Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 794
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 59
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 794
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 
« BLOG MORTALE ETA' BIOLOGICA ED ETA'... »

IL BLOG CHE UCCIDE....

Post n°729 pubblicato il 07 Aprile 2008 da psicologiaforense
 

MA CHE SCIOCCHEZZE!

SI AFFERMA (VEDI PRECEDENTE POST):
" lo stress di tener aggiornato 24 ore su 24 un 'diario on line' combinato con l'assenza di esercizio fisico e di sonno e con una dieta irregolare e malsana, sono un cocktail potenzialmente letale che ha cominciato a mietere vittime nel mondo del web".

OSSERVO IN MERITO: Non c'è chi non sappia che alcuni comportamenti come:  vita sedentaria, mancanza di sonno, dieta irregolare e malsana,  vita disordinata ecc... conducono, prima o poi a varie malattie metaboliche e anche alla morte per infarto, ictus... Quindi non è il blog che fa male è LO STILE DI VITA CHE UCCIDE! 

Facciamo una digressione sperando di non abusare della pazienza dei miei lungimiranti lettori:

L'INFARTO MATEMATICO:  Nessuno avrebbe mai potuto pensare che la matematica facesse male al cuore, eppure sette medici della Hammersmith Hospital di Londra, guidati dal professor John Deanfield, hanno dimostra­to che un esercizio mentale di aritmetica e in grado di ridurre l' apporto di sangue al cuore, per cui ne può nascere una" angina pectoris matematica".

Sin qui s' era pensato che i grandi matematici capaci di grandi exploit fossero coloro che sono mancini, miopi e allergopatici, cioè affetti da asma, rinite, febbre da fieno, eczema, orticaria e via dicendo. Ora dovremmo riconoscere loro una quarta qualità: cuore e coronarie a prova d'urto, forti e flessibili, resistenti a tutte le prove matematiche.

Questi sette medici londinesi hanno sottoposto a prove arit­metiche mentali 16 persone che a volte soffrivano quei dolori toracici che vengono chiamati anginosi. Determinava stupore nei medici il fatto che il dolore anginoso comparisse sporadica­mente senza una causa ben chiara. Di qui il bisogno di stabilire quale fosse la causa promuovente la recrudescenza dell' angina. E il compito di aritmetica, l'esercizio mentale sui numeri, ha dimostrato che può essere una delle cause di tale recrudescenza.

Per documentare questa angina matematica si è ricorsi

all'e­lettrocardiogramma e si è visto che in effetti l'onda ST presenta una depressione indicativa di una precaria circolazione corona­rica. E si è ricorsi anche ad un esame più capzioso, quello a base di rubidio 12, una sostanza radioattiva che consente di osserva­re, attraverso l'esame noto come PET o Positron Emission To­mography, la normale o meno irrorazione dei muscoli cardiaci. Le 16 persone di età varia dai 41 ai 74 anni, sottoposte a questa prova, hanno rivelato una effettiva minorazione circolatoria car­diaca durante lo stress aritmetico.

Dunque era inesatto pensare che il cervello fosse il solo a soffrire di stress mentale; c'è invece una ripercussione generale.

Vedremo quindi persone che, prima di affrontare una discussio­ne sulle tasse o cose del genere, e PRIMA DI SEDERSI AL COMPUTER PER AGGIORNARE IL BLOG  metteranno una pillola di trinitrina sotto la lingua per consentire alle loro coronarie di mantenere una adeguata stabilità e una di nifedipina per evitare lo spasmo dei piccoli vasi del muscolo cardiaco.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog