Paola Ferrari, frecciata a Diletta Leotta: «Non rappresenta le giornaliste italiane, al massimo Belen…»

Paola Ferrari e la frecciata a Diletta Leotta. La giornalista tv Paola Ferrari si racconta in una lunga intervista a Il Giornale, in cui ripercorre le tappe fondamentali della sua vita, lanciando anche qualche frecciatina a colleghe del mondo del giornalismo. Un passaggio, in particolare, sembra destinato a far discutere: «Diletta Leotta? Quando vedo queste ragazze che usano il corpo per diventare famose, mi arrabbio e sbaglio perché ognuno è libero di fare quello che gli pare – dichiara Paola Ferrari -. Io invece ho sempre considerato un affronto che qualcuno mi ascoltasse solo perché sono carina. La Leotta non può rappresentare le giornaliste italiane, come Anna Billò, Giorgia Rossi o Simona Rolandi. Lei può rappresentare solo se stessa. O forse Belen…».

x5950926_1531_paola_ferrari_diletta_leotta.jpg.pagespeed.ic.gvyZq_cgiZ

Il racconto – La giornalista sportiva Rai aggiunge: «Per me era inconcepibile avere love story con calciatori, avrei perso tutta la credibilità di giornalista che stavo costruendo con una fatica spaventosa. Non era facile sopportare i sorrisi ironici di chi al campo ti vedeva come un’ochetta in cerca di gloria».

Paola Ferrari, inoltre, racconta di aver faticato non poco affermarsi: «Sono andata via da casa ragazzina, per mantenermi dovevo lavorare. Vivere da sola non era facile: non ricordo quante volte mi tagliarono i fili della luce e del telefono. Così ho prestato il viso a una casa molto famosa di cosmetici. Mamma e papà non si occupavano molto di me. Ho rischiato tante volte di prendere strade sbagliate. Mi hanno salvato il carattere e la buona stella».

Paola Ferrari, frecciata a Diletta Leotta: «Non rappresenta le giornaliste italiane, al massimo Belen…»ultima modifica: 2021-05-10T17:47:40+02:00da manuela_man27

One thought on “Paola Ferrari, frecciata a Diletta Leotta: «Non rappresenta le giornaliste italiane, al massimo Belen…»

  1. Come non dargli torto. Me la ricordo agli inizi anni 80 su telenova, nel programma milan-inter, condotto da Enrico crespi, Gianmaria cazzaniga e marco civoli. Poi lei è civoli sono andati in RAI.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.