Alemanno condannato a sei anni per corruzione: «Sentenza sbagliata, io innocente». Interdetto dai pubblici uffici

L’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno è stato condannato a sei anni con l’accusa di corruzione e finanziamento illecito in uno dei filoni dell’inchiesta Mondo di mezzo. La sentenza è stata emessa dalla seconda sezione penale del tribunale di Roma.

82dd6226-3943-11e9-98ad-f54b39baf731_Alemanno01-kmnG-U11202354671388L0B-1024x576@LaStampa.it

«Una sentenza sbagliata. Ricorreremo sicuramente in appello dopo aver letto le motivazioni. Io sono innocente l’ho detto sempre e lo ribadirò davanti ai giudici di secondo grado». Lo ha detto l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno dopo la lettura della sentenza che lo condanna a sei anni nell’ambito dell’inchiesta Mondo di Mezzo.

Gianni Alemanno è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, per due anni non potrà contrattare con la pubblica amministrazione. È quanto disposto dai giudici della II sezione penale. I magistrati hanno anche deciso l’interdizione legale per tutta la durata della pena. L’ex sindaco di Roma dovrà risarcire sia Ama che Roma Capitale ed è stata fissata una provvisionale di 50mila euro sia per la municipalizzata che per il Campidoglio. Ad Alemanno sono stati anche confiscati 298mila euro.

Alemanno condannato a sei anni per corruzione: «Sentenza sbagliata, io innocente». Interdetto dai pubblici ufficiultima modifica: 2019-02-27T18:53:34+01:00da cristina_a2016

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.