la creativita'

spazio di riflessione sul mondo interiore creativo e spirituale delle persone e la relazione con la societa' ed i problemi della vita

 

1° COLLOQUIO GRATUITO DI COUNSELING VIA SKYPE

 

CHAT ONLINE INFO COUNSELING TRANSPERSONALE

 

COME SI SVOLGE L'INCONTRO DI COUNSELING?

 

CONTATTI X INCONTRI DI COUNSELING TRANSPERSONALE

 

CERCA TAG NEL BLOG CON GOOGLE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

blog search directory

 

 

BlogNews

 
 

 

Passioni e umore variabile.

Post n°203 pubblicato il 14 Aprile 2021 da relavita
 
Foto di relavita

Nella società odierna spesso vengono confusi gli atteggiamenti personali motivati dalle passioni e ricchi di varie emozioni con l'umore variabile determinato da qualche disagio individuale. Le passioni possono infatti creare talvolta un atteggiamento mutevole alla persona vivamente interessata ad operare con benevolenza nella comunità. Nelle passioni della persona evoluta possiamo riscontrare un affetto che facilita il reale miglioramento delle condizioni di vita della società. Le persone dotate di passioni tendono a commuoversi e successivamente a suscitare con fervore la liberazione dai dogmi e dalle rigidità mentali che inibiscono l'espressione naturale di un essere umano. Le passioni delle persone evolute sono prive dell'ira funesta ma mascherata di coloro che vogliono invece imporre le proprie convinzioni al mondo anche attraverso le alterazioni dell'umore. L'umore variabile è spesso connotato da un disagio che priva interiormente la persona della capacità di provare affetto vero o di agire con benevolenza nel mondo. L'umore variabile è anche un disagio personale che genera indifferenza ed incapacità di prendersi cura delle relazioni. La persona con l'umore variabile ha un atteggiamento abituale generato dal proprio blocco evolutivo mentre coloro che sono dotati di passioni tendono a liberare le proprie risorse interiori più genuine, creative ed umane. L'umore variabile può generare un malessere interiore alla persona, irrigidire i rapporti interpersonali ed ostacolare il superamento dei problemi professionali e relazionali. La persona con l'umore variabile è spesso incoerente nelle scelte professionali e relazionali mentre l'essere umano ricco di passioni è coerente con l'intento di evolvere sé stesso e la comunità in cui vive. Le passioni vere sono movimenti interiori originati dal cuore umano opposte alla freddezza delle persone con umore variabile e tratti patologici spesso inserite in ruoli dirigenziali nelle organizzazioni pubbliche e private. Le passioni aiutano la società a divenire più umana e cosciente dei problemi di vita che generano dolore, sofferenze e limitazioni alla sapienza dei cittadini.

 
 
 

Orologio della vita transpersonale interiore.

Post n°202 pubblicato il 13 Febbraio 2021 da relavita
 
Foto di relavita

L'orologio connesso alla vita transpersonale interiore dell'essere umano è indipendente dai condizionamenti subiti dalla persona per rispettare determinati tempi e spazi di azione nella professione o nelle relazioni sociali e familiari. Nell'ambito lavorativo ciascuna persona dovrebbe disporre degli spazi e dei tempi sufficienti per evolvere con il proprio transpersonale. L'orologio transpersonale interiore può muoversi in anticipo od in ritardo rispetto ai tempi ed agli spazi imposti nel mondo del lavoro tradizionale. L'orologio transpersonale può ad esempio ricordare alla persona tramite l'intuizione che un determinato lavoro dovrebbe essere svolto con altre modalità per mantenere una buona qualità del servizio offerto alla comunità. Questo orologio transpersonale può anche ricordarci di anticipare alcune azioni per evitare determinati problemi nella professione o all'ambiente di lavoro. L'orologio transpersonale aiuta la persona a scandire il proprio tempo e spazio affinché sia possibile rispettare l'evoluzione del transpersonale e della comunità. La vita transpersonale interiore può regolare ed armonizzare le pulsioni e gli istinti dell'essere umano che sovente accelerano i tempi di esecuzione e riducono gli spazi di azione per ogni attività svolta dalle persone nell'ambito lavorativo, sociale, familiare e relazionale. L'orologio transpersonale può rendere più sano l'atteggiamento frenetico del lavoratore spesso causato dalle necessità patologiche dei sistemi di potere. La vita transpersonale interiore opera quindi anche un rallentamento salutare alla spinta verso l'eccesso di potere, dominio, denaro e sessualità. L'equilibrio generato dall'orologio transpersonale riduce i conflitti interpersonali e la comunicazione che tende a logorare i rapporti umani. Nelle relazioni sociali l'orologio transpersonale della persona tende a favorire l'espressione dell'affetto prima della ricerca di una qualsiasi forma di piacere interpersonale. La malevolenza viene annullata o minimizzata nella persona attraverso l'orologio transpersonale che favorisce l'espressione della benevolenza nei rapporti umani. La vita transpersonale favorisce perciò l'evoluzione della persona invertendo la tendenza a seguire una direzione involutiva nella vita professionale, sociale e relazionale così come accade spesso nella società odierna. L'orologio transpersonale insegna alla persona ad andare oltre il fattore tempo e spazio irrigiditi dalla società odierna ed a diventare più saggia, sapiente ed incline a favorire la sanità nella propria comunità. 

 
 
 

Coscienza critica nella scuola

Post n°201 pubblicato il 04 Dicembre 2020 da relavita
 
Foto di relavita

Le scuole ed università di oggi tendono a moltiplicare le informazioni e nozioni fornite agli studenti ed a ridurre i momenti di formazione della coscienza critica. Le nozioni solitamente sovrastano la coscienza critica degli studenti ed impediscono di elaborare in modo creativo ed umano i contenuti dei testi scolastici. Lo studente allena la memoria ma le sue capacità di applicare le nozioni nella realtà della vita anche professionale sono limitate a causa di uno sviluppo insufficiente della coscienza critica. La coscienza critica aiuta le persone anche a distinguere tra le nozioni teoriche e la conoscenza derivata dalla realtà. Lo studente dotato di coscienza critica può anche modificare le nozioni apprese a scuola ed adattarle alla realtà. La coscienza critica può essere sviluppata a scuola attraverso una relazione e confronto continui tra la realtà ed i testi scolastici. Nelle scuole ed università può essere utile integrare l'insegnamento tradizionale con le conoscenze provenienti dal mondo del lavoro e quelle riguardanti la struttura bio-psico-spirituale dell'essere umano. Questa tipologia di insegnamento e formazione può aiutare lo studente a sviluppare un modello di apprendimento adeguato al proprio carattere innato ed ai problemi che dovrà affrontare nella vita professionale, sociale e relazionale. Un modello di apprendimento in cui sono presenti la coscienza critica ed il carattere innato aiutano lo studente a divenire un essere umano originale. La coscienza critica favorisce infatti la maturazione dello studente e lo sviluppo di conoscenze vere anziché filtrate ed interpretate dai libri o dagli insegnanti. La coscienza critica aiuta lo studente a sviluppare una mentalità da ricercatore della verità e delle conoscenze utili a svolgere una professione con benevolenza. La coscienza critica aiuta lo studente anche a distinguere le informazioni false o vere diffuse nella società ed a privilegiare l'onestà nei rapporti interpersonali. Gli studenti possono quindi sviluppare la propria intelligenza perché utilizzano anche la coscienza critica per riflettere sulla realtà e diventare più evoluti. La scuola e le università possono quindi contribuire ad incrementare l'intelligenza applicata dallo studente nella futura vita professionale, sociale e relazionale.

 
 
 

Creativita' umana e miti familiari

Post n°200 pubblicato il 30 Settembre 2020 da relavita
 
Foto di relavita

I miti familiari possono contribuire a congelare la creatività umana e ad inibire il processo evolutivo. Il mito indirizza idealmente ma rigidamente i familiari verso modelli di vita, relazioni, professioni e comunità. Nel mito familiare sono condensate anche le esperienze di vita dei genitori e delle generazioni precedenti e quindi può rappresentare uno stimolo utile ai figli per iniziare a comprendere la realtà della vita professionale, sociale e relazionale nella società. Nei miti della famiglia sono contenute anche le aspettative dei genitori sul futuro dei figli. Le aspettative dei genitori possono rappresentare una prima deviazione proposta ai figli allo sviluppo naturale della personalità. I genitori infatti sono in grado di utilizzare i miti per tentare di modellare la personalità dei figli ed occultarne il vero temperamento innato. I miti spesso sono comunicati dai genitori anche ai parenti od agli amici e nei rapporti sociali o professionali, in questo modo vengono informati sul futuro previsto per i propri figli in ambito scolastico e lavorativo o sulla classe sociale ed etnia a cui deve appartenere il partner. Le aspettative dei genitori possono perciò deviare i figli nella scelta della scuola adatta e portarli ad una repressione della creatività umana nelle future professioni. I genitori sono anche portatori di tabù che tendono a bloccare determinati modi legittimi di relazionarsi dei figli. I tabù possono deviare i veri desideri profondi dei figli ed allontanarli dalle esperienze di vita necessarie a scoprire relazioni basate sull'affetto e l'amore. I genitori ricchi di tabù interiori sovente provocano una repressione dell'umanità nei propri figli. I figli in questa situazione di vita hanno difficoltà a prendersi cura con amore della società ed a mantenere relazioni sane. I miti familiari hanno bisogno di essere rivisti e rimodellati in funzione del temperamento innato dei figli se i genitori vogliono veramente contribuire a rendere le comunità dei luoghi in cui sono presenti la felicità, l'umanità, la creatività e l'evoluzione sana anziché deviata dei cittadini.

 
 
 

Emozioni e cultura

Post n°199 pubblicato il 23 Luglio 2020 da relavita
 
Foto di relavita

Nella società odierna le persone hanno molteplici difficoltà a riconoscere ed esprimere le emozioni oppure a prendersi cura della propria anima ed a considerare cultura la conoscenza del mondo interiore. La cultura di una persona è invece formata anche dai movimenti compiuti per scoprire interiormente le emozioni ed indirizzarle con benevolenza nella vita di relazione. Le emozioni riconosciute dalla persona favoriscono infatti sia lo sviluppo culturale che la capacità di provare empatia ed affetto nelle relazioni. La società odierna ha un bisogno negato di riconoscere le emozioni ed utilizzarle per la collaborazione o cooperazione interpersonale orientata all'evoluzione dell'essere umano. Le emozioni considerate negative nella società come ad esempio tristezza, rabbia, paura e malessere possono essere riconosciute e superate se ciascuna persona inizia a coltivare la propria area transpersonale interiore e ad esprimere l'umanità ritrovata in sé stessa. Nelle organizzazioni pubbliche e private ed in famiglia le emozioni sono spesso razionalizzate od addirittura cancellate e quindi possono trasformarsi in una tendenza delle persone a prevalere sulle ragioni altrui anziché rispettarle e cercare i punti di contatto e diversità nella relazione. Le emozioni negate possono diventare un ostacolo alle relazioni sane, equilibrate e di reciproca soddisfazione o gioia nei rapporti familiari, di amicizia, sociali ed anche di lavoro. Le emozioni coltivate in noi incrementano invece la capacità relazionale e di attenuare le sofferenze derivate dalla rigidità mentale così diffuse nei rapporti interpersonali. La scuola e le università dovrebbero favorire lo sviluppo dell'intelligenza emotiva attraverso la formazione dei docenti idonei per migliorare la qualità dell'insegnamento e favorire un ampliamento culturale degli studenti. L'intelligenza emotiva è un aspetto della cultura di ogni persona utile al mantenimento ed allo sviluppo di relazioni evolute che attiva inoltre il benessere del cuore, la sapienza e l'emancipazione. La cultura delle organizzazioni può essere incrementata dall'intelligenza emotiva per ridurre le sofferenze relazionali anche patologiche presenti negli ambienti di lavoro, nelle scuole ed università o nei rapporti familiari. Le sofferenze relazionali possono creare errori ed atteggiamenti superficiali od approssimativi delle persone e generare danni di vario tipo in ogni organizzazione, scuola, famiglia e rapporto interpersonale.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: relavita
Data di creazione: 01/04/2012
 

TRADUTTORE

 

 

CONTATTA L'AUTORE

 

LIBRO-GUIDA AL COUNSELING TRANSPERSONALE

 

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

 

ARGOMENTI DEL BLOG

 

LIBRI GUIDA AL TRANSPERSONALE

 

PAGINA AUTORE SU GOODREADS

Guida al counseling transpersonale : una sintesi dei problemi di vita superabili con la creatività umana

 

SEGUI CREATIVITA` IN TWITT

 

ULTIME VISITE AL BLOG

costel93fprefazione09thorn2021lisa.dagli_occhi_blurelavitagaia.iurisbrigantecalabro_2008apungi1950Meibimiasettico35ossimoraeric65vprosirosisimona_77rm
 

motori di ricerca

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

centro assistenza

 
 

Blogarama - Relationships Blogs

 

Blogstreet