E se il mare potesse portare via i miei pensieri ,
sono certa il vento me li restituirebbe per correttezza dicendomi sono tuoi…
non mi lascerebbe senza di loro neanche un istante……
se potessi farei una buca qui in riva al mare…
e ce li nasconderei dentro, in fondo in fondo….
sperando forse che all’arrivo della prima onda coprendola li dissolvesse mischiandoli con la sua schiuma soffice…
potrei aprire la mano che li tiene stretti e con un soffio leggero 
vederli volare via
ma la mano non vuole lasciare andare nulla
e stringe forte per non perderli
ma poi mi chiedo come potrei vivere io….
senza pensare….
download

ultima modifica: 2018-02-22T10:43:56+01:00da animaqualunque

Un pensiero su “

  1. Bei versi, delicati, lievi come un refolo d’aria primaverile che accarezza il viso..
    Ricordo che Aristotele ebbe a dire che l’uomo è uno “zoon politikon” ed ebbe ragione. Tuttavia nel mondo dei sentimenti, tutto quello che si crea rimane, magari nei meati più profondi dell’anima ma rimane, non svanisce come una bolla di sapone nell’aria.
    Sta a noi, a quel che han provocato certi eventi pregressi, cercare di comprendere con l’empatia che è propria dele persone più sensibili, quello che può coinvolgere intimamente, profondamente quando si pensa che tutto potrebbe essere finito.
    Mai dire mai: qualche volta ci sono pensieri che possono diventare troppo ripetitivi, che non ci danno tregua, però il pensare è segno che dentro siamo vivi, che abbiamo da dare (.. e ricevere).
    Pablo Neruda, in questa splendida poesia esprime pensieri sublimi.
    É per questo che da più di 45anni lo leggo e ogni volta ne sono entusiasta. Sempre più aderente – lui – a certi eventi della mia vita pregressa ^____^

Lascia un commento