Creato da Web_London il 15/04/2015

L'ora di follia

Come l'istinto quando si impone e la verità diventa brutale

 

« "Ci fosse anche solo un...«Bisogna vivere, concepi... »

"La ragazza del treno" di Amelia (oltre.lo.specchio)

Post n°261 pubblicato il 20 Maggio 2016 da Web_London

 

Amelia, nell'ultimo post, finalmente si è rivelata con il suo Nick di Libero
Sono contento di questo, ma quanta fatica ad arrivarci eh?
La conosciamo un po' tutti qui dentro, a volte è un po' fuori come un balcone, a volte così incisiva che va direttamente al cuore delle cose

E' una delle lettrici storiche dei blog che ho avuto negli anni fin qui ma solo pochissimi mesi fa siamo riusciti a sentirci dal vivo per la prima volta
"Dopo tanti anni, prima o poi ci daremo un saluto?" mi chiese un giorno
"Come no, certo, ci mancherebbe!"
Così è stato
E dopo averla conosciuta, posso solo che confermare, lei è davvero fuori come un balcone! ^__^

Scherzi a parte, in questi tempi Amelia si sta scatenando in tutta la sua voglia di scrivere, di mettere nero su bianco i suoi pensieri, qualunque essi siano.
Ha cominciato e chissà dove questa sua nuova passione la porterà, magari ad apire anche lei un blog, e chi lo può mai sapere!

Sono contento di ospitarla qui dentro

Stasera pubblico il suo terzo testo e lo strepitoso "pezzone" che ha scelto da abbinarci come sottofondo musicale cantato da una voce che da metà in poi mette i brividi
(chissa come caspita è riuscita a trovarlo ...)

A lei il Blog

Ola

...

La ragazza del treno
di Amelia (oltre.lo.specchio)

 

La Ragazza del treno.
E' il titolo dell'ultimo libro che ho letto, inaspettato devo dire, pensavo a tutt'altra storia e invece...
Invece riflettevo.

Su cosa le nostre vite raccontano agli altri, viste da fuori.
Su come possano sembrare ... imperfette, perfette, gaie, tristi, impegnate, appaganti...
Ma mai probabilmente ... apparenti.
Apparenza: aspetto, faccia, presenza, facciata ... simulazione.

Cosa portiamo all'esterno di noi stessi?
Siamo in grado di mostrarci per quello che siamo?
Paure, ferite, rimorsi, sogni nascosti, amori sognati, necessità, felicità, insofferenza....

Quanto simuliamo per nasconderci, per rendere agli altri l'immagine che hanno di noi ma non quella che realmente ci esprime?

Eppure non sarebbe così terribile.

Forse troveremmo nell'altro le nostre stesse paure, incertezze , necessità di espressione.
Forse, quello che realmente a volte ci frena è riconducibile solo ad una cosa:
il timore di essere giudicati..
Ma è da un po' che mi son resa conto che il giudizio o il confronto non sono peggio delle parole inconfessate ... anzi ...

Il silenzio ... l'apparenza ... creano "mostri"
Perfetti sconosciuti che alla fine si convincono di essere il personaggio e non la persona..
Per vivere una vita immaginata ... a qualsiasi costo

Ma siamo davvero soddisfatti dell'immagine che mostriamo di noi stessi??


Amelia
(oltre.lo.specchio)

 

...


Disturbed
The Sound Of Silence
(Cover)

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/weblondon/trackback.php?msg=13404318

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
shantje
shantje il 20/05/16 alle 00:55 via WEB
è quello che accade a qualcuno di noi ad una certa età..quella dove sei arrivato,a sistemare le cose, dove le hai fatte . hai corso una vita intera, ti sei comportato da bravo ragazzo /a ..e qui viene il bello: ti accorgi che hai perso di vista te stesso, hai vissuto in funzione della famiglia ,di chi ti sta vicino e ti sei fatto un'idea di te che non ti rappresenta. Prendiamo una persona a caso: Me. non mi riconosco più ,in quello che sono stata fino adesso; che casino... o forse sono anch'io "fuori come un balcone2 ? O forse è tardi e sono stanca..ci sarebbe da aproffondire. Fatto sta che quando vengo da te a leggere mi vien da pensare 'notte Nicoletta ( o juliet )
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 17:24 via WEB
ovviamente ci sono momenti in cui si è confusi o semplicemente stanchi e si tende a criticare tutto di se stessi, a pensare che si è sempre fuori luogo e fuori posto o che, si è perso di vista il proprio io...penso che non si perda mai il vero se stesso, a volte si tende a coprire o a zittire ma sono dell'idea che sempre più spesso venga fuori..indipendentemente na noi stessi..buon pomeriggio..Nicoletta(o juliet o shantje;))
 
nadiaemanu
nadiaemanu il 20/05/16 alle 13:41 via WEB
Ecco ... io si, mi piace quello che mostro agli altri di me, sono contenta di come sono oggi, con difetti ... molti e pochi pregi, ma quei pochi sono reali e genuini, anche se sinceramente il giudizio degli altri mi interessa poco, arrivata alla mia età mi permetto di dirlo :-) Quando si stia bene con se stessi e si è in pace dentro dopo le prove che la vita ci ha dato, quando non si è calpestato nessuno, quello che conta è tutto li! Buon pomeriggio Nadia
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 17:25 via WEB
e su questo hai perfettamente ragione..il tuo equilibrio interiore appare anche all'esterno e puoi permetterti di sorridere e perché no?!?anche ridere di te stessa senza timore di giudizi(e pregiudizi)buon pomeriggio.. A:)
 
Estelle_k
Estelle_k il 20/05/16 alle 17:42 via WEB
Direi che il nick che hai scelto per te è azzeccato con la tematica del tuo post..:). Io credo che talvolta non sia solo questione di apparenze da indossare come una maschera per "salvarle" e proteggere ciò che realmente siamo, bensì può anche essere una questione di discrezione e riservatezza non legate necessariamente a timori di giudizio o a scarsa autostima. E dipende anche dalle circostanze e dalla durata temporale. Tu pensa ad esempio a questo mondo vituale, a come ognuno di noi decide di porsi e di interagire. L'argomento sarebbe vastissimo. Concordo con te che un atteggiamento costante nel tempo a non essere trasparenti e a non esprimersi in modo naturale ma artificioso e costruito non sia certo positivo, di sicuro dietro esiste insicurezza e timori personali. E' vero sarebbe più semplice essere sempre non meno che sè stessi, ma non sempre si può fare. Bel post Amelia...argomento molto interessante :) Grazie a te e buona serata a tutti :)
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 17:56 via WEB
grazie Estelle:))e sicuramente a volte è una sorta di autodifesa, non mostrarsi completamente, non mettere a nudo la propria anima perché troppo vulnerabile o emozionabile o sensibile(come meglio vuoi)..è vero!così come può accadere in questo mondo virtuale, in cui, più che nel reale, se ti "esponi" troppo, puoi ritrovarti a "combattere" con altri personaggi e non persone..buona serata anche a te:)
 
BacardiAndCola
BacardiAndCola il 20/05/16 alle 18:26 via WEB
La differenza tra un blog e la vita (per quanto mi riguarda) è che qui non ci sono ne formalismi ne peli sulla lingua. In sintesi sono molto più provocatoria e sfacciata quì. Ad esempio, nel mio vecchio blog un giorno parlai del (scusate il termine crudo) Pompino, ma certo non mi verrebbe mai in mente di parlarne a cena (a meno che non lo sia con persone che conosco bene e da tanto tempo dover non rischio di esser travisata) magari potrei pensarlo e farmi tutto il mio ragionamento, ma a tirar fuori la cosa, non ci penserei minimamente. Quindi a mio avviso, l'immagine che diamo è un noi, un pochino più "esasperato", non è detto non sia più vero, proprio perchè privo di formalismo.
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 19:25 via WEB
forse sbaglio, ma io lo vedrei al contrario, nel blog o nella community in generale, per quanto non si compaia direttamente, credo ci sia quel limite di rispetto e formalismo nei confronti di chi sostanzialmente legge e non si conosce.. nella vita, piuttosto, dovremmo essere noi, ovviamente con atteggiamenti consoni alle persone che abbiamo difronte, che siano amicissimi, conoscenti o famiglia..ma questo ovviamente è il mio punto di vista..poi come diceva mia nonna:"la regola è che ognuo si regola";))
 
   
BacardiAndCola
BacardiAndCola il 20/05/16 alle 20:02 via WEB
Non proprio (almeno per me) se qui devo mandare al diavolo qualcuno, lo faccio e anche molto velocemente. Adotto, forse inizialmente sinonimi, o ironia, ma sono inequivocabile. Nella vita, con le amiche, l'ambiente di lavoro, al supermercato, magari conto fino a tre.
 
     
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 22:18 via WEB
Beh se si arriva ad esasperare i toni qui non è che sono immune dal rispondere a tono ma davvero al limite, anche perché qui si potrebbe andare all infinito e senza soluzione ma esasperando al massimo i toni..nella realtà il vis a vis ti permette un confronto più chiaro.
 
sagredo58
sagredo58 il 20/05/16 alle 19:37 via WEB
Un blog è una vetrina, in vetrina ci si mette quello che si scrive, qualcosa trasparirà pure della personalità di chi scrive, altrimenti significherebbe che la saracinesca è abbassata, che la personalità è nascosta dal copia e incolla.
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 22:22 via WEB
Certo che qualcosa traspare sono per la moderazione, se possibile, ma non per lo sdoppiamento, non avrebbe senso occultarsi dietro un nick, scrivere è anche raccontarsi...le parole scritte siamo sempre e comunque noi.
 
Phoenix_from_Mars
Phoenix_from_Mars il 20/05/16 alle 19:38 via WEB
Mi sembra giusto il "ci mostriamo come gli altri ci vorrebbero e non come realmente siamo" e mi viene da dire...perche? ? Che gusto c'è? ? Il segreto del divertimento è quello...vedere come ci incastriamo l'un l'altro con le nostre debolezze, i nostri successi, le nostre convinzioni...altrimenti sai che noia?? Brava Alix ;))
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 20/05/16 alle 22:29 via WEB
Grazie sorella:) E ogni noi stesso è un pezzo di quel puzzle infinito che il caos e il caso si divertono ad incastrare.....diversi o uguali o affini... Ogni personalità ha la sua unicità perché celarla?!?
 
fuoco.e.cenere
fuoco.e.cenere il 20/05/16 alle 22:17 via WEB
Per quanto mi riguarda il punto non è quello di volere dare un'immagine diversa da quella che sono in realtà per timore di essere criticata o peggio ancora giudicata. Non mi sono mai preoccupata di piacere a tutti e a tutti i costi, come del resto non tutti piacciono a me. Fatico ad ammettere a me stessa le mie debolezze, figuriamoci con chiunque. Non si chiama falsità, ma riservatezza.
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 23/05/16 alle 09:33 via WEB
riservatezza..ecco Fuoco, esattamente quello che intendo quando dico di essere "moderata"quassù...ma non per questo falsa..
 
fuoco.e.cenere
fuoco.e.cenere il 20/05/16 alle 22:22 via WEB
Però ora che ci penso, sempre a proposito di apparenze....Web dice che sei "fuori come un balcone"...invece a me non sembra affatto, anzi.... Sarò mica di fuori anche io ? :-)))
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 23/05/16 alle 09:35 via WEB
"fuori come un balcone" ahahaha.. in realtà sai cosa? con l'Orso ci son discorsi serissimi anche, molto ragionati, ma, spesso(diciamo sempre)al momento dei saluti vien fuori una sorta di parola chiave, qualunque essa sia, che da vita ad un dialogo al limite del surreale e ....si va su quel balcone;))
 
unafatastrega
unafatastrega il 20/05/16 alle 23:31 via WEB
Non siamo mai quello che crediamo e neanche quello che pensiamo gli altri vedono. La nostra essenza è diversa a seconda da chi ci guarda e noi stessi cambiamo continuamente. Buona serata a tutti.
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 23/05/16 alle 09:37 via WEB
certo ognuno ci percepisce a modo suo, con i propri occhi, ma fondamentalmente credo noi siamo sempre gli stessi, sennò saremmo una sorta di creta nelle "mani" altrui, plasmabili ed adattabili..
 
neimieipassi
neimieipassi il 21/05/16 alle 16:45 via WEB
Comincio con il brano: strepitoso, come ha detto Web, è dir poco. Complimenti per l'ottima (almeno per i miei gusti) scelta :) Credo che ognuno trasmetta mille idee di sé che cambiano a seconda di chi guarda. Penso se chiedessi a 10 persone come sono io, oltre i tratti comuni, ognuno mi vedrebbe a modo suo, un po' per come mi relaziono io, ma anche per come gli altri mi "interpretano". Alla fine mi rendo conto che, come sono veramente, pochi lo sanno, perché con pochi mi lascio davvero andare completamente. Nel mio caso non si tratta di riservatezza, si tratta, lo riconosco, di paura di essere ferita, quindi il mio "nucleo" lo tengo ben nascosto e, se lo rivelo, sono veloce anche a ritirarlo in fretta alla prima "annusata" di delusione. Beh, è venuta più una specie di confessione che un commento, ma lo invio lo stesso. Bello il tuo post, Amalia, davvero
 
 
oltre.lo.specchio
oltre.lo.specchio il 23/05/16 alle 09:40 via WEB
Sostanzialmente credo sia quello per tutti, tenere dentro la propria parte più nascosta per timore del giudizio o di essere feriti, ma l'uomo è fatto anche di istinto e credo sia inevitabile mostrarsi, anche come tu dici, solo a poche persone, sennò sarebbe semplicemente apparire, simulare e credo si debba essere grandi attori per arrivare a tanto...bene su questo ringrazio tutti per i commenti lusinghieri e ..buona giornata:))A:)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nadiaemanulisa.dagli_occhi_blupeo1974Estelle_kalfonsomarrazzo59andrix110367je_est_un_autreamistad.siemprerealcarslascrivanaLequi_libristacassetta2NoRiKo564USAGA1
 

_____________________________

 
 

_____________________________