Creato da ibiscos0 il 04/10/2009

SCUOLA E SCUOLE

idee per una scuola possibile

 

 

« Di chi la colpa?Elasticità futurista »

Ancora sull'Italiano!

Post n°18 pubblicato il 18 Gennaio 2010 da ibiscos0

L'Accademia della Crusca, l'antico istituto che si occupa di studi e ricerche sulla lingua italiana, riceve quotidianamente una quantità considerevole di quesiti circa i dubbi ortografici, grammaticali e lessicali che tormentano molti studiosi, insegnanti e docenti universitari di fronte a usi non del tutto ortodossi della lingua che compaiono in contesti colti, sui quotidiani o ascoltati alla tv e alla radio. Com'è il plurale di  "euro"?  "latte" ha il plurale?  E' corretto il verbo "attenzionare"? "Sogniando" o "sognando"

Il servizio di pronto soccorso dell'Accademia, una casella di posta elettronica a disposizione sul sito dell'accademia, denuncia ora un progressivo aumento delle richieste sorprendentemente da parte di professionisti, famiglie, curiosi, a dimostrazione che la lingua per qualcuno è un tormentone o che comunque un terreno minato.

La lingua italiana è certamente bistrattata e le cause di tale maltrattamento non sono direttamente linguistiche, bensì culturali. Concordiamo senz'altro sul fatto che la lingua è in continuo mutamento ed evoluzione, è materia viva  e l'uso comune finisce col modificare la grammatica. Tant'è che ormai si accetta "gli" al posto di "loro", "lui" e "lei" come soggetti. Ma, preoccupa la tendenza ad abbandonare l'uso corretto della nostra lingua.

Domande:

(a) si tratta di ragionare sulla differenza tra oggettive infrazioni alla lingua o violazioni della sensibilità stilistica soggettiva? 

(b) chi "legifera" sulla lingua: il linguista o il parlante?

 

Oltranza oltraggio

 

Salti saltabecchi friggendo puro-pura

nel vuoto spinto outré

ti fai più in là

intangibile - tutto sommato -

tutto sommato

tutto

sei più in là

ti vedo nel fondo della mia serachiusascura

ti identifico tra i non i sic i sigh

ti disentifico

solo no solo sì solo

piena di punte immite frigida

ti fai più in là

e sprofondi e strafai in te sempre più in te

fotti il campo

decedi verso

nel tuo sprofondi

brilli feroce inconsutile nonnulla

l'esplodente l'eclatante e non si sente

nulla non si sente

no sei saltata più in là

ricca saltabeccante là

 

L'oltraggio

 

Andrea Zanzotto, da La beltà, Mondadori Milano 1968

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
Informativa
Si informa che tutte le immagini utilizzate e visualizzate all'interno del Profilo sono tratte da Internet attraverso i motori di ricerca, pertanto l'autore potrà in ogni momento chiedere la rimozione delle stesse. Sarà mio dovere toglierle nel minor tempo possibile.
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

la.cozzaSmeraldo08ataposanbuzmarialetiziaarmaticaliatindaroenrico.tasinatostefanelli.pgiorgio.variscoermione82DELLEPROFquinloriTipicaTipicaunamamma1quar4gatti
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3