« Messaggio #210Messaggio #212 »

Post N° 211

Post n°211 pubblicato il 30 Ottobre 2008 da eleperci
 

Cinque mostre in cinque sedi. A Trieste i novant’anni della Grande Guerra

di ELENA PERCIVALDI


pubblicato mercoledì 29 ottobre 2008

"La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di Sua Maestà il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asperrima per 41 mesi, è vinta". Firmato, Armando Diaz. Ecco la data fatidica, il 4 novembre 1918 alle ore 12: Trieste, insieme a Trento e ai rispettivi territori, tornavano sotto la bandiera italiana dopo oltre tre anni di guerra cruenta, tra gli altri, contro l'impero austro-ungarico. Una guerra che, condotta scelleratamente dal generale Cadorna con la folle teoria delle "spallate", ci costò quasi un milione di morti, lasciati sulle trincee per guadagnare pochi metri di terreno, senza contare i feriti, i mutilati, i dispersi. E poi ancora, il dramma delle decimazioni, le condizioni inumane in cui i soldati erano costretti in prima linea, mal nutriti, malvestiti, al freddo, in mezzo a topi e agli escrementi. "Si sta come d'autunno, sugli alberi le foglie", poetò Ungaretti in una sua lirica composta sul Carso. Moralmente precario, in attesa che un colpo di shrapnel o di mortaio venisse a centrarlo in pieno volto, a fargli fare la fine del commilitone che marciva, pochi metri più in là, nella terra di nessuno. Tutto questo è costata la "prima redenzione" di Trieste, che sarebbe potuta essere evitata a tavolino visto che gli Asburgo erano anche disposti a lasciare all'Italia in concessione le cosiddette "terre irredente" se essa avesse fornito il suo supporto all'intervento contro la Serbia, rea di aver assassinato l'arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo. Ma la Triplice Alleanza era difensiva, e comunque perché non intervenire in una guerra che, in cambio di un po' di carne da cannone, avrebbe concesso all'Italia, Paese straccione, di sedere finalmente al tavolo dell'Europa che conta? A spingere, del resto, erano gli irredentisti, gli interventisti come D'Annunzio e Mussolini, i "giovani" delle avanguardie come Marinetti e i futuristi, che volevano, fortissimamente volevano la guerra come "sola igiene del mondo". Un modo per calciare via il passato, senza pensare (o forse sì, gioiosamente) che sarebbe stato spazzato via da una cascata di sangue. Il "ribaltone" a favore dell'Intesa diede i suoi frutti. Sono passati 90 anni giusti da quel 4 novembre del 1918. E l'anniversario della "Vittoria", finora un po' in sordina, viene ora celebrato a Trieste con manifestazioni in programma fino a gennaio. "L'intento - dicono gli organizzatori - non è tanto celebrativo ma di indagine storica, a più voci e su più fronti, per approfondire un momento cruciale nelle vicende della città ma egualmente fondamentale nella storia d'Italia". In "Trieste 1918" rientrano cinque mostre in cinque sedi, oltre a dibattiti, letture, spettacoli, film e documentari d'autore. Tra le iniziative, "La posta degli irredenti. Documenti dei volontari giuliani e dalmati del Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa", con le testimonianze di Slataper e Stuparich, la mostra di foto (a Palazzo Costanzi) sui momenti di Trieste liberata. E poi ancora, divise, reperti bellici, immagini d'epoca. Col ritorno di Trieste italiana si aprì un nuovo capitolo che avrà di lì a poco nuovi risvolti tragici. Col Fascismo, con la seconda guerra mondiale, con la dittatura di Tito, con le deportazioni di massa, le foibe, il genocidio di istriani, giuliani e dalmati. Ferite che la "seconda redenzione" di Trieste con il suo ritorno all'Italia nel 1954 non è ancora riuscita a sanare. Che questa mostra sia al servizio della Verità è più di un auspicio. (elena percivaldi)


Info: 0406754068
Web:
www.triestecultura.it

[exibart]

PUBBLICATO SU EXIBART:
http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=25181&IDCategoria=204

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/superperci/trackback.php?msg=5774642

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
>> Xanax. su Xanax.
Ricevuto in data 28/01/09 @ 00:33
Xanax. Xanax online. No prescription xanax. (continua)
 
>> Viagra. su Free viagra.
Ricevuto in data 28/02/09 @ 18:06
Effects nitroglycern side viagra. Viagra. Generic viagra. Viagra sale. Viagra without a prescript... (continua)
 
>> Prescription free amoxicillin. su When amoxicillin works for acne.
Ricevuto in data 07/02/09 @ 13:08
Amoxicillin rx655 syphilis. Amoxicillin. Prescription free amoxicillin. Amoxicillin drug interact... (continua)
 
>> Ephedra products. su Baltimore ephedra lawyers.
Ricevuto in data 25/02/09 @ 13:36
Ephedra products. Connecticut ephedra attorneys. Ephedra pseudofed. Lipodrene with ephedra. Ephedra. (continua)
 
>> Dangers of vicodin. su Where to order vicodin with no prescription.
Ricevuto in data 28/02/09 @ 18:59
Vicodin. How to get vicodin without a perscription. Buy vicodin no prescription. Re your vicodin ... (continua)
 
>> How long does percocet stay in your system. su Percocet signs of abuse.
Ricevuto in data 03/03/09 @ 08:35
Long term use of percocet. Side effects of percocet. Generic percocet. Percocet. Identify a perco... (continua)
 
>> Phentermine. su Phentermine no prescription.
Ricevuto in data 18/03/09 @ 03:16
Phentermine without a prescription. Phentermine. Cheapest phentermine online. (continua)
 
>> Ephedrine products. su Difference between pseudoephedrine ephedrine.
Ricevuto in data 04/04/09 @ 07:29
Ephedrine. Ephedrine products. Ephedrine weight loss products. Hydroxycut ephedra ephedrine. (continua)
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 
 
 

IL MIO ULTIMO LIBRO

E' uscito il mio nuovo libro. Si tratta dell'edizione, con traduzione, testo latino a fronte, commento e ampia introduzione, della "Navigatio sancti Brendani", testo anonimo del X secolo composto con molta probabilità da un monaco irlandese e che narra la peripezie di san Brandano e dei suoi monaci alla ricerca della "Terra repromissionis sanctorum", la terra promessa dei santi.
Un classico assoluto della letteratura medievale. Prefazione di Franco Cardini.

Anonimo del X secolo
La Navigazione di san Brandano
A cura di Elena Percivaldi
Prefazione di Franco Cardini
Ed. Il Cerchio, Rimini
pp. 224, euro 18


PER GLI ALTRI LIBRI, SCORRI LA PAGINA E GUARDA LA COLONNA A DESTRA

 

NE PARLANO:

GR2 (RAI RADIO 2): INTERVISTA (9 gennaio 2008, ore 19.30) Dal minuto 20' 14''
http://www.radio.rai.it/radio2/gr2.cfm#

ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE
http://medioevo.leonardo.it/blog/la_navigazione_di_san_brandano.html

IL SECOLO D'ITALIA 12 dicembre 2008 p. 8 - SEGNALAZIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2008/12-dicembre/081214.pdf

IL SECOLO D'ITALIA  01 gennaio 2009 p.8 - RECENSIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2009/01-gennaio/090110.pdf

ARIANNA EDITRICE
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=23436

 LA STAMPA
http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=248&ID_articolo=21&ID_sezione=&sezione

 GRUPPI ARCHEOLOGICI DEL VENETO, p. 12-13:
http://www.gruppiarcheologicidelveneto.it/VA129.pdf

IRLANDAONLINE:
http://www.irlandaonline.com/notizie/notizia.asp?ID=1231329012

 

 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 

ON THE AIR

IL MIO INTERVENTO A RADIO RAI nella trasmissione NUDO E CRUDO, in onda su RADIO 1 a proposito di Halloween e dei Celti:

1 novembre, Europa tra sacro e profano

1 novembre, Europa tra sacro e profano. Ne hanno parlato al microfono di Giulia Fossà: Elena Percivaldi, giornalista e studiosa di storia antica e medievale; Flavio Zanonato, sindaco di Padova; Marino Niola, Professore di Antropologia Culturale all'Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli; Sonia Oranges, giornalista de 'Il Riformista'; Alberto Bobbio, capo della redazione romana di 'Famiglia Cristiana'; Ennio Remondino, corrispondente Rai in Turchia. La corrispondenza di Alessandro Feroldi sulle politiche dell'immigrazione a Pordenone.

ASCOLTA: http://www.radio.rai.it/radio1/nudoecrudo/view.cfm?Q_EV_ID=230636

 

Ultime visite al Blog

abzolutcrizigclaudio20171marinabavettaoriana47maurodellavecchiaXboniestempora_neatizi1957memole83dglchiaroby0elepercireconalexiar0orientestella
 

I MIEI LIBRI / 1

ELENA PERCIVALDI, "I Celti. Una civiltà europea", 2003, Giunti (Firenze), pagine 192, euro 16.50

ACQUISTALO CON IL 10% DI SCONTO:
http://www.giuntistore.it/index.php3?SCREEN=libro&SCHEDA=1&sid=w5BNJSuwLwowzuxLJX4wizNrpOYnniok&TIPOCM=55215R

TRADOTTO IN TEDESCO (ED. TOSA)


E IN SPAGNOLO (ED. SUSAETA)

 

I MIEI LIBRI / 2

ELENA PERCIVALDI, I Celti. Un popolo e una civiltà d'Europa, 2005, Giunti, pagine 190, euro 14.50

immagine

***

Elena Percivaldi, GLI OGAM. Antico Alfabeto dei Celti, Keltia Editrice, formato 150x230 -pagine 176, euro 15
brossura, con xx tavole fuori testo in b/n
ISBN 88-7392-019-5


Il libro è il PRIMO saggio COMPLETO in italiano sull'argomento.

L'alfabeto ogamico è un originalissimo modo di scrivere che fu inventato presumibilmente intorno al IV secolo d.C. Il nome "ogam" è stato collegato a quello di un personaggio chiamato Ogme o Ogmios: per i Celti il dio della sapienza. Nella tradizione irlandese del Lebor Gàbala (Libro delle invasioni), Ogma è un guerriero appartenente alle tribù della dea Danu (Tuatha Dé Danann). Un testo noto come Auraicept na n-éces (Il Manuale del Letterato), che contiene un trattato sull'alfabeto ogam, dice: "al tempo di Bres, figlio di Elatha e re d'Irlanda (...) Ogma, un uomo molto dotato per il linguaggio e la poesia, inventò l'Ogham.”

COMPRALO:
http://www.keltia.it/catalogo/albiziered/ogam.htm

 

TUTTI I LIBRI SU IBS

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

 

MEMBERSHIPS

AICM - ASSOCIAZIONE ITALIANA CRITICI MUSICALI
http://www.criticimusicali.it/

AICA - INTERNATIONAL ASSOCIATION OF ART CRITICS
http://www.aica-int.org/

SOCIETA' STORICA LOMBARDA (fondata nel 1873)
http://www.societastoricalombarda.it/

I.I.C.E. - ISTITUTO ITALIANO PER LA CIVILTA' EGIZIA
http://www.archaeogate.org/iice/

SOCIETA' STORICA PER LA GUERRA BIANCA
http://www.guerrabianca.it/indexmap.asp

SOCIETA' FRIULANA DI ARCHEOLOGIA
http://www.archeofriuli.it/

AISSCA - Associazione italiana per lo studio dei santi, dei culti e dell'agiografia
http://www.flashinlabs.eu/aissca/index.php

 

IL LIBRO DEL GIORNO

Tibet. Land of exile
di Patricio Estay
Skira Editore
pp. 224, euro 39

Volti, cerimonie rituali, frammenti di vita in seno ai templi delineano attraverso la fotografia i segni del ritratto di un mondo in cui le difficoltà morali, il fervore spirituale e la profondità d’animo vanno di pari passo con la gentilezza, l’allegria e l’immensa generosità.  Le suggestive immagini in bianco e nero, fortemente spirituali, della prima parte del volume si contrappongono alle intense fotografie a colori dedicate alla realtà di tutti i giorni (centri commerciali, prostitute) pubblicate nella seconda parte. Il libro è introdotto da un accorato messaggio di pace del Dalai Lama che pone l’accento sulla grande forza d’animo con cui il popolo tibetano affronta continuamente ardue prove nel tentativo di continuare a perpetuare l’affermazione delle proprie idee e della propria spiritualità.

 

UN MITO

 

DA GUARDARE

Excalibur
di John Boorman
(1980)

 

DA ASCOLTARE

 

Giuseppe Verdi
Messa da Requiem
  
 
Orchestra del Teatro alla Scala 
Victor De Sabata 
Elisabeth Schwarzkopf 
 Giuseppe Di Stefano 
 Cesare Siepi 
 Oralia Dominguez
Naxos

 

immagine