Creato da archetypon il 03/08/2005

Ombre di Luce

Davanti a me fluttua un'immagine, uomo o ombra, più ombra che uomo, più immagine che ombra. (W.B. Yeats)

 

« brucia(mi) acquail nostro posto sulla ruota »

offro e s-offro

Post n°1102 pubblicato il 05 Aprile 2011 da archetypon
 

EMPATIACarissima amica,

appartengo a quella categoria di meretrici che offrono il proprio cuore; categoria, in verità, non così rara, ma più rara tra il mio genere - come dici? Apparteniamo? già, dimentico la sciarpa...

Per coloro che si avvicinano esponiamo la nostra merce, ci priviamo della corazza di cui i più si vestono, s-vestiamo il cuore poiché il pudore s'è consumato, bruciato in un ardore. D'altronde sappiamo che nessuno potrà ascoