Creato da Erikasimo il 15/06/2011
 

Pinkissimo

il mondo delle donne

 

 

« Cioccolato fondente antiictusNatale: niente stress co... »

Se vuoi curare il cuore comincia dai reni

Post n°19 pubblicato il 11 Novembre 2011 da Erikasimo
 
Foto di Erikasimo


Secondo una recente ricerca scientifica la salute dei reni sarebbe strettamente correlata a quella del cuore. Ma come mai questo collegamento?


Sappiamo che il cuore è uno specchio delle nostre funzioni vitali e quando il nostro organismo non riesce più a funzionare armonicamente fra tutti i suoi parametri vitali finisce sempre che la sua salute viene compromessa. Se conoscevamo ad esempio il collegamento che c'è tra fegato e reni o fegato e cuore, non ci era ben chiaro quale fosse il legame che unisse i reni con il cuore.


Secondo i ricercatori infatti chi ha un problema renale ha un elevatissimo rischio di incorrere in attacchi cardiaci o di sviluppare patologie cardiache. I risultati dello studio Carthes sono stati presentati al Congresso nazionale delle Società italiana di nefrologia (Sin). Secondo lo studio chi ha una funzionalità renale ridotta del 50% ha 10 volte più probabilità di avere un infarto o di morire a causa di problematiche cardiovascolari.


Lo studio è stato realizzato attraverso la collaborazione dell'Istituto Superiore di Sanità e l'Associazione Nazionale Medici Cardiologici Ospedalieri (Anmco). Allo studio hanno partecipato oltre 9 mila persone italiane ed in una prima indagine è stata indagata la diffusione delle patologie renali tra i volontari.


Successivamente i volontari sono stati divisi in due gruppi in base alla presenza di insufficienza renale e alla ridotta funzionalità dei reni. In base ai dati risulta che le patologie renali colpiscono circa l'8% della popolazione italiana e di questi il 5% ha un problema cronico mentre il 3% ha danni renali allo stato iniziale. Inoltre chi ha una funzionalità renale ridotta del 50% ha circa 2 o 3 volte in più il rischio di essere colpito da ictus o infarto cardiaco.


E così mentre tutti i pazienti neuropatici si curano sperando di non finire in dialisi hanno un rischio maggiore di essere stroncati da un infarto molto prima che si abbia il blocco renale.


Questo è quanto riferito dal Professor Francesco Pizzarelli, Segretario della Sin e direttore del reparto di Nefrologia all'Ospedale S.M. Annunziata di Firenze.


Il cuore e i reni sono legati a doppio filo e condividono le stesse sorti soprattutto se i fattori di rischio sono l'ipertensione e l'obesità.


L'unico modo per risolvere il problema renale e alleggerire il cuore è fare dei semplici esami poco costosi come l'esame dell'urina e la creatininemia.


Maria Melania Barone

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giuseppearleocelesteviolinistafaffy_girlnunzia.mimmoferullo.antonionyatec.labvanessa1995tittiesilvestrinalu_frpaolocodato73t.cianchellimummiabiancaneri_matteo1983Peperliziasissylady
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Allora e' permesso fumare?
Inviato da: pluribannato_segato
il 12/03/2012 alle 15:18
 
Molto interessante!
Inviato da: grazia.pv
il 28/10/2011 alle 13:08
 
mi piace!
Inviato da: abbacino
il 28/07/2011 alle 12:30
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

SITI AMICI:

 
Template creato da STELLINACADENTE20