Vivere…

volott656820

 

 

..Non vivere su questa terra come un inquilino..

 Ragazzo mio,

io non ho paura di morire.

Tuttavia, ogni tanto

mentre lavoro

nella solitudine della notte,

ho un sussulto nel cuore,

saziarsi della vita vita, figlio mio,

è impossibile.

Non vivere su questa terra come un inquilino,

o come un villeggiante stagionale.

Ricorda:

in questo mondo devi vivere saldo,

vivere

come nella casa paterna.

Credi al grano,

alla terra,

al mare

ma prima di tutto

all’uomo.

Ama la nuvola,

il libro

la macchina,

ma prima di tutto

l’uomo.

Senti infondo al tuo cuore

il dolore del ramo che secca,

della stella che si spegne,

della bestia ferita,

ma prima di tutto

il dolore dell’uomo.

Godi di tutti i beni terrestri,

del sole,

della pioggia

e della neve,

dell’inverno e dell’estate,

del buio e della luce,

ma prima di tutto

godi dell’uomo.

 Nazim Hikmet

volo99848g-600x450

 

Il Tuo colore mi possiede e divento pittore

 

volowwwwww4f4

Afferro le sue mani

e la stringo al mio petto.

Tento di riempire le mie braccia

della sua bellezza,

di depredare con i baci

il suo dolce sorriso,

di bere i suoi bruni sguardi

con i miei occhi.

Ma dov’è?

Chi può spremere l’azzurro dal cielo?

Cerco di afferrare la bellezza;

essa mi elude

lasciando soltanto il corpo

nelle mie mani.

Stanco e frustrato mi ritraggo.

Come può il corpo toccare

il fiore che soltanto

lo spirito riesce a sfiorare?

 

Rabindranath Tagore

cA2Qt3r2j2pg

Un Colore sta là fuori

Su Campi Solitari

Che la Scienza non può cogliere

Ma la Natura Umana avvertire.

Emily Dickinson

_c-a291

 

 

Se avessi potuto

 

vovi3333

Se avessi potuto tenerti nel mio cuore,

se solo avessi potuto in me avvolgerti,

quanto sarei stato felice!

Ma ora la carta della memoria davanti

una volta ancora mi srotola il corso

del nostro viaggio sin qui, qui dove ci separiamo.

 

E dire che tu non sei mai, mai stata

una qualche tua realtà, amor mio,

e mai alcuna delle tue varie facce ho visto!

Eppure esse mi vengono e vanno avanti,

e io forte piango in quei momenti.

 

Oh, mio amore, come stanotte fremo per te,

pur senza più speranza alcuna

di alleviar la sofferenza o ricompensarti

per tutta una vita di desiderio e disperazione.

Riconosco che una parte di me è morta stanotte!

David Herbert Lawrence

AA2Q3116dfr-(1)

 

 

 

voloagSAGSWG

 

 

 

Colori

 

volo6I11volo

Mi piace il verbo sentire…

Sentire il rumore del mare,

sentirne l’odore.

Sentire il suono della pioggia che ti bagna le labbra,

sentire una penna che traccia sentimenti su un foglio bianco.

Sentire l’odore di chi ami,

sentirne la voce

e sentirlo col cuore.

Sentire è il verbo delle emozioni,

ci si sdraia sulla schiena del mondo

e si sente…

Alda Merini

volog535g

 

 

volo315gh7

 

 

DSC04714

 

 

Gigli

 

vogui673

Gigli

Ho colto gigli splendidi e profumati,

pudicamente chiusi,

come una schiera di fanciulle innocenti.

Dai tremuli petali, bagnati di rugiada,

ho bevuto profumo, felicità, pace.

 

Il cuore batteva e tremava, come per un dolore,

i pallidi fiori dondolavano la corolla

di nuovo sognavo quella lontana libertà,

quel paese dove sono stata con te…..

 

ANNA ACHMATOVA

 

Giardino

 

345345hm-jpg

 

_zzzf505

Per te io curo questi fiori,

fulgido assente!

Si fendono le vene di corallo

della mia fucsia – ed io semino e sogno –

 

I gerani si tingono di chiazze –

umili margherite si frastagliano –

dirada il cactus le spinose punte

per mostrare la gola –

 

Stilla aromi il garofano

presto colti dall’ape –

un giacinto nascosto

sporge il capo arruffato –

esalano profumi

del fiale così tenui

che ti domandi come li serbassero –

 

Fiocchi di raso spargono le rose

sferiche sulla ghiaia del giardino –

pure – tu non sei qui –

e vorrei che i miei fiori

non avessero piu’ rossi colori –

 

Che sia felice il fiore

e il suo signore – assente –

mi dà solo dolore –

in un calice grigio mi rinchiudono –

umilmente – per esser d’ora in poi

la tua margherita –

in lutto di te!

EMILY DICKINSON

kkkvolo1

“Mi chiedi”

Mi chiedi un dono di parole…

ti regalo parole

che parole non trovano.

 

Ti regalo parole

dal colore del cielo

per volare in un sogno.

 

Ti regalo parole

dal sapore degli oceani

per perdersi e ritrovarsi.

 

Ti regalo parole

dal profumo dei fiori

per percepire l’essenza.

 

Ti regalo parole

dal calore di fiamme

per toccare la passione.

 

Ti regalo parole

da sentire

fatte di appartenenza.

(     *      )

d-sf

Solo Tu

 

volo5ba98

A volte succedono cose strane,

un incontro, un sospiro,

un alito di vento che suggerisce nuove avventure della mente e del cuore.

Il resto arriva da solo,

nell’intimità dei misteri del mondo.

Alda Merini

vovo683

Quelle come me regalano sogni, anche a costo di rimanerne prive.

Quelle come me donano l’Anima,

perché un’anima da sola è come una goccia d’acqua nel deserto.

Quelle come me tendono la mano ed aiutano a rialzarsi,

pur correndo il rischio di cadere a loro volta.

Quelle come me guardano avanti,

anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro.

Quelle come me cercano un senso all’esistere e, quando lo trovano,

tentano d’insegnarlo a chi sta solo sopravvivendo.

Quelle come me quando amano, amano per sempre.

e quando smettono d’amare è solo perché

piccoli frammenti di essere giacciono inermi nelle mani della vita.

Quelle come me inseguono un sogno

quello di essere amate per ciò che sono

e non per ciò che si vorrebbe fossero.

Quelle come me girano il mondo alla ricerca di quei valori che, ormai,

sono caduti nel dimenticatoio dell’anima.

Quelle come me vorrebbero cambiare,

ma il farlo comporterebbe nascere di nuovo.

Quelle come me urlano in silenzio,

perché la loro voce non si confonda con le lacrime.

Quelle come me sono quelle cui tu riesci sempre a spezzare il cuore,

perché sai che ti lasceranno andare, senza chiederti nulla.

Quelle come me amano troppo, pur sapendo che, in cambio,

non riceveranno altro che briciole.

Quelle come me si cibano di quel poco e su di esso,

purtroppo, fondano la loro esistenza.

Quelle come me passano inosservate,

ma sono le uniche che ti ameranno davvero.

A.M.

Raggiunto dal Tuo profumo

 

vol5555h733c

Con questo vento destino giunge; lascia, lascia

che giunga, tutto quanto urge e non sa vedere,

ma che sarà nostro intimo ardore – : tutto questo.

( Fai silenzio e rimani immobile, sì che possa trovarci).

O il destino nostro giunge con questo vento.

 

Da qualche parte questo vento nuovo,

che oscilla perchè regge l’indicibile,

reca attraverso il mare ciò che noi siamo.

 

…. Lo fossimo davvero. Saremmo a casa allora.

( I cieli in noi potrebbero innalzarsi e ricader di nuovo).

Ma con questo vento sempre e sempre ancora

il destino ci sovrasta immane.

Rainer Maria Rilke

 

Grazie

Silvia.

volo9999

Qual luce è luce se Silvia io non vedo,

qual gioia è gioia se Silvia non mi è accanto,

a men di immaginarla a me accanto, nutrito del riflesso della perfezione.

Se la notte io non sono accanto a Silvia non ha più musica per me l’usignolo.

A men di contemplar Silvia di giorno,

non c’è più giorno per me da contemplare.

Non vivo più se lei -mia essenza-

mi toglie la benigna sua influenza che mi da vita,cibo,luce e affetto.

Non evito la morte ,se sfuggo a tal verdetto:

se qui’ mi attardo, corteggio certa morte,

ma dalla vita fuggo ,se fuggo dalla corte.”

Shakespeare