Blog
Un blog creato da artchoker il 22/01/2009

Choke

ovvero Il Cuore Del Carciofo

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nella65vitartchokerevacampana3Discipli_natasciarconazziBuster_StoneDr.Ubellicapellidgl3erbettaprofumatadj_patriziagiaspo64cassetta2nodopurpureopsicologiaforense
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 57
 

TAG

 

 
 

 

LASAGNE

Post n°447 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da artchoker

 

...e ad un tratto mi sono visto seduto ad un tavolo con un piattone di lasagne fumanti. A dire la verità si trattava di una tavolata, eravamo una ventina e l'occasione era una cena, una delle tante, tra commilitoni di stanza a Piacenza.
Erano tantissimi anni che non ricordavo quei momenti, diverse decine di anni, ed ora eccolo lì, Renato, con le guance perennemente rosse, quella sera seduto davanti a me, che raccontava l'ennesima barzelletta. Mi ricordo bene la sua faccia, e un po' quella di Francesco, gli altri sono avvolti nella nebbia. Qualche momento, la risata particolare di Mario, romano de Roma, che esclamava gaiardo! ad ogni occasione. Ma mi ricordo solo la bocca, i denti e un po' il naso. Rideva a singulti e allargava le narici.
Non ho più visto nessuno di loro, a parte Renato, un paio d'anni dopo il congedo, a Milano.

Mi domando perchè ho avuto questo ritorno di memoria. Mi disturba non saperlo. Sono convinto che per tutto ciò che ci capita esiste un motivo logico. O illogico, chi può dirlo?
Però qualcosa vorrà dire...
Ognuno di loro avrà avuto la propria storia, si saranno sposati, avranno avuto dei figli, forse...sicuramente saranno ingrassati, chi più chi meno, qualcuno avrà fatto una bella carriera. A pensarci bene, qualcuno sarà pure morto, cazzo!
Eravamo belli. Belli tutti, senza eccezione.
Chissà se quei venti ragazzi sono stati tutti felici...

 
 
 

SUPPOSTE

Post n°446 pubblicato il 08 Gennaio 2015 da artchoker

 

Il nuovo anno è iniziato ma ancora qualcosa qui non va, parafrasando la buonanima.
Ho diversi fronti su cui combattere, straschichi dell'altr'anno, e sono indeciso su quale puntare le mie soluzioni.
Nell'attesa continuo ad assumere antibiotici, cosa che non comporta decisioni di alto livello. Piuttosto, ho notato che non si usano più le supposte. Anni fa non c'era influenza che si risolvesse senza l'aiuto della suppostina serale.
Ricordo una dotta disquisizione con un amico durante un viaggio in treno. Lui preferiva di gran lunga il trangugiare capsule bicolori piuttosto che l'inserimento di un corpo estraneo in zone arcaicamente proibite. Io ero, e resto tuttora, del parere che una supposta leggermente inumidita fatta penetrare con perizia ha tutto il suo valore terapeutico. Molto utile nonchè rara, in questi frangenti, una moglie o compagna predisposta di sua natura alla cura del marito o compagno sofferente.
Va da sè che in caso di febbre alta il valore erotico dell'azione va vanificato!
A questo punto, vista l'inutilità, ai fini della guarigione, di questo post, direi che  è meglio lasciar perdere e concentrarmi su pensieri più piacevoli. I dubbi li facciamo slittare a domani, se siete d'accordo.

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°445 pubblicato il 08 Dicembre 2014 da artchoker

Amo leggere e scrivere, passo ore a dipingere, adoro i momenti in cui si crea l'immagine sulla tela, mi piace l'odore dei colori.
Amo le donne comunque, le trovo belle sempre, e inquietanti e stimolanti.
Vorrei riuscire a sognare per sempre, anche in punto di morte, perchè un sogno è una promessa di possibile futuro.
Mi commuove lo sguardo di un'adolescente e mi eccita il pensiero dello sbocciare dei suoi capezzoli. Anche questo è futuro.
Mi piace guardare un film che parli di vita e che mi faccia pensare anche il giorno dopo.
Adoro una giornata di sole in autunno.

Temo di essere totalmente inadeguato.

 
 
 

.

Post n°444 pubblicato il 24 Novembre 2014 da artchoker

 

Condivido anch'io, giusto così.

 
 
 

INCERTEZZA

Post n°443 pubblicato il 23 Novembre 2014 da artchoker
Foto di artchoker

 

Ho avuto spesso occasione, negli ultimi tempi, di pensare a gambe di donna in posizione sessualmente inequivoca.
Ad essere sinceri non è mai stato il punto di partenza, ma piuttosto la chiusura di un percorso.

Succede quando l'idea è vaga, c'è ma è impalpabile, volatile. In certi periodi un nudo mi prende, mi attira, ma è spesso di realizzazione complicata.
Un corpo lieve e asciutto modello androgino può essere soddisfacente, ma anche le rotondità abbondanti di donna fatta hanno una loro estetica gioiosa, se vogliamo.

Nell'uno o nell'altro caso prendono forma, nella mente,  le posizioni, che sono altrettanto importanti della scelta di un corpo. Sono convinto che la scelta di un nudo è sempre condizionata da una componente erotica molto forte, e solo certe convenienze sociali impediscono pose al limite della pornografia. Che, espressa in modo adeguato, può essere considerata arte a tutti gli effetti.

Quindi, esausto dall'incertezza, può capitare di scivolare piacevolmente in pensieri tipo quello che ho accennato in apertura, sesso femminile in offerta disinibita, grossi capezzoli turgidi su carne bianchissima, e soprattutto il Culo perfetto che ho in mente, polposo e adatto ad accogliere, ampio e disponibile.
Sicuramente non tralascio l'Origine del Mondo, anche se personalmente preferisco fiche meno folte, ma d'altra parte, si sa, i tempi di monsieur Courbet erano molto più ruspanti.

 
 
 
Successivi »
 
 


 

NOTTURNO

Per ogni uomo c'è un'area della vita compresa nel perimentro sacrosanto dei cazzi suoi.