Blog
Un blog creato da falena_blu7 il 02/09/2013

racconti

da scrivere

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« Tu, sei.

Quel piacere

Post n°3 pubblicato il 14 Settembre 2013 da falena_blu7

Quando giunse con quel pacchetto tenuto tra le mani fu il mio sguardo a fermarsi nel

suo, e fu così che lo tenni nella memoria per tutto il tempo che venne dopo.

 

Me lo diede senza smettere di guardarmi. 

Fu sorprendente scoprire la boccetta di olio profumato all'arancio. 

Sapevo già cosa sarebbe servito e ne sarebbe stato.

Le sue mani scolpirono il mio corpo, e io sentivo crescere il brivido prepotente 

farsi strada. Nulla mi impedì di schiudere le labbra e offrirle alla sua bocca

che le prese insieme al mio respiro.

Scostò i miei capelli dal collo e ci pose le dita, che lente lambivano la mia pelle.

La sua non lasciava la mia bocca. 

Immaginavo i suoi occhi chiusi immersi nel desiderio.

E come narra il tempo di cose andate, quelle di quella volta furono ancora da provare

e riprovare dopo un bacio dato con intraprendeza a generare il solco di un momento

senza fine, rimasto appeso tra la voglia di dire e quella del fare.

Furono le sue mani unte di olio d'arancio a segnare la mia pelle.

Le parole accompagnavano i dettagli del suo desiderio, e il pensiero valicava

confini segreti sepolti nei suoi occhi.

Fu un viaggio verso i confini che circoscrivono il piacere.

Le sue mani itineranti a spalmare le gocce di olio, che lasciate cadere volutamente sul

mio ventre accompagnavano il percorso a segnare le mie cosce.

I palmi delle sue mani attraversano il mio corpo, mentre i suoi occhi guardavano 

i dettagli nel profondo dei miei.

Cresceva  l'impeto della sua eccitazione che chiedeva soddisfazione, ma che tralasciava  ancora in questo viaggio nel mio corpo.

Il momento giunse.

Mi sfiorò con le dita, e poi il polpastrello sul mio clitoride lo muoveva  sicuro

e deciso. Inarcai  i fianchi e il ritmo delle sue carezze aumentava, mentre un suo

dito si faceva strada in me. I miei gemiti si fecero forti. Chianandosi  affondò  il suo

viso tra le mie gambe e assaporò il mio lago e danzò seguendo una melodia sfrenata.

Le mie mani strinsero  la sua testa inseguendo il ritmo della sua bocca.

E godetti.

E lui splendidamene asservito guardò il mio viso impudico che si concesse al piacere.

So che se quella volta, se  avessi aperto  gli occhi e lo avrei guardato, lui non avrebbe più potuto  fare a meno  di me 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/tuttoenulla/trackback.php?msg=12358326

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
rmater10
rmater10 il 16/09/13 alle 13:41 via WEB
ma li rendi tutti ubriachi sti omini a forza di farli inebriare del tuo succo ...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ardizzoia.nataliailcerimonieresalamiti.giulioziamiadinapoliMyKsundertaker2007Seria_le_LadyKamashkatechtothsunshine_sunsonoperteesolopertemanuma.mdi_me_sono_stancormater10
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963