘na malatìje ka p’i vecchjarille

 

mòrte cirte addevènde. Éje nu nuve

 

Èròde ka nze manefestéje, ma danne

 

assaje pòrte a l’ummene de bóne

 

è kattive vulundà. Segnòre, Tu ka staje

 

sèmbe ammizze a’ gènde, citte,

 

kum’a n’areve ka krèsce sèmbe chjù,

 

è, jurne dòppe jurne, sèmbe vaje

 

p’i strate d’u munne, nda luke lurde

 

è abbannunate, a ndò ‘a mesèrje,

 

‘a malatìje è i uèrre jènghene

 

u kambà de tanda krestjane,

 

kagne u skurde de sti jurne de pavure

 

è de mòrte k’a lustre akkussì

 

ka u kraje chjìne d’Ammòre  

 

arretòrne a sblènne. Segnòre, Dìje nustre,

 

ajutece k’a grazja tuje a kumbatte

 

stu malanne e facce subrà sti

 

mumènde de trestèzze è pavure sòpattutte

 

p’u avvenì d’i fighje è d’i nepute nustre

 

è facce arreturnà a kambà sóp’a sta

 

tèrre andò c’è misse fatte

 

a tuje ‘mmagene è sumeghjanze!

 

 

 

 

 

Signore abbiamo paura

 

Signore, oggi più che mai,

 

 abbiamo paura del domani

 

incerto in cui nessuna sicurezza

 

esiste. Abbiamo paura di tutto,

 

di non avere da mangiare, di cadere

 

ammalati e di non avere cure. In questo

 

mondo un nuovo Erode, ingiusto

 

e cattivo, uccide senza un perché.

 

Viene vestito da fantasma e nessuno

 

lo vede per combatterlo ad armi pari.

 

Porta una malattia che per i vecchietti

 

è morte certa. È un nuovo

 

Erode che non si manifesta, ma danni

 

assai porta agli uomini di buona

 

e cattiva volontà. Signore, Tu che sei

 

sempre tra la gente, in silenzio,

 

come un albero che cresce sempre

 

e, giorno dopo giorno, sempre vai

 

per le strade del mondo, in luoghi sporchi

 

e abbandonati, dove la povertà,

 

la malatia e le guerre riempiono

 

la vita di molte persone,

 

sostituisci il buio di questi giorni di paura

 

e di morte con la luce così

 

che il domani pieno d’Amore

 

ritorni ad splendere. Signore, Dio nostro,

 

aiutaci con la tua grazia a combattere

 

questo malanno e facci superare questi

 

momenti di tristezza e paura soprattutto

 

per il futuro dei nostri figli e nipoti

 

e facci  ritornare a vivere su questa

 

terra dove ci hai messo fatti

 

a tua immagine e somiglianza!

 

 


 

 
 
 

Festa del papà 2020

Post n°308 pubblicato il 17 Marzo 2020 da pasquale.zolla

 

La festa del papà

Anche se siamo in casa chiusi per l’epidemia del coronavirus voglio fare un augurio a tutti i papà del mondo che tanto danno ai loro figli e che in questi momenti brutti ridiventano bambini giocando in casa con i loro figlioletti. A tal proposito vorrei ricordare un gioco che si faceva con le sedie: il trenino. Si mettevano delle sedie una dietro l’altra e su di ognuna si sedeva un bambino. Il capotreno, quello seduto sulla sedia davanti, faceva anche da macchinista, passava per ritirare un biglietto fatto con pezzi di carta. Poi si partiva imitando i suoni della sirena del treno e dello sferragliamento dello ruote sui binari.

Una volta partiti il capotreno il macchinista diceva ad esempio: svolta e sinistra e stendeva il braccio sinistro, curva a destra e spostava la testa a destra, chiedeva ai viaggiatori menzionando il numero del posto occupato cosa voleva fare o mangiare, oppure seguendo un itinerario ci si fermava ad una stazione per parlare di ciò che in quel posto di bello c’era, si fermava dove c’era una grande libreria per prendere dei libri e raccontare qualche storia, per poi invitare a fare dei disegni o a far raccontare ai viaggiatori una loro storia. Insomma era un gioco fantasioso che ci faceva passare il tempo con serenità. Lo si può fare coinvolgendo tutti i presenti, anche perché abbiamo a disposizione tutto il tempo che vogliamo. Senz’altro porterà un sorriso ai più piccoli e ai grandi la gioia di dare ai figlioletti un passatempo lontano dalla tivù.

