Creato da narcoleptic.a il 22/10/2010

FLuiDo EmaTiCo

where's my fuckin guiding light?

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: narcoleptic.a
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 111
Prov: EE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

« vuoti d'animala quiete al di là del lago. »

La Vita Interiore - Alberto Moravia (recensione confidenziale)

Post n°10 pubblicato il 15 Febbraio 2011 da narcoleptic.a
 

 

Leggere La Vita Interiore è viaggiare in noi. Spesso è il coraggio che manca perché la vigliaccheria è uno dei maggiori mali del nostro secolo, è il prodotto dell'ignoranza. Si ha terrore di scoprire cose mai sentite prima, di vedere ciò che ci circonda con gli occhi dello stomaco, del cervello, del cuore.

Chi ascolta la Voce non ha paura di essere solo.

Chi ascolta la Voce ascolta sé stesso.

 

 

La vita interiore, ed. Bompiani, Milano, 1978.

 Quattrocentottopagine suddivise in tre sezioni, la portata imponente può scoraggiare anche i lettori più ardui e, forse, ha scoraggiato lo stesso Moravia visto che ha impiegato sette anni per partorire tale opera. A fine lettura ci si rende conto che sette anni è un giusto tempo, addirittura riduttivo per la tematica sviscerata e trattata con cura, si sa che gli scrittori sono i migliori psicanalisti del genere umano e in più hanno l'alibi della letteratura: si immergono nel profumo dell'inchiostro, si nascondono tra i capitoli, tra la rotonda morfologia delle lettere.

 

  • Il romanzo ci viene presentato dall'autore stesso come una lunga intervista all'unica protagonista/antagonista chiamata Desideria. L'autore è indicato con il pronome "Io" - all'inizio mai invadente, distaccato e quasi in tono giornalistico- si limita a fare domande e ad approfondire i fatti raccontati dalla bella e giovane ragazza. Più il racconto prende corpo, più l'autore-intervistatore si anima e diventa partecipativo, dando anche giudizi soggettivi e cercando di scavare sempre di più nel personaggio.

 

  • Il nome non è stato scelto a caso: Desideria è colei che suscita altrui desideri reconditi (talvolta incestuosi come nella madre adottiva Viola). La vita della ragazza cambia proprio come quella di Giovanna d'Arco quando compare "la Voce", non altro che alter ego antagonista di lei stessa, infatti, il percorso narrativo e intimistico raccontato si regge sulla lotta tra Desideria e quello che le ordina la sua voce interiore, a cui è impossibile sfuggire, perché crea una forma di dipendenza. Prima dell'apparizione della Voce, la ragazza in età dello sviluppo era grassa e goffa, considerata da Viola un essere inutile, da ignorare, un'oloturia.
  • Altro topos letterario è il rapporto di odio/amore tra madre e figlia adottiva, rapporto che diventa incestuoso col passare del tempo e con il fiorire della bellezza di Desideria. Altri personaggi vi ruotano intorno e tutti saranno vittime della Voce di Desideria, lei stessa compresa.
  • Desideria, nonostante la sua bassa genealogia (la madre naturale era una prostituta) di fatto fa parte della corrotta borghesia romana di fine anni '60 ( da notare, non a caso, il tempo della narrazione è il sessantotto) mentre la Voce interiore è quella voce antiborghese, rivoluzionaria insurrezionalista, anticapitalistica e giustizialista. Sì, perché la Voce in un certo senso è contro ogni tipo di soprusi ed ogni mezzo sarà lecito per raggiungere i suoi scopi.
  • La lotta interiore verrà vinta dalla Voce che diventerà sempre più personaggio esteriore, annullando Desideria e tutta quella amara fetta di società a cui appartiene.

 

La singola vicenda  (Moravia avrebbe avuto non pochi problemi in quel periodo se avesse davvero voluto raccontare i fatti senza artifici letterari) è estesa all'intera umanità in subbuglio degli anni '70 (il tempo reale coincide con quello della narrazione).

La Voce Interiore è quindi una sorta di forza estremista insurrezionalista, è chiaro il riferimento alle Brigate Rosse che l'autore tramite il punto di vista di Desideria appoggia totalmente.

 

L'opera va letta con cura e attenzione, preferibilmente lontano dai pasti.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/unknownpleasures/trackback.php?msg=9887864

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
buknowski
buknowski il 19/05/11 alle 03:45 via WEB
Quando ti deciderai a prestarmelo?
 
 
narcoleptic.a
narcoleptic.a il 20/05/11 alle 09:47 via WEB
quando sorriderò.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

graelaBlueSteelemadportonecarolina.forzanbludiprussia2arturo54_8il.lordneroborotRedanzandonellabissozuzletabonanza76fran.1988narcoleptic.astorieanonime
 

ULTIMI COMMENTI

sicuramente.
Inviato da: narcoleptic.a
il 20/08/2011 alle 18:15
 
ma giungerà... e tu sarai sorpresa di quanto lo avevi...
Inviato da: prasio99
il 10/08/2011 alle 19:49
 
è sempre più raro il momento della sorpresa che mi...
Inviato da: narcoleptic.a
il 10/08/2011 alle 18:47
 
Presentimento-è quell'ombra lunga-sul prato- che...
Inviato da: prasio99
il 08/08/2011 alle 17:31
 
quando sorriderò.
Inviato da: narcoleptic.a
il 20/05/2011 alle 09:47
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963