Ottobre 2020: The Jam – ALL MOD CONS (1978)

The_Jam_-_All_Mod_Cons

 

Data di pubblicazione: 3 novembre 1978
Registrato a: RAK, Eden Studios (Londra)
Produttore: Vic Coppersmith-Heaven & Chris Parry
Formazione: Paul Weller (voce, chitarra, piano, armonica), Bruce Foxton (basso, voce), Rick Buckler (batteria, percussioni)

 

Lato A

 

                        All mod cons
                        To be someone (Didn’t we have a nice time)
                        Mr. Clean
                        David Watts
                        English rose
                        In the crowd
 

Lato B

 

                        Billy Hunt
                        It’s too bad
                        Fly
                        The place I love
                        A bomb in Wardour Street
                        Down in the tube station at midnight
 

Tenevo i dischi dei Beatles nascosti in una cassettiera
in camera mia
(Paul Weller)

 

La musica inglese ha da sempre un forte ascendente sul destino di tutta la storia del rock. Citare i Beatles e i Rolling Stones sarebbe un esercizio che andrebbe ben oltre l’ovvietà, ma è proprio da lì che bisognerebbe partire per poter spiegare ben altri fenomeni che vanno al di là dell’epoca in cui era spopolato il beat. Parliamo del concetto di “mod”, che è un fenomeno tipicamente inglese, e che ha avuto i suoi primi fasti non solo con i Fab Four, ma soprattutto con gente come gli Who. Il power pop di fine anni ’70 tuttavia conobbe un’altra stagione caratterizzata da questo genere di influenze, e una delle band icona saranno i Jam.
Nell’epoca in cui il punk spopolava, il trio inglese riesce a coniare una formula scoppiettante e divertente, con delle trame sonore spigolose e una forte propensione per il ritmo forsennato.
Se il disco d’esordio, In the city, in qualche modo risente di quel fascino turbolento proveniente dalle chiamate riottose dei Clash, è nel terzo album, All mod cons, che si stabiliscono le trame più tipiche del genere, e che col tempo finiranno per influenzare gente come Smiths e XTC, e ancora più in là gli Oasis. In questo terzo album il trio britannico riesce dunque a definire il suo sound che unisce il punk al vecchio mod degli anni Sessanta, notevole in un certo spirito malinconico, basi energiche con maggiore sviluppo rispetto alla media e Weller, che era un cantante con intenzioni soul ma di inevitabile eredità inglese.
La parabola del gruppo proseguirà con altri due album altrettanto eccellenti (Setting sons e Sound effects), per poi chiudersi con un discreto The gift. Poi da lì ognuno seguirà la propria strada

Ottobre 2020: The Jam – ALL MOD CONS (1978)ultima modifica: 2020-10-26T09:47:08+01:00da pierrovox

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.