Creato da umindaparer il 24/02/2008

gente comune

di tutto un po'

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

«   il Natale è una bella festa?the best of renato zero »

la pietà

Post n°14 pubblicato il 28 Giugno 2009 da umindaparer

la sofferenza

oggi scrivo perchè dopo varie vicissitudini dolorose sembra compiersi una nuova triste storia. Il ciclo della vita appare praticamente ineluttabile: prima sei allevato, poi allevi la tua prole, poi accudisci i tuoi genitori, poi allevi la prole dei tuoi figli.

sono arrivato alla terza fase di questo percorso che sembra inevitabile, obbligato, un destino al quale non puoi sfuggire.

Ma vedere la sofferenza di chi ti ha generato ed accudito nell'infanzia è sempre difficile: non son uno che vive drammaticamente certe situazioni, ma devo ammettere che la sofferenza di chi ti è caro è difficile da sopportare. Più che la sofferenza fisica che puoi controllare e curare  a far male è la sofferenza psichica,, lo scollegamento dalla realtà di persone che prima consideravi attendibili, ragionevoli.

Inoltre si sommano alcuni fattori: ad es i sensi di colpa di avere innescato un processo di cura che talvolta non risulta essere soddisfacente ma anzi che sembra far precipitare una situazione già precaria percedentemente, poi il pensiero di come organizzare la tua vita con tutti gli impegni e conciliarla con le esigenze di chi ha bisogno.

Riesci a tenere testa ad una situazione  se hai tutto sotto controolo, se riesci ad elaborare soluzioni che possano risolvere un problema ma se ti trovi di notte a parlare con un tuo familiare completamente disorientato, che se fosse un bambino lo prenderesti a sberle,  senti un solo sentimento sorgere dal più profondo del tuo animo: la pietà

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/umindaparer/trackback.php?msg=7303506

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
frater63
frater63 il 30/06/09 alle 16:14 via WEB
Tante volte il rammarico non è nella sofferenza di chi ami ma dell'impotenza che hai nei confronti di quello che sta succedendo. Per fortuna che il lavoro, il turbinio continuo e stressante della nostra vita ci aiuta a offuscare anche questo dolore iniettando come un analgesico nella sensazione di cedimento. Sei dei nostri...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lumindaparerumindaparernoarellondina32walter.ego0sonia55_1asterix430Katartica_3000grazia.pvwolwaffenviolette51antartico1itlucita0memoleyoghi
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom