Creato da solitudineNA il 02/01/2006
affetto verso un amico/a gatto

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

counterfeit01solitudineNAvulnerabile14Sky_EagleIrrequietaDDJ_Ponhzianima_on_lineamorino11peppe_randazzo2015GiuseppeLivioL2falco1941Elemento.Scostanteiunco1900Afroditemagica
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I miei link preferiti

 

 

« FINALMENTE UNA BELLA NOTIZIABenessere animale »

UN ALTRA BUONA NOTIZIA - FINALMENTE

Post n°109 pubblicato il 01 Aprile 2014 da solitudineNA

QUESTE SONO LE NOTIZIE CHE TI FANNO COMINCIARE BENE LA SETTIMANA - FINALMENTE ERA ORA

E PER  GLI ASSASSINI DI BALENE  

LA CORTE DELL'AIA: ILLEGALE LA CACCIA ALLE BALENE "PER STUDIO"

Lunedì, 31 Marzo 2014

Enpa: "Lo scopo scientifico era solo un pretesto"

LA CORTE DELL'AIA: ILLEGALE LA CACCIA ALLE BALENE
In Antartide, la caccia alle balene per "motivi scientifici" è contraria alle norme e ai trattati internazionali. Lo ha stabilito oggi, su ricorso presentato dal Governo australiano, la Corte Internazionale di Giustizia che ha così assestato un duro colpo alle attività baleniere del Giappone nei "mari del Sud".

«Quello della Corte dell'Aja è un verdetto rivoluzionario – commenta il direttore scientifico dell'Enpa, Ilaria Ferri – che boccia "senza se e ma" l'assurdo pretesto usato dagli Stati balenieri, in primis il Giappone, per aggirare la moratoria alla caccia approvata nel 1986.» Naturalmente, come hanno precisato in seno alla stessa Commissione Internazionale Baleniera ricercatori e cetologi internazionali, la caccia per "motivi scientifici" non ha nulla di scientifico. Si tratta dunque di un ossimoro che negli ultimi venticinque anni è costato la vita a più di 10mila cetacei.

«Come abbiamo sempre sostenuto la caccia a scopo scientifico è solo un banale pretesto per i Giapponesi per sterminare le balene che sono considerate competitrici nella pesca, come gli altri cetacei. E le migliori vittorie si ottengono con la nonviolenza e con la determinazione che ha portato il Governo Australiano a ricorrere alla corte di giustizia europea che ha sancito questa storica sentenza. Esprimo la mia più profonda gratitudine ai giudici dell'Alta Corte che con questo verdetto hanno finalmente ripristinato la legalità internazionale, schierandosi dalla parte delle balene, della biodiversità, della vita – prosegue Ferri -. Auspico che il Governo giapponese tenga fede alle sue promesse e, come annunciato, rispetti il verdetto dell'Aja fermando una volta per tutte il programma di caccia alle balene in Antartide. Diversamente, ogni azione dell'Australia e di ogni altro Paese, tesa al rispetto di questa sentenza sarà più che legittimata.»
Dal 1986 al 2013 il Giappone ha ucciso più di 14.000 balene, sulla base di permessi scientifici, proprio nel Santuario dell'Antartico.
All'esultanza si unisce la Lav, che contro la caccia ai cetacei chiede al Governo italiano di vietare l'importazione di delfini con permessi emessi con il fantomatico scopo di promuovere la ricerca scientifica nei delfinari, negli acquari e nei parchi divertimento.

"La sentenza di oggi è la prova di come gravissime forme di sfruttamento commerciale si celino dietro presunte attività educative, scientifiche e di conservazione e che per anni hanno permesso al Giappone di derogare alle norme internazionali e sterminare decine di migliaia di balene", – dichiara Gaia Angelini della Lav. "Questa sentenza sia l'occasione per verificare come anche in Europa, con l'alibi dell'educazione e della ricerca scientifica, in realtà si sfruttino ogni anno oltre 300 delfini e diverse orche detenute in cattività per spettacoli che non aiutano affatto a conoscere questi animali, né a salvarne alcuno. Queste catture servono solo a mantenere lucrativi interessi per le società di intrattenimento commerciale. E' ora di mettere fine al sequestro di questi animali nei loro habitat naturali e di introdurre uno stop alla loro importazione, come già avvenuto in Svizzera e diversi paesi dell'Unione Europea".

Con l'obiettivo di ottenere una legge che vieti l'importazione di delfini e di altri cetacei a fini di spettacolo, la LAV chiede ai cittadini di firmare – in tante piazza italiane sabato 4 e domenica 5 aprile, oppure su www.lav.it – la petizione che LAV e Marevivo rivolgono al Governo e al Parlamento italiano.
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/titina/trackback.php?msg=12715202

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
REGINA.LEONESSA
REGINA.LEONESSA il 25/06/14 alle 14:57 via WEB
Molto bene...:)
(Rispondi)
melissa38m
melissa38m il 03/04/15 alle 18:31 via WEB
Una colomba è volata in alto nel cielo per portare pace in tutta la terra e tanta pace anche nel tuo cuore e che questa Pasqua possa portare a tutti un pò d'amore. Buona Pasqua angela
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.