« L'Aida di Violeta UrmanaREMBRANDT, LIBERO E GENIO   »

ALAGNA, MILANO NON PERDONA IL DIVISMO

Post n°14 pubblicato il 12 Dicembre 2006 da eleperci
 
Foto di eleperci

di ELENA PERCIVALDI


Milano, Teatro alla Scala. È una domenica sera d’inizio dicembre, sono da poco passate le 20, e al Piermarini danno la seconda rappresentazione (per molti la vera “prima”, orfana com’è dei nani e delle ballerine che troneggiano all’ouverture) di “Aida”, il capolavoro di Verdi che con esiti alterni ha aperto a Sant’Ambrogio la stagione. In scena entra Radames e attacca il suo celebre “cavallo di battaglia”: «Celeste Aida, forma divina». Ha appena finito di offrire alla sua amata il «bel cielo» natio, le ha giusto declamato che vorrebbe ergerle «un trono vicino al sol», che si scatena, improvviso, il putiferio. Coro di fischi. L’eroe egizio, perso d’un tratto il piglio guerriero, si guarda intorno smarrito. Dieci secondi interminabili, durante i quali il condottiero dell’«esercito di prodi» si vede d’un tratto solo, inerme, saettato di «buu» che piovono, anziché dalle folte schiere degli etiopi, da nemici altrettanto ben nascosti quanto assai più insidiosi: i loggionisti del teatro. È un attimo: il comandante in peplo alza il braccio, chiude il pugno, dietrofront marziale, e via verso l’uscita. Veloce come la luce. Altro che sogno che si avvera. È un incubo. Una ritirata in piena regola. Radames finisce davvero disonorato, e senza nemmeno discolparsi.
Quel che è accaduto l’altro ieri sera alla Scala, invece che creare sconcerto, è una vera nemesi. Protagonista dell’infelice vicenda è Roberto Alagna, giovin tenore (43 anni) nato nella banlieu parigina da genitori italiani che al nobil idioma di Dante preferisce la musicale lingua di Voltaire. La sua colpa? Aver cantato male. Capita. Anche ai migliori. Ma ha un’aggravante. Già il 7 dicembre, ricevuto qualche buu e qualche fischio, aveva esclamato stizzito che «questo non è un teatro ma un’arena, non voglio cantarci mai più», in ciò mostrando di non essere certo un gladiatore ma semmai un piccolo divo capriccioso. La critica, quasi unanime, l’ha stroncato. Anche noi sottolineammo quanto Alagna fosse fuori posto come Radames. Sforzato, sforzatissimo - avevamo scritto - nel tirar fuori una voce che sembrava a tratti persa per strada; «poco guerriero, poco eroico, poco amante, con quel braccio proteso costantemente in avanti sembra la statua romana di Metello, se non il solito centurione genere peplum». A proposito di “Celeste Aida”, poi, commentammo che la cantò come se fosse alla “Corrida” di Corrado. E quell’acuto finale sulle parole «si schiude il ciel», prima che calasse il sipario su una prova da dimenticare, lo liquidammo come errore. In realtà fummo buoni a parlare di sbaglio, perché quel bruttissimo falsetto inserito al posto non diciamo della ben più difficile e auspicabile mezzavoce, ma almeno di un suono “misto” quale il classico falsettone, fu una vera e propria caduta di gusto. Ma se errare è umano, perseverare è diabolico. E domenica sera, il buon Alagna ha fatto di peggio. Ha mancato di rispetto alla Scala e a tutto ciò che di buono rappresenta nel mondo. Senza curarsi dello spettacolo, senza pensare agli altri cantanti, al direttore, al coro, all’orchestra, a tutto il resto ha preso e se n’è andato. Sic et simpliciter. Al suo posto, tra assordanti «Vergogna!» e «Questa è la Scala!», è stato letteralmente catapultato in scena il povero Antonello Palombi, che faceva parte del secondo cast e si stava godendo l’opera comodamente vestito in jeans e camicetta nera. Neanche il tempo di cambiarsi d’abito. Ma il tenore umbro ha portato a termine brillantemente lo spettacolo più assurdo (mai visto, in mezzo ai trionfi di bianco e oro di un kolossal d’altri tempi, un Radames vestito Prada!) della sua carriera. Finiti i primi due atti, il sovrintendente Stéphane Lissner ha dovuto chiedere scusa al pubblico inferocito e ha ringraziato Palombi per essere andato sul palco senza riscaldamento e senza preavviso. Il tutto mentre Riccardo Chailly, sconcertato, scuoteva la testa: «Nessuno poteva aspettarsi - commentava sommesso - una reazione del genere».
Un comportamento inaudito, dunque, quello di Alagna, «un brutto gesto nei confronti del pubblico» (dice il vice presidente del cda Bruno Ermolli), che ha spinto Lissner, ieri, a prendere una posizione ufficiale: «Ciò che è successo è molto increscioso, poiché vi è stata una evidente mancanza di rispetto nei confronti del pubblico e del teatro». «Sono venuto a conoscenza della richiesta di Roberto Alagna di rientrare alla Scala per le prossime recite. - ha aggiunto - Purtroppo il suo comportamento, domenica sera, ha provocato uno strappo definitivo fra l’artista e il pubblico, che la Scala non ha alcuna possibilità di ricucire». Quasi certamente, ora per il tenore - che medita di far ritirare dalle scene scaligere anche la moglie Angela Georghiu che a luglio dovrebbe interpretare “Traviata” (altro caratterino: durante le prove di “Pagliacci”, a Ravenna, lasciò di sasso un attonito Muti reo di averle fatto un appunto) - scatterà una penale.
Caro Alagna, siamo d’accordo: le contestazioni non fanno piacere. Ma vorremmo ricordarle una cosa. Non la si fa franca se si viene nel più importante teatro lirico del mondo, frequentato sempre da un pubblico storicamente tra i più appassionati e competenti del mondo a dichiarare, dopo qualche buu, che «se il pubblico mi fischia vuol dire che non mi merita». Suvvia, signore, non la prenda così male. In fondo, è in buona compagnia. Lo sa, vero, che nella loro lunga e brillante carriera anche Pavarotti, la Ricciarelli, persino la Callas sono stati fischiati? Lo sa che a Milano, sì proprio alla Scala, anche il grande Placido Domingo, facendo “Otello”, fu contestato? Lui però uscì di scena, ma poi tornò a cantare. Ma erano altri tempi. Altra classe. Altri divi. Lei dice che ha cantato in tutto il globo con successo, ma di fronte al pubblico dell’altra sera le sembrava di essere fuori dal mondo. Che il pubblico vero, quello con il fuoco e il sangue, quello non c’era. Si vede che la sta aspettando a Sanremo, dove lei ha già annunciato che parteciperà in pompa magna. Lì, è certo, avrà un grande trionfo anche se l’intonazione non sarà al top. In fondo, basta un bel do di petto. Purché sia forte, però. Si sa: lì sono di bocca buona. Milano, invece, no. Milano, caro Alagna, non perdona. E di un certo divismo non sa che farsene. Sa cosa diceva il grande Arturo Toscanini? «La prima qualità di un direttore? L’umiltà, l’umiltà». Lo stesso vale avrebbe detto per un cantante. Magari, ci dorma sopra. E forse, quando la rivedremo sotto la Madonnina, ritornerà, come Radames, vincitore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

IL MIO ULTIMO LIBRO

E' uscito il mio nuovo libro. Si tratta dell'edizione, con traduzione, testo latino a fronte, commento e ampia introduzione, della "Navigatio sancti Brendani", testo anonimo del X secolo composto con molta probabilità da un monaco irlandese e che narra la peripezie di san Brandano e dei suoi monaci alla ricerca della "Terra repromissionis sanctorum", la terra promessa dei santi.
Un classico assoluto della letteratura medievale. Prefazione di Franco Cardini.

Anonimo del X secolo
La Navigazione di san Brandano
A cura di Elena Percivaldi
Prefazione di Franco Cardini
Ed. Il Cerchio, Rimini
pp. 224, euro 18


PER GLI ALTRI LIBRI, SCORRI LA PAGINA E GUARDA LA COLONNA A DESTRA

 

NE PARLANO:

GR2 (RAI RADIO 2): INTERVISTA (9 gennaio 2008, ore 19.30) Dal minuto 20' 14''
http://www.radio.rai.it/radio2/gr2.cfm#

ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE
http://medioevo.leonardo.it/blog/la_navigazione_di_san_brandano.html

IL SECOLO D'ITALIA 12 dicembre 2008 p. 8 - SEGNALAZIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2008/12-dicembre/081214.pdf

IL SECOLO D'ITALIA  01 gennaio 2009 p.8 - RECENSIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2009/01-gennaio/090110.pdf

ARIANNA EDITRICE
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=23436

 LA STAMPA
http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=248&ID_articolo=21&ID_sezione=&sezione

 GRUPPI ARCHEOLOGICI DEL VENETO, p. 12-13:
http://www.gruppiarcheologicidelveneto.it/VA129.pdf

IRLANDAONLINE:
http://www.irlandaonline.com/notizie/notizia.asp?ID=1231329012

 

 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 

ON THE AIR

IL MIO INTERVENTO A RADIO RAI nella trasmissione NUDO E CRUDO, in onda su RADIO 1 a proposito di Halloween e dei Celti:

1 novembre, Europa tra sacro e profano

1 novembre, Europa tra sacro e profano. Ne hanno parlato al microfono di Giulia Fossà: Elena Percivaldi, giornalista e studiosa di storia antica e medievale; Flavio Zanonato, sindaco di Padova; Marino Niola, Professore di Antropologia Culturale all'Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli; Sonia Oranges, giornalista de 'Il Riformista'; Alberto Bobbio, capo della redazione romana di 'Famiglia Cristiana'; Ennio Remondino, corrispondente Rai in Turchia. La corrispondenza di Alessandro Feroldi sulle politiche dell'immigrazione a Pordenone.

ASCOLTA: http://www.radio.rai.it/radio1/nudoecrudo/view.cfm?Q_EV_ID=230636

 

Ultime visite al Blog

abzolutcrizigclaudio20171marinabavettaoriana47maurodellavecchiaXboniestempora_neatizi1957memole83dglchiaroby0elepercireconalexiar0orientestella
 

I MIEI LIBRI / 1

ELENA PERCIVALDI, "I Celti. Una civiltà europea", 2003, Giunti (Firenze), pagine 192, euro 16.50

ACQUISTALO CON IL 10% DI SCONTO:
http://www.giuntistore.it/index.php3?SCREEN=libro&SCHEDA=1&sid=w5BNJSuwLwowzuxLJX4wizNrpOYnniok&TIPOCM=55215R

TRADOTTO IN TEDESCO (ED. TOSA)


E IN SPAGNOLO (ED. SUSAETA)

 

I MIEI LIBRI / 2

ELENA PERCIVALDI, I Celti. Un popolo e una civiltà d'Europa, 2005, Giunti, pagine 190, euro 14.50

immagine

***

Elena Percivaldi, GLI OGAM. Antico Alfabeto dei Celti, Keltia Editrice, formato 150x230 -pagine 176, euro 15
brossura, con xx tavole fuori testo in b/n
ISBN 88-7392-019-5


Il libro è il PRIMO saggio COMPLETO in italiano sull'argomento.

L'alfabeto ogamico è un originalissimo modo di scrivere che fu inventato presumibilmente intorno al IV secolo d.C. Il nome "ogam" è stato collegato a quello di un personaggio chiamato Ogme o Ogmios: per i Celti il dio della sapienza. Nella tradizione irlandese del Lebor Gàbala (Libro delle invasioni), Ogma è un guerriero appartenente alle tribù della dea Danu (Tuatha Dé Danann). Un testo noto come Auraicept na n-éces (Il Manuale del Letterato), che contiene un trattato sull'alfabeto ogam, dice: "al tempo di Bres, figlio di Elatha e re d'Irlanda (...) Ogma, un uomo molto dotato per il linguaggio e la poesia, inventò l'Ogham.”

COMPRALO:
http://www.keltia.it/catalogo/albiziered/ogam.htm

 

TUTTI I LIBRI SU IBS

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

 

MEMBERSHIPS

AICM - ASSOCIAZIONE ITALIANA CRITICI MUSICALI
http://www.criticimusicali.it/

AICA - INTERNATIONAL ASSOCIATION OF ART CRITICS
http://www.aica-int.org/

SOCIETA' STORICA LOMBARDA (fondata nel 1873)
http://www.societastoricalombarda.it/

I.I.C.E. - ISTITUTO ITALIANO PER LA CIVILTA' EGIZIA
http://www.archaeogate.org/iice/

SOCIETA' STORICA PER LA GUERRA BIANCA
http://www.guerrabianca.it/indexmap.asp

SOCIETA' FRIULANA DI ARCHEOLOGIA
http://www.archeofriuli.it/

AISSCA - Associazione italiana per lo studio dei santi, dei culti e dell'agiografia
http://www.flashinlabs.eu/aissca/index.php

 

IL LIBRO DEL GIORNO

Tibet. Land of exile
di Patricio Estay
Skira Editore
pp. 224, euro 39

Volti, cerimonie rituali, frammenti di vita in seno ai templi delineano attraverso la fotografia i segni del ritratto di un mondo in cui le difficoltà morali, il fervore spirituale e la profondità d’animo vanno di pari passo con la gentilezza, l’allegria e l’immensa generosità.  Le suggestive immagini in bianco e nero, fortemente spirituali, della prima parte del volume si contrappongono alle intense fotografie a colori dedicate alla realtà di tutti i giorni (centri commerciali, prostitute) pubblicate nella seconda parte. Il libro è introdotto da un accorato messaggio di pace del Dalai Lama che pone l’accento sulla grande forza d’animo con cui il popolo tibetano affronta continuamente ardue prove nel tentativo di continuare a perpetuare l’affermazione delle proprie idee e della propria spiritualità.

 

UN MITO

 

DA GUARDARE

Excalibur
di John Boorman
(1980)

 

DA ASCOLTARE

 

Giuseppe Verdi
Messa da Requiem
  
 
Orchestra del Teatro alla Scala 
Victor De Sabata 
Elisabeth Schwarzkopf 
 Giuseppe Di Stefano 
 Cesare Siepi 
 Oralia Dominguez
Naxos

 

immagine