In Italia, la festa del papà si celebra  il 19 Marzo, il giorno in cui, dal 1968, si festeggia anche San Giuseppe.

Le rose sono il simbolo di questa festa, rosse, se il genitore è ancora in vita, bianche, in caso contrario.

Due tradizioni, in particolare, caratterizzano questa festa: i falò e le zeppole.

Poiché la celebrazione di San Giuseppe coincide con la fine dell'inverno, le celebrazioni rituali religiose, come spesso accade, si sovrappongono a quelle pagane come i riti di purificazione agraria, di antica memoria. In quest'occasione, infatti, si bruciano i residui del raccolto sui campi, ed enormi cataste di legna vengono accese ai margini delle piazze. Quando il fuoco sta per spegnersi, alcuni lo scavalcano con grandi salti, e le vecchiette, mentre filano, intonano inni per San Giuseppe.

Le zeppole di San Giuseppe sono un dolce tipico della cucina Italiana e derivano da una tradizione antica risalente addirittura all'epoca romana. Sono due le leggende che si tramandano: secondo la tradizione dell'epoca romana, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera. Proprio per questo motivo, in tutta Italia, le zeppole divennero i dolci tipici della festa del papà, preparati per festeggiare e celebrare la figura di San Giuseppe.

La seconda leggenda è legata alle celebrazioni che avvenivano nell'antica Roma il 17 marzo, in onore delle divinità del vino e del grano.

Per omaggiare Bacco e Sileno, precettore e compagno di gozzoviglie del dio, il vino scorreva a fiumi, e per ingraziarsi le divinità del grano si friggevano delle frittelle di frumento.

La poesia di quest’anno è dedicata a mio padre che non c’è più, ma lo è per tutti i padri che ci hanno preceduto e che ora sono tra le braccia del Signore.



 

A pateme ka chjù nge stace

Kare dòce favugnille scelljìje,

scelljìje vèrze u chjù avete d’i cile,  

allassópe pure pateme certamènde

vedarraje. Dille ka appure ìje

patre è papanònne sònghe addevendate

è ne mbòzze nen addengrazjarle pe m’avè

arrjalate i kòse chjù mburtande d’a vita

mìje: u timbe suje, ‘a ‘ttenzjòne suje,

u ammòre suje. Arrekòrde, kume si mò

fusse, kuanne mbrazze me peghjave

è m’avezave chjù ‘n’avete d’a kapa suje

decènneme: Chjù lundane de mè jarraje!

Ògnè vòte ka te pènze, kare papà,

sènde u kòre mìje vatte fòrte

è ‘na dòce manungunìje d’i mumènde

jute anzime me pighje. Ògge ka éje

‘a fèsta tuje i agurje te vularrìje

fà pure si ne nge staje chjù. Scelljìje,

scelljìje dòce favugnille è purte

a pateme nu vase è tutte u ammòre

ka pe isse aghje avute è angòre

mò tènghe, rekurdanne i uarde suje,

‘a reruta suje è i bèlle paròle suje

ka hanne arrapirte u jì mìje.

 

 

A mio padre che non c’è più

Caro dolce zefiro vola,

vola verso il più alto dei cieli, 

lassù di certo anche mio padre

vedrai. Digli che anch’io

sono diventato padre e nonno

e non posso non ringraziarlo per avermi

donato le cose più importanti della vita

mia: il suo tempo, la sua attenzione,

il suo amore. Ricordo, come se adesso

fosse, quando in braccio mi prendeva

e mi alzava al di sopra della sua testa

dicendomi: Andrai più lontano di me!

Ogni volta che ti penso, caro papà,

sento il mio cuore battere forte

e una dolce malinconia dei momenti

passati insieme mi prende. Oggi che è

la tua festa gli auguri ti vorrei

fare anche se non ci sei più. Vola,

vola dolce zefiro e porta

a mio padre un bacio e tutto l’amore

che per lui ho avuto e ancora

adesso ho, ricordando i suoi sguardi,

il suo sorriso e le sue belle parole

che hanno aperto il mio cammino.

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Restiamo a casa

Post n°307 pubblicato il 14 Marzo 2020 da pasquale.zolla

 

Andrà tutto bene

“Non sopravvive la specie più intelligente e neanche quella più forte. Sopravvive quella che si adatta meglio ai cambiamenti dell’ambiente in cui si vive!” (Darwin)

Quanto scritto da Darwin oggi è più che attuale perché abbiamo sottovalutato l’impatto col coronavirus abbassando le difese che ci venivano proposte dal suo apparire in Cina.

Abbassando le difese, ci ha attaccato in modo spaventoso perché è proprio quando si abbassano le difese che si viene attaccati. È una regola immutabile, inflessibile, come le leggi della fisica: appena sei disarmato, è allora che ti azzannano alla nuca.

Per essere certo di conquistare la zona dove hai impegnato battaglia, attacca un punto che il nemico non difende. E oggi, con il coronavirus che impera, il punto dell’attacco è la casa, perché è lì che il nostro invisibile nemico non ci può attaccare.

La difesa sballata, il centrocampo endemicamente fioco, il fare di fingere d’ignorare l’esistenza del nostro nemico sono state la stupidità di difendersi dal subdolo virus, per non sacrificarsi per qualche tempo isolandosi in casa.

Oggi il nostro compito principale, la nostra ragion d’essere, è difendersi dal coronavirus e la resistenza consiste nel difendere la vita stando in casa e senza aver paura, perché la paura è sempre incline a farci vedere le cose più brutte di quel che sono.

RESTIAMO IN CASA E TUTTO ANDRA’ A BUON FINE!


Si ce vulime béne ngase arrumanime

‘A vite nu juke éje de svendatèzze,

si pirde kujéte staje è aspitte

‘a ‘kkasjòne tuje, ma ne mberdènne

u ndellitte. Ne nde facènne peghjà

d’a pavure, atremènde nu mbedeminde

addevènde ka te mdedisce de jì

annande. Leggène ‘a Bibbje aghje

truàte spisse skritte: Nenn’avite pavure!

Tanda vóte kuande i nudeke de pavure

ka ce strèngene è ce fanne kambà

affritte è kundrarjate nda sti jurne

de ‘pedemìje verale. Azzettame

sta pavure akkume a ‘na parte

d’a vita nòstre ka stace kagnanne

u mude de fà kutedjane è jame

annande nunustande i vattete

d’u kòre nustre dicene de turnà

arréte. Si ce vulime béne ngase

arrumanime è tutte bune fernarrà

è nd’u sóle priste turnarrime a kammenà!

Se ci vogliamo bene restiamo in casa

La vita è un gioco d’azzardo,

se perdi stai calmo e aspetti

la tua occasione, ma non perdere

la bussola. Non farti prendere

dalla paura, altrimenti un ostacolo

diventa che ti impedisce di andare

avanti. Leggendo la Bibbia ho

trovato spesso scritto: Non temete!

Tante volte quante le spire di paura

che ci stringono e ci fanno vivere

tristi e delusi in questi giorni

di epidemia virale. Accettiamo

questa paura come una parte

della nostra vita cambiando

il nostro fare quotidiano e andiamo

avanti nonostante i battiti

del nostro cuore ci dicano di tornare

indietro. Se bene ci vogliamo, a casa

rimaniamo e tutto bene finirà

e nel sole presto torneremo a camminare!


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ciaobettinapasquale.zollaoODolceLunaOoolgy120massimo.sbandernocarloreomeo0Karnycellsxxx_senso_unicoalogicomauriziocamagnasipontinaimmobiliaretrevisan.franco49non_libera_forsepqisrl
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom