Creato da urka_che_stanza il 04/04/2012

Urka che stanza !

Chat video

 

 


 
 

MAGGIO 2015

Con la collaborazione di leoab

 

 La Torta di Viola21982

         Stare in Urka fa bene all'umore, se pensi  che tutti diamo alla stanza un bel sapore.

 

L.AIUTA

Cerca aiuto sui servizi della Community
cliccando qui

 

NEWS

 

DEDICATO DA ELIYYYSIR (2015)

                 Elisyyyr

              Amica di Urka

 

VD

 

ULTIME VISITE AL BLOG

urka_che_stanzatrillyinamary.e64sadness456vidiaresolosocrateamoilmare64kipinoamerica.66gryllo73perry34caserta1969frizzantina_NOpvtSantaPazienza.UDundolcesorrisoperte6
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Quiz 8 Dicembre 2023Natale 2023 »

Castagne

Post n°1704 pubblicato il 10 Dicembre 2023 da urka_che_stanza

Le castagne sono il frutto del castagno derivanti dai fiori femminili (solitamente due o tre) racchiusi da una cupola che poi si trasforma in riccio . Del castagno non si conoscono le esatte origini ma ritrovamenti di reperti fossili attestano che l'albero dovrebbe derivare da un ceppo originatosi nel Terziario, circa dieci milioni di anni fa e che in periodo a clima caldo si era diffuso in Asia, in Europa E nelle Americhe . Sin dall’antichità per descrivere le castagne sono state usate diverse espressioni . In Grecia Ippocrate (IV secolo a.c.) parla di “noci piatte “ e nello nello stesso periodo Senofonte la chiama “noce piatta senza fessure” mentre , Teofrasto nella Storia Delle Piante parla di “ghianda di Giove” presente in molte parti della Grecia . Le castagne erano conosciute anche nell'antica Roma. Catone il Censore nel suo trattato De Agricoltura parla di “noci nude”. Marco Terenzio Varrone nel suo manuale De re rustica menziona un frutto " castanea " venduto nei mercati frutticoli della Via Sacra a Roma e che, come l'uva, veniva offerto in dono dai giovani innamorati alle donne amate. Virgilio descrive la pianta come albero da frutto comune e ben coltivato; con le foglie si facevano materassi e il frutto, castanea, era comune e pregiato. Plinio il Vecchio considera le castagne affini alle ghiande e si chiede perché la natura abbia nascosto con tanta premura in una «cupola irta di spine» un frutto di «scarso valore» .

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/urkachestanza/trackback.php?msg=16726945

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
trillyina
trillyina il 10/12/23 alle 18:43 via WEB
Leggendo la storia delle castagne, mi viene voglia di camino acceso e caldarroste e rivedo la nonna immersa nel fumo. Bel post kip..
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

POE

 

2

kipino-Viola-Trilly-dolcemeld.

Vidi-Sadness- Gambadilegno

Solosocrate -Gioia -Martina

Darrione-meladailamente, etc.

 

URKA 2015


 

TV

 

VIDEOELY

 

ST

 

ANTISCAM

 

 

 

 

 

 

Attenti alle scammer! Clicca sul logo e leggi il blog per scoprire come difenderti dalle loro truffe.

 

ILOVEMYPET

Fan Page di Libero Community

(cliccate sul banner qui sotto)

 

 Il canale Youtube di Libero Community!!! Iscrivetevi, condividete i nostri video e verremo a trovarvi anche nei vostri canali!

CLICCA QUI!!

 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963