Un blog creato da lorifu il 31/12/2009

la memoria dispersa

un mondo di affetti perduto (ricordi, pensieri, riflessioni)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FELICIT└

 
 
 
 
 
 
 

SULL'ONDA DEI RICORDI

 
 
 
 
 
 
 

I MIEI BLOG

LA MEMORIA DISPERSA

 

VITA E DINTORNI

GRAPPOLI DI EMOZIONI

 

IN PUNTA DI PENNA


 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198lorifublack.whaleCrowuglybadanastasia_55glorialadessosognatric3Pathos_Erosgratiasalavidafederico70_2017contedifulcignanolascrivanaLuxxilangiolhgt
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 64
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

siti web

 
 
 
 
 
 
 




 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Autoritratto

Post n°621 pubblicato il 24 Maggio 2019 da lorifu
 

 
 
 

Con rinnovato entusiasmo...

Post n°619 pubblicato il 21 Maggio 2019 da lorifu
 

Dopo molto tempo ho ripreso a scrivere sul mio blog. Sono praticamente ritornata alle origini. Ricordo ancora il giorno in cui m'iscrissi a Libero e creai il mio primo post. Era il 31 dicembre 2009, esattamente dieci anni fa. Mi affacciavo a questo mondo che non conoscevo timidamente, con l'unico scopo di esprimere i miei pensieri ed emozioni. La scrittura mi aveva sempre affascinata ma è in questo spazio che sono riuscita a trovare gli stimoli giusti e a fare le prime conoscenze virtuali, alcune delle quali sono poi diventate delle solide amicizie. In tutti questi anni sono stata costante nel proporre e propormi nella mia veste più autentica, senza orpelli e infingimenti di sorta. Scrivendo ho allargato miei orizzonti, mi sono confrontata su tematiche diversificate instaurando un buon dialogo, interagendo sempre nel rispetto della libertà e delle opinioni altrui. È qui che ho scoperto e assecondato la mia vena creativa, iniziando a fare i miei primi passi nel mondo letterario. Scrivere per me è terapeutico e mi dà la carica giusta per affrontare la vita con curiosità e gioia infantile, sempre alla ricerca di motivazioni valide e fonti ispirative in linea col mio sentire.
"La memoria dispersa" è la mia creatura e l'ho coltivata nel tempo con amore.
Quando vado a ritroso tra le pagine del blog e ritrovo alcuni post amati rivedo come in un film le tante persone conosciute e le tante parole spese, mai banali perché ho sempre privilegiato la discussione pacata dal contradditorio intelligente.
Anche mostrarmi in carne ed ossa, così come sono fisicamente, è sempre stato il mio modo di essere come presentarmi con il mio nome e cognome.
Nel mondo virtuale non è tutto rosa e fiori, come nella realtà del resto ma nelle interazioni che si sono create non posso che gioire di quanto ricevuto.

 

 

 
 
 

Nonna Brigitte

Post n°618 pubblicato il 20 Maggio 2019 da lorifu
 

Un assaggio del mio romanzo prossimo futuro

Parigi - Les Tuleries (foto loretta fusco)

[...]
Justine e il piccolo Stefano passavano mesi interi d'estate a Parigi, da sua madre, bizzarra acquarellista che si guadagnava da vivere dipingendo su commissione. Stefano l'adorava. Adorava i suoi capellini colorati, le gonne lunghe, gli occhi bistrati e il rossetto intenso che le davano un'aria stravagante senza cadere nel ridicolo. Era l'opposto di Justine, misurata nell'abbigliamento e nei modi anche se dalla madre aveva preso lo stesso amore per l'arte. Stefano ricordava che sin da piccolo, durante le lunghe estati parigine le sue donne lo portavano al Louvre e poi al Museo d'Orsay, tanto che ancora prima di andare a scuola sapeva riconoscere, a una prima occhiata, i pittori impressionisti. Dopo le visite ai musei, si fermavano nei giardini delle Tuileries dove mangiavano le quiche, preparate da nonna Brigitte che lui divideva sempre con gli anatroccoli del piccolo laghetto. Quello era il suo luogo preferito e i ricordi delle estati parigine partivano sempre da lì. Parigi era la sua seconda patria e insieme a Venezia lo affinò alla bellezza. Brigitte era una nonna veramente deliziosa. Più grandicello, sua mamma lo metteva sul treno facendogli mille raccomandazioni, tranquillizzandolo perché sua nonna l'avrebbe accolto al momento dell'arrivo. Così accadeva. Appena arrivato alla Gare de Lyon, tra l'infinità di teste che affollavano la banchina lui la riconosceva all'istante. Una macchia di colore che ondeggiava tra la folla. Gli strappava la valigia di mano e dopo avergli stampato il rossetto sulle guance lo guidava verso la metropolitana parlando ininterrottamente. Comunicavano in un italiano maccheronico che Brigitte con la sua fantasia inventava dal francese. Quei mesi erano per Stefano un vero spasso, coccolato e vezzeggiato. Brigitte lo portava con sé dappertutto, e quando doveva recarsi dai clienti, lui prendeva le tele sottobraccio e si sentiva importante nel ruolo di aiuto. Gli piacevano i quadri di sua nonna. Erano leggeri come lei e quando dipingeva davanti al luminoso finestrone guardava estasiato i delicati boccioli dei fiori, il frangersi delle onde sulla roccia, lo sventolio di foglie, forme vitali che nascevano dalla sua tavolozza di colori. Perché non si annoiasse gli aveva attaccato a una parete un enorme foglio bianco e messo a disposizione una quantità indefinita di gessetti, pennarelli, pennelli e tubetti di colore. Per arrivare fino in alto gli aveva procurato una corta scaletta e lui saliva e scendeva a prendere ora questo, ora quello e si sentiva felice di poter riempire lo spazio infinito davanti a sé con i suoi esperimenti artistici. Sua nonna ogni tanto interveniva ad aggiustare qualcosa, a mettere più colore a un uccello, a raddrizzare una casa dicendogli che sarebbe diventato più bravo di lei. In realtà non aveva talento ma sapeva disegnare discretamente e aveva sviluppato un grande senso estetico che da grande l'avrebbe portato a scegliere la strada di critico d'arte. Le estati da nonna Brigitte si conclusero di colpo. Era a Venezia quando in casa arrivò la notizia che la nonna era stata investita da un'auto mentre attraversava la strada, sparpagliando sul selciato le tele che stava portando con sé. Stefano si chiuse in camera e quel giorno non parlò con nessuno. Nonna Brigitte per lui era più che una mamma. Da piccolo non si era mai chiesto perché vivesse sola. Lo intuì col tempo finché gli venne detto che era stata abbandonata dal marito con la bambina in fasce. Lui non si era mai chiesto perché non avesse il nonno. Nonna Brigitte emanava luce e a lui bastava.

 

 
 
 

La Reputazione

Post n°617 pubblicato il 17 Maggio 2019 da lorifu
 

Pasolini e Rèpaci all'Hotel Excelsior di Viareggio

 

"Non rinuncerò mai a nulla per la reputazione. Io spero che coloro che mi sono amici, o personali, o in quanto lettori, o come compagni di lotta (e nei cui occhi, lo so, cala un'ombra, ogni volta che la mia reputazione è in gioco: un'ombra che mi dà un dolore terribile) siano così critici, così rigorosi, così puri, da non lasciarsi intaccare dal contagio scandalistico: se così fosse, gli sconfitti sarebbero loro: se solo cedessero per un attimo e dessero un minimo valore alla campagna dei nemici, essi farebbero il gioco dei nemici. Non si lotta solo nelle piazze, nelle strade, nelle officine, o con i discorsi, con gli scritti, con i versi: la lotta più dura è quella che si svolge nell'intimo delle coscienze, nelle suture più delicate dei sentimenti".

["Vie Nuove" n. 51 del 28 dicembre 1961]


Aveva così scarsa considerazione della reputazione Pasolini...La vedeva come una minaccia alla propria integrità e libertà di pensiero e parola.  Il  suo è un incoraggiamento verso coloro che amandolo avrebbero voluto preservarlo dal contagio scandalistico,  che lui esponendosi utilizzava come risposta e difesa dagli attacchi dei nemici.



 

 
 
 

Papaveri

Post n°616 pubblicato il 15 Maggio 2019 da lorifu
 

 

Una fugace camminata in campagna mi ha ispirato.

 

In dieci minuti non si scrive una poesia ma si possono esprimere pensieri che sono poesia.

 

Papaveri

Fragili calici smarriti
in un goccio di vita.
Il colore vermiglio
sbiadisce in un lampo,
mortificato
dall'effimera durata.
Vacillano ignari
gli steli al vento
nell'aria pura
che ne accoglie il respiro.
lf

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

3 GIUGNO 2016

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

 


Tu credi di incontrare l’amore,

in realtà è l’amore che incontra te

nei modi più strani,

inaspettati, involontari, casuali.

A volte lo confondiamo col bene

e lo surroghiamo.

Spesso siamo convinti sia amore,

fingiamo sia amore,

e leghiamo noi stessi

a una indistruttibile catena

frutto dei nostri desideri mancati

dei nostri sogni sopiti

delle nostre abitudini

delle nostre paure

delle nostre comodità

delle nostre viltà

dei nostri calcoli

della nostra apatia

dei nostri falsi moralismi.

Ma quando arriva, se arriva,

lo riconosci,

come  “il sole all’improvviso”

sconvolgente, coinvolgente,

totalizzante, esclusivo,

fusione di corpo e anima

osmosi perfetta.

Se finisce,

un dolore muto, senza fine.

loretta