Notizie che prudono.

Italia  burocrazia anche in Pandemia, lenti gli aiuti al paese, il rischio di infiltrazioni mafiose tra le  lungaggini per riciclare denaro sporco con aiuti e sussistenze alle famiglie, e alle imprese. Come avvisa anche Abbate, la crisi del Covid è occasione per le Mafie.

Leggi anche 

Federico Cafiero De Raho, il procuratore nazionale antimafia italiano, ha affermato che i suoi agenti hanno notato attività sospette a Napoli, tra cui clan della Camorra che distribuiscono cibo gratuito a famiglie lasciate a corto di denaro dal blocco nazionale.

 

Espresso 19 aprile 2020, Lirio Abbate avvisa: “Con l’emergenza COVID i mafiosi ultrasettantenni al 41bis potrebbero lasciare il carcere.  Si tratterebbe di nomi ancora tenuti in considerazione da ‘Ndrangheta, Camorra e Mafia. Sarebbe una seconda pandemia che il nostro paese non si può permettere”.

Il senatore Matteo Salvini, ieri a “Fuori dal Coro” di Mario Giordano: “Chiunque ascolti, a prescindere da qualunque  posizione politica, non può tollerare che questo accada. Mentre gli italiani accettano la “reclusione” in casa per l’emergenza Covid, non è ammissibile che ai detenuti in isolamento e perciò persino in sicurezza, sia concessa la libertà del domicilio. Bisognerà scomodare il Colle più alto – riferendo del Presidente Mattarella che il dramma della mafia lo ha vissuto direttamente”.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede: “Si tratta di decisioni assunte dai giudici nella loro piena autonomia che in alcun modo possono essere attribuite all’esecutivo – riguardo la scarcerazione del boss Francesco Bonura a Palermo avvenuta per le gravi condizioni di salute e l’età dell’uomo a 9 mesi dalla  fine dello sconto della pena.  L’unica cosa che può fare il Governo è attivare, nel rispetto dell’autonomia della magistratura, tutte le verifiche e gli accertamenti del caso, considerato anche il regime di isolamento previsto dal 41 bis. Anche i magistrati di sorveglianza stanno facendo un lavoro importantissimo per affrontare l’emergenza Coronavirus nelle carceri”.

 A “corona” di tutto il Die Welt si scaglia contro l’Italia: «la mafia italiana starebbe aspettando i soldi dell’Europa».

Roma e Parigi stanno spingendo con tutta la forza per le obbligazioni in euro e corona, vale a dire per la responsabilità del debito congiunto. Tali obbligazioni sarebbero una gigantesca perdita di miliardi per i contribuenti tedeschi.
Notizie che prudono.
 

 

Covid 19 Il Rischio di una 2 Pandemia è la scarcerazione dei mafiosi ultrasettantenni. CILIEGINA SULLA TORTA Die Welt «contro l’Italia» e non solo…ultima modifica: 2020-04-22T16:53:25+02:00da Dizzly