Tutto su mia madre (Pedro Almodovar – Einaudi)

Libro: Tutto su mia madre (Pedro Almodovar – Einaudi)

Mme de Staël, che disse: “Capire tutto significa perdonare tutto”. (Guillermo Carrera Infante, “El País”, maggio 1999) (VIII)

Messa in scena di Un tram che si chiama desiderio [di Tennessee Williams] …BLANCHE: Grazie. Chiunque lei sia, ho sem0re confidato nella bontà degli sconosciuti. (17)

– Sembro una puttana, se posso dirlo. –
– Meglio così. Queste suore aiutano solo puttane e travestiti. – (41)

– Suo marito non era cambiato tanto. Finì dunque per accettarlo. Noi donne facciamo qualsiasi cosa pur di non restare sole. –
… – Noi donne siamo più tolleranti, ma questo non è un difetto. –
– Siamo imbecilli… E un po’ lesbiche! – (68)

Rosa procede a testa bassa e muta, cosciente che questa è la sua arma migliore. Non le costa alcuno sforzo, ma certamente ha paura. (71)

– Costa molto essere autentici! Ma non dobbiamo essere taccagni… Una è tanto più autentica quanto più assomiglia a ciò che ha sognato di se stessa. – (107)

Tutto su mia madre (Pedro Almodovar – Einaudi)ultima modifica: 2018-07-12T19:50:08+02:00da Joss_Epp

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.