Creato da micio_blu il 11/02/2005
L'essenziale è invisibile agli occhi (il Piccolo Principe)

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

angelsredhairgilda.infinitazuppiroligiannipatrycckeloisa1952piccolofiore2008serenenottidonatodotato2annie62DIAMANTE.ARCOBALENOvasco751975masperiamobenemicio_blufeli4ever16
 

Chi pu scrivere sul blog

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Messaggio #37 giorni, 7 amici.... »

Ci sono canzoni che....

Post n°4 pubblicato il 18 Aprile 2005 da micio_blu


Ci sono canzoni che sono poesie, che aprono squarci nel cuore come lampi nella notte, che lasciano un segno come cicatrici indelebili, che rendono eterno un singolo minuto di vita.
Questa una di quelle canzoni:

Pezzi di Vetro di Francesco De Gregori

L'uomo che cammina sui pezzi di vetro
dicono ha due anime e un sesso di ramo duro in cuore
e una luna e due fuochi alle spalle mentre balla e balla,
sotto l'angolo retto di una stella.
Niente a che vedere col circo,
n acrobati n mangiatori di fuoco,
piuttosto un santo a piedi nudi,
quando vedi che non si taglia, gi lo sai,
ti potresti innamorare di lui,
forse sei gi innamorata di lui,
cosa importa se ha vent'anni
e nelle pieghe della mano,
una linea che gira e lui risponde serio
"e' mia", sottintende la vita.
E la fine del discorso la conosci gia',
era acqua corrente un po' di tempo fa e ora si e' fermata qua.
Non conosce paura,
l'uomo che salta e vince sui vetri
e spezza bottiglie e ride, e sorride.
Perche' ferirsi non e' possibile,
morire meno che mai, e poi mai.
Insieme visitata e' la notte,
che dicono ha due anime e un letto,
e un tetto di capanna utile e dolce
come un ombrello teso fra la terra e il cielo.
Lui ti offre la sua ultima carta,
il suo ultimo prezioso tentativo di stupire,
quando dice "e' quattro giorni che ti amo,
ti prego, non andare via, non lasciarmi ferito".
E non hai capito ancora come mai,
mi hai lasciato in un minuto tutto quel che hai.
Pero' stai bene dove stai.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963