Creato da ferraiolidomenico il 16/11/2011
politica cultura tradizioni natura

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

clara08pierpaolocitron.pasculliluna.ferbocciaoneandrea.marziani1980sunpower66fiordaliso2324dario.fotiachiatamonbound4funlu.volper.salomonemegnamastropietro.andreakamaleon3
 

Ultimi commenti

 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« video nino galloni l'os...ecomocidio e lo sanno Mo... »

Se i Sudditi si autorganizzano possono ritornare Cittadini di Ferraioli Domenico

I Commissari del Comune rappresentano lo “Stato” che si sostituisce ad una “emergenza democratica” comunale. Hanno gli stessi poteri del sindaco.

Ovvero non sono tecnici ma politici.

 

Durante l’emergenza avrebbero in virtù dei loro poteri per motivi sanitari far togliere entro 24 ore l’immondizia dalle strade(salvo restante accollare l’onere economico ai cittadini  di Pagani).

 

Alla prossima  emergenza che sta già dietro la porta cosa faranno?

La stessa cosa della precedente emergenza.

 

Cosa resta da fare ai sudditi?

 

O ci si organizza seriamente per limitare i danni delle emergenze o staremo nella merda fino al collo ovvero fin quando non si troveranno altri soldi per pagare ciò che va pagato per il mantenimento del servizio.

 

Intanto sgombriamo il campo dalla questione che la metà dei “Contribuenti” non paga la tarsu o tia

Qui è fondamentale avere delle idee chiare:

C’è chi non ha nulla da perdere non pagherà mai. Chi ha da perdere si!

E questa sarà una costante che nel tempo ci porteremo come una palla al piede.

 

Per cui se ci fosse POLITICA in città questa dovrebbe avere il coraggio di scelte che puntino alla esenzione per chi non può pagare e di conseguenza basare il costo della  TARSU/TIA in modo progressivo  sul Reddito e nucleo familiare  e non sui metri quadri dell’abitazione. (questa scelta non so se è in contrasto con la normativa vigente oppure no agli esperti una risposta)

 

Intanto cosa facciamo per l’umido?che è il problema più grave durante un’emergenza?

 

Qui sta alla capacità dei SUDDITI di individuare nelle loro aree residenziali di quartiere dei punti lontano dalle abitazioni è solo in quei punti depositare l’umido e non altri rifiuti che possono essere depositati nei loro luoghi naturali già assegnati e non producendo puzza o decomposizione  possono se ben sigillati non creare problemi.

Segnalando al comune e al consorzio l’area prescelta del deposito dell’umido  durante l’emergenza.

 

Se i Sudditi riusciranno almeno per una volta nella loro esistenza terrena a realizzare   almeno questo avremmo posto le basi per risolverci da soli il problema rifiuti e ritornare Cittadini

Se lo lasciamo l’iniziativa ai politicanti non lo risolveremo mai.Figuriamoci chi è di transito al Comune.

 

Dal territorio coloniale di Pagani  della ex repubblica italiana

15/06/2012

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog