**TEST**

Sorridere è Amare

...Crederci e mettersi in gioco sempre...

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: pazza105
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: RE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG PREFERITI

ULTIME VISITE AL BLOG

giacinto.garceailtuocognatino1mauriziocamagnaCoulomb2003VEDI_SE_TI_PIACCIOlucebuio0depascapaoloannamatrigianodevidemanuevita.perezmargherita5575thesunshiine0Jabel.RledydellanotteUnacottailtuocollega
 

ULTIMI COMMENTI

Buongiorno. Crede fermamente che le Donne siano il...
Inviato da: prefazione09
il 03/11/2019 alle 12:26
 
Pura commozione. Mi hai fatto piangere
Inviato da: Coulomb2003
il 04/07/2019 alle 23:27
 
Davvero commovente...un felice anno nuovo e che tutto si...
Inviato da: Alice0506
il 03/01/2019 alle 12:44
 
meraviglioso
Inviato da: un_uomo_della_folla
il 26/04/2018 alle 00:00
 
È quel che servirebbe a me, ma per colpa mia non riesco a...
Inviato da: RavvedutiIn2
il 18/12/2017 alle 19:56
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« ...... »

Fogli di giornale..

Post n°256 pubblicato il 11 Gennaio 2018 da pazza105

Stupita e disorientata. 

Una distesa di fogli di giornale, una sala piena, tanti, tantissimi, più strati, infiniti.
Al via una corsa per scivolarci dentro.

Buttarsi, essere riempiti di fogli volanti e poi cavalcarli e poi nascondercisi sotto ed esserne immersi sopra, e poi correre, scivolare, inciampare..
e poi affondarsi nella montagne di cumuli e stare, ascoltare il proprio respiro e immaginarsi "a morto" sul mare. 
Tu ferma, distesa, rilassata e sentire le onde come in burrasca infrangersi cattive sugli scogli e poi sentirne altre più lontane, come uno sciacquettio dolce, calmo, che da pace e quiete, e sì, perchè tu sei distesa, ma gli altri continuano a giocare ed è il correre vicino o lontano che porta alla mia mente questa straordinaria onomatopea.

Mi è sembrato incredibile riconoscerlo così chiaramente tanto che più mi entrava dentro più cercavo di sentirlo, più lo sentivo e più cercavo di andargli incontro ed entrarci dentro. Mi guardavo intorno ed ero felice.

Avevo immaginato tanto davanti a quella distesa di fogli ma mai mi sarei immaginata tutta quella potenza.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: pazza105
Data di creazione: 21/11/2005