Creato da amnesty208 il 10/03/2007
Viaggio nel Kurdistan turco, Newroz 2007

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

nino301150raffaelacevolitahajAuguste.Rodinmarta.kamfritz63morgius72mastreleestateestate2013sole_rosso1mi.piace.baciareantoanto58arianna.colaiacovolorenzo.tardellaeugenioimpedovo
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I miei link preferiti

 

« OCALAN NON E' PIU' IN ...Turchia: cinque detenuti... »

Gravissima violazione del diritto di asilo: funzionari del governo turco entrano in un CARA di Roma

Post n°206 pubblicato il 22 Novembre 2009 da gaibo

Martedì 17 novembre alle 11 della mattina, accompagnatidal direttore del centro, capitano della Croce RossaItaliana, una decina di funzionari turchi provvisti divideocamere ha fatto ingresso nel centro di accoglienza perrichiedenti asilo (CARA) di Castelnuovo di Porto (Roma)intrattenendovisi per circa due ore e mezza, effettuandoriprese video e chiedendo tra l'altro informazioni ad alcunidei presenti in turco su persone indicate con nome ecognome. Al momento della “visita”, presentata comeun'iniziativa di collaborazione tra Italia e Turchia per lagestione dei centri di accoglienza ed autorizzata –supponiamo – dalla Prefettura, erano presenti tra glialtri anche una trentina di richiedenti asilo kurdiprovenienti dalla Turchia, sensibilmente sconvolti epreoccupati.Il grave episodio, riferito successivamente da alcuni ospitidel centro alle associazioni Medici contro la Tortura,Senzaconfine e Casa dei diritti sociali, dopo essere giàstato segnalato all'Alto Commissariato delle Nazioni Uniteper i Rifugiati e al Consiglio Italiano per i Rifugiati,sarà oggetto di un'interrogazione parlamentare e di unesposto alla Corte europea per i diritti umani.“Vigileremo affinché i richiedenti asilo non debbanopiù subire una tale tortura psicologica: è sconcertanteche dopo aver sofferto abusi e torture a causa dellapersecuzione dei propri Governi, i profughi – epotenzialmente anche i loro familiari in patria - venganoesposti ad un rischio concreto di ritorsione in un luogo chedovrebbe al contrario essere un porto sicuro” hannodichiarato i rappresentanti delle associazioni di tutela. ( Ass Senza Confine )

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/utopia2007/trackback.php?msg=8027626

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento