Creato da grembiulibianchi_blu il 27/10/2010
Classi quinte Scuola Primaria Lanoce Maglie (LE)
 

 

Roma 4

Post n°66 pubblicato il 29 Aprile 2012 da grembiulibianchi_blu

Ma la nostra Roma non è stata solo monumenti, piazze e scalinate.

E' stata sorrisi sinceri...

 ...l'entusiasmo di dividere con i compagni una camera d'albergo...

 ...l'incontro con Alessio e la sua mamma che non vedevamo da
più di un anno...

 ...dormire insieme...

 ...l'abbraccio di Andrea allo "zio brutto"  (ci perdonerà
mai???) che abbiamo scoperto non essere affatto brutto .

...una foto con Manuel, provetto fotografo, che ci faceva
restare ore
in posa ad ogni scatto.

 ...i volti sorridenti dei nostri piccoli uomini...

 ...gli abbracci tra una portata e l'altra...

 ...sentirsi un po' mamme di tutti...

 ...il compleanno di Andrea festeggiato tutti insieme....

 
 
 

Roma 5

Post n°65 pubblicato il 29 Aprile 2012 da grembiulibianchi_blu

Questa per noi è stata Roma. Un viaggio di amore e di emozioni uniche e indescrivibili.
O
gni angolo ci ha regalato qualcosa, ogni piccola parte di questa città è stata un dono, un regalo per tutti noi.
Roma è cultura, storia, fasto, lusso, colori, allegria, Roma è una città che rimarrà sempre nel cuore e negli occhi di chi c’è stato, di chi l’ha visitata.
La nostra capitale è proprio questo, è un intreccio di storie di vita, storie di chi ci abita, di chi la visita, di chi ci andrà; storie che parlano di amore...amore per la città, amore per i suoi monumenti, per le sue chiese, per le sue fontane, amore per questi luoghi eterni e sempre pieni di fascino, che riescono a farci innamorare della vita.
E l
'ultimo post lo dedichiamo ai ringraziamenti.
In primis al nostro Dirigente Scolastico, Antonio Merico, che ci ha permesso di realizzare questo viaggio sia concedendoci il permesso di effettuarlo, sia contribuendo economicamente con i fondi della scuola.
Un grazie va anche alla maestra Luisella che ha lasciato per 2 giorni i suoi alunni per supportarci e sopportarci in questa avventura.

Un pensiero di gratitudine va ai 12 genitori che hanno condiviso quest'esperienza unica e irripetibile...

 

E l'ultimo grazie, quello speciale, va ai nostri 28 grembiulinibianchieblu (compreso Alessandro che non ha potuto vivere questa esperienza per colpa della febbre che l'ha lasciato a casa).
Siamo davvero orgogliose di voi, perchè siete unici, eccezionali e impareggiabili.

 

 
 
 

In viaggio verso la legalitą

Post n°64 pubblicato il 01 Aprile 2012 da grembiulibianchi_blu

Visita alla Questura di Lecce 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Progetto: In viaggio verso la legalitą

Post n°63 pubblicato il 25 Marzo 2012 da grembiulibianchi_blu
 

Il 21 marzo non è solo il primo giorno di primavera, ma una giornata dedicata al ricordo delle vittime innocenti della mafia.
Anche noi, insieme al nostro Dirigente Scolastico, abbiamo voluto ricordare i circa 900 caduti per mano della mafia e abbiamo invitato nella nostra scuola, per un incontro-dibattito alcuni rappresentanti della Polizia di Stato e la  signora Matilde Montinaro, sorella di Antonio, caposcorta del magistrato Falcone, deceduto insieme a lui nella strage di Capaci.

 

Prima di ascoltare le parole della signora, ciascuno di noi, ha letto il nome di una delle tante vittime della mafia. 

 

A questa piccola e semplice cerimonia era presente anche un gruppo di mamme delle nostre classi.

Abbiamo ricordato con grande commozione i nomi di coloro che hanno avuto il coraggio di opporsi a Cosa Nostra anche a costo della propria vita.

Manuel ha letto una poesia in onore dei magistrati Falcone e Borsellino. Infine è seguito il silenzio d'ordinanza, una forma di rispetto per i caduti.

L'emozione più grande della giornata è stata sicuramente la presenza della signora Montinaro. Ci ha parlato di suo fratello e del suo impegno. 
Antonio Montinaro è stato un poliziotto orgoglioso del suo lavoro e ha vissuto a Palermo con grande coraggio. Lo stesso coraggio che dimostra ancora oggi la signora Matilde, membro attivo dell'associazione LIBERA creata da don Ciotti.

 

Abbiamo poi ascoltato le parole del rappresentante della Polizia di Stato e l'impegno che ciascun agente mette nel proprio lavoro.

Tante sono state le domande che abbiamo rivolto loro e a ciascuna ci è stata data una risposta esauriente.

 

 

Abbiamo trascorso una giornata davvero speciale.
Ne siamo usciti, sicuramente, arricchiti e con la voglia di dire no ai soprusi e alle angherie di chi conosce solo il linguaggio della violenza per sentirsi più forte.
Il nemico lo si combatte se si è in tanti e se si ha il coraggio di guardarlo dritto negli occhi e noi vogliamo con tutte le nostre forze un mondo migliore, in cui la parola mafia diventi un arcaismo lontano dal nostro quotidiano. 

 
 
 

.

Post n°62 pubblicato il 11 Marzo 2012 da grembiulibianchi_blu

Sabato abbiamo vissuto un'esperienza meravigliosa. Nella nostra scuola abbiamo avuto l'onore di ospitare il Professor Gianni Pellizzari, stimatissimo docente di lingua italiana e grande appassionato di teatro.
Da tempo lo aspettavamo e la nostra attesa è stata ampiamente ricompensata.
Ci ha declamato la famosissima poesia di Totò 'A livella e lo ha fatto con tale maestria che ci è sembrato di vedere i personaggi muoversi davanti a noi.
Ci ha inoltre appassionati raccontandoci la storia del principe De Curtis e ci ha fatto conoscere brevemente anche la storia dei più grandi autori italiani. Sembrava un fiume in piena!!!
Adesso capiamo il perchè della sua fama!!! E' un professore davvero irresistibile!

 

Ha anche avuto la pazienza di ascoltare la drammatizzazione della famosa poesia di Totò che alcuni di noi avevamo preparato.
Che emozione!!! Infatti Valentina era talmente trepidante che non è ruscita a recitare regalandoci qualche lacrimuccia.
L'abbiamo voluta ugualmente immortalare insieme ai nostri piccoli "attori" perchè anche questi son momenti da ricordare.

E per ultimo abbiamo fatto una sorpresa al professor Pellizzari facendogli incontrare una sua ex alunna che non vedeva da circa vent'anni che adesso è mamma delle nostre splendide 3 gemelle.
E' stata una giornata davvero piacevole e, come sempre diciamo che è questa la scuola che ci piace.
Grazie, professore...di uomini di scuola come lei ne abbiamo davvero tanto bisogno. 

 
 
 

 

 

Insegnerai a Volare, ma non voleranno il Tuo Volo.
Insegnerai a Sognare, ma non sogneranno il Tuo Sogno.
Insegnerai a Vivere, ma non vivranno la Tua Vita.
Ma in ogni Volo, in ogni Sogno e in ogni Vita,
rimarrà per sempre l’impronta dell’ insegnamento ricevuto.

Madre Teresa di Calcutta

 

 

Vincenzo e Miriam

Siamo amici.
Io non desidero niente da te, tu non vuoi nulla da me.
Io e te...dividiamo la vita.

Kahlil Gibran

 

 "Dove le parole finiscono, inizia la musica"

C. J. H. Heine

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rebecca

 

Tutti gli uomini per loro stessa natura desiderano imparare.

Aristotele

 

Andrea P.

In una classe, l'insegnante si aspetta di essere ascoltato. Lo studente pure.

Ernest Abbé

 

...cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre "Andiamo", e non sanno perchè.
I loro desideri hanno le forme delle nuvole.

Charles Baudelaire

 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Valentina

Il mondo è nelle mani di coloro
che hanno il coraggio di sognare
e di correre il rischio di vivere i propri sogni.

Paulo Coelho 

 

"La sola battaglia che non puoi vincere è quella che non vuoi combattere."

Sergio Bambarén, da Lettera a mio figlio sulla felicità

 

 Mattia e Laura

 

I bambini?
Dobbiamo imparare da loro;
bisogna che ci sentiamo fieri delle loro piccole grandi conquiste.
Sono il nostro miracolo, il nostro capolavoro, il nostro futuro.

Anton Vanligt, da Mai Troppo Folle

 

I bambini hanno molto da insegnare agli adulti. Se non altro sulla gioia di vivere.

Stephen Littleword

 

E una donna che reggeva un bambino al seno disse:
Parlaci dei Figli.
E lui disse:
I vostri figli non sono figli vostri.
Sono figli e figlie della sete che la vita ha di se stessa.
Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi e benché vivano con voi non vi appartengono.
Potete donare loro amore ma non i vostri pensieri: essi hanno i loro pensieri.
Potete offrire rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime: esse abitano la casa del domani, che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno.
Potete tentare di essere simili a loro, ma non farli simili a voi: la vita procede e non s’attarda sul passato.
Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti.
L’arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane.
Affidatevi con gioia alla mano dell’arciere; poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell’arco.

Kahlil Gibran da IL PROFETA

 

Ultimi commenti

Quanti ricordi... :_)
Inviato da: Andrea Puzzovio
il 06/01/2016 alle 17:11
 
Grazie, abbiamo preso spunto....appena terminata! grazie...
Inviato da: Barbara
il 26/12/2013 alle 19:00
 
Care maestre, quel giorno č stato indimenticabile!Ancora...
Inviato da: Annarosa
il 01/03/2013 alle 19:42
 
Care maestre sono io Giulia, la vostra grembiulina bianca....
Inviato da: Giulia
il 19/01/2013 alle 10:24
 
Il nuovo anno č arrivato e io ricordo quello passato come...
Inviato da: Manuel Pasca
il 11/01/2013 alle 18:27
 
 

 

"Non è meraviglioso pensare a tutte le cose che ci sono da scoprire?
Mi fa sentire felice di essere viva, il mondo è così interessante.
Non lo sarebbe altrettanto se conoscessimo tutto, non ci sarebbe più spazio per la fantasia."

L.M.Montgomery,

da “Anna dai capelli rossi”

 

 

Alessia e Vincenzo


Non è tanto l'aiuto degli amici a giovarci, quanto la fiduciosa certezza che essi ci aiuteranno.

Epicuro

 

Ultime visite al Blog

docenteincazzatadanyelafortesabbatinelliannaVIRGILIO96gloria8263anna.sessa_rosatapodanielagemellipinkgeaNuovaCartolibreria13silviaxxx1liguorimariangelamattafix4mcri81grembiulibianchi_blu
 
 

Sara

 La scuola è l'ingresso alla vita della ragione.

Jerome Bruner

 

 

Dite:

è faticoso frequentare bambini.

Avete ragione.

Poi aggiungete:

bisogna mettersi al loro livello,

abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli.

Ora avete torto.

Non è questo che più stanca.

E' piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi

fino all'altezza dei loro sentimenti.

Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.

Per non ferirli.

J.KORCZACK

 

Alessandro C.

Scrivere è prendere l'impronta dell'anima.

Multatuli

 

Grembiuli bianchi e blu della sezione A pronti per la lettura

 Nessun vascello c'è che come un libro possa portarci in contrade lontane.

Emily Dickinson

 

"Un guerriero della luce presta attenzione agli occhi di un bambino. Perchè quegli occhi sanno vedere il mondo senza amarezza. Quando desideri sapere se chi sta al tuo fianco è degno di fiducia, cerca di vedere la maniera in cui lo guarda un bambino."

da “Il manuale del guerriero della luce“ Paulo Coelho

 

 

Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.

(Jules Renard)

Silvia

 

 

Un bambino può insegnare sempre tre cose ad un adulto: a essere contento senza motivo, a essere sempre occupato con qualche cosa, e a pretendere con ogni sua forza quello che desidera".

Paulo Coelho

 

Le cose che il bambino ama
rimangono nel regno del cuore
fino alla vecchiaia.
La cosa più bella della vita
è che la nostra anima
rimanga ad aleggiare
nei luoghi dove una volta
giocavamo.

Kahlil Gibran  da "Self-Portrait"