Massimo Ferrero arrestato per bancarotta: si dimette da presidente della Samp. L’avvocato: «Trattato peggio di Riina»

Guai per il presidente e proprietario della Sampdoria, Massimo Ferrero, che questa mattina è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Paola per reati societari e bancarotta. Secondo quanto appreso dall’ANSA, Ferrero è stato arrestato dalla Guardia di Finanza ed è stato trasferito in carcere, mentre per altre cinque persone sono scattati i domiciliari.6366979_06132500_ferrero

L’arresto di ‘Viperetta’, in seguito dimessosi dalla carica di patron del club blucerchiato, è avvenuto a Milano. Ai domiciliari, a quanto si apprende, sono finiti anche la figlia di Ferrero, Vanessa e un nipote. La Sampdoria non è coinvolta nelle indagini. Ferrero è finito in manette per il crac di 4 società nel settore alberghiero, turistico e cinematografico con sede in provincia di Cosenza. Le società, da quanto si è appreso, sono state dichiarate fallite qualche anno fa.

Perquisita anche l’abitazione romana di Ferrero, il quale ha annunciato al club, dopo l’arresto, le dimissioni da presidente. La decisione è stata presa, si legge in una nota, “per tutelare al meglio gli interessi delle altre attività in cui opera, e in particolare isolare anche ogni pretestuosa speculazione di incidenza di un tanto rispetto all’U.C. Sampdoria e al mondo del calcio”.

L’avvocato: “Trattato peggio di Riina”
«Lo stanno trattando peggio di Totò Riina». Così l’avvocato Pina Tenga, difensore di Massimo Ferrero, arrestato oggi a Milano per bancarotta. «Abbiamo fatto istanza alla Procura di Paola – prosegue la penalista – per chiedere che Ferraro possa essere trasferito a Roma per presenziare alla perquisizione e all’apertura di una cassaforte».

Massimo Ferrero arrestato per bancarotta: si dimette da presidente della Samp. L’avvocato: «Trattato peggio di Riina»ultima modifica: 2021-12-06T17:45:22+01:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.