Creato da nagel_a il 27/12/2008

la finestra

gli scenari dell'anima

 

« confineLino e temporale »

erbarme dich

Post n°512 pubblicato il 26 Marzo 2013 da nagel_a


 

Sono il boia di questo carcere, nel deserto assolato.
Ogni giorno scruto i turbinii di sabbia che lacera la pelle e secca le labbra, il cielo fondo da far male senza mai una lacrima a lavare rimorsi.
Affilo le mie lame e lucido i miei fucili. Le sentinelle ferme sulle mura a volte mi chiedono come io dorma le mie notti. Ma io non credo nei giudici, non mi fido della pietà, non riconosco più giustizia. Sono la tempesta che affonda la nave, la carestia che affama dentro la città, la maschera della morte ai balli dei nobili.
Non sono più un uomo, sono la natura che allevia la terra dai pesi che arbitrariamente la sorte mi conduce.

Sono il boia di questo carcere, nel deserto assolato.
Di notte ho perso l'abitudine a sognare, per non far parlare voci nel buio. La notte è solo il susseguirsi del giorno, non più abitata da fantasmi. Il giorno è solo la conta dei granelli di sabbia, dopo lo spegnersi della notte.

Ieri ricontavo i passi nel cortile arido e ho scoperto il germoglio di un fiore, uno strano fiore dal colore intenso, purpureo e delicato tra le spine.
Vi ho costruito attorno un recinto di sassi chè nessuno per sbaglio lo calpestasse.

Non conto più la sabbia, ogni giorno osservo il progressivo aprirsi del fiore. Nessuno se ne cura e mi commuove la sua tenace fragilità.
Non sono più un uomo, sono un giardiniere spodestato, che ruba l'acqua per un sogno appena sbocciato, per una preghiera al cielo distante.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/spigoli/trackback.php?msg=12005343

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
d4ny3L4
d4ny3L4 il 27/03/13 alle 10:24 via WEB
...
 
 
nagel_a
nagel_a il 31/03/13 alle 19:58 via WEB
una carezza...
 
korov_ev
korov_ev il 30/03/13 alle 14:40 via WEB
Ho appena alzato gli occhi da un fiore purpureo che si apre sulla sabbia del deserto...
 
 
nagel_a
nagel_a il 31/03/13 alle 19:58 via WEB
(allora descrivo bene! :))))
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2boezio62falco20050nagel_aPerturbabiIeNarcyssemariomancino.mPlastycoInabbordabileRosecestlaviedulotzil_giovanewertherlesaminatoreCLOW_N
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

Quando mi dicono "Siamo tutti sulla stessa...
Inviato da: cassetta2
il 26/10/2020 alle 16:45
 
Impegnatevi di pių con i post non posso essere l'unico...
Inviato da: cassetta2
il 21/07/2020 alle 11:30
 
Ciao, Nagel_a. So che non me ne hai voluto, ma io sono...
Inviato da: TANCREDI_45
il 22/08/2018 alle 21:38
 
... (buon viaggio A.)
Inviato da: archetypon
il 17/05/2013 alle 18:29
 
Non sono immune da questi momenti anch'io....e la vita...
Inviato da: boezio62
il 12/05/2013 alle 23:42
 
 

IL REGNO DEL SENSO PROFONDO

"Oltre alla realtà empirica e banale c'era l'ambito dell'immaginazione, costituito da quello stesso mondo percepibile grazie alla vista, al tatto e all'odorato, ma con in più le schiere infinite degli spiriti e delle ombre. [...] Allora non mi capacitavo del fatto che la maggioranza assoluta dell'umanità appartiene al regno del senso profondo non in virtù del proprio sapere - dono assai raro -  bensì della vita, della raggiante, viva sostanza, e che, dunque, accusarli di ignoranza era sciocco e assurdo. Invece di interrogatori, inquisizioni e tormenti, avrei dovuto osservarli e comprenderli. Osservarli con tenerezza e comprenderli con intelligenza"
A. Zagajewski - Due città

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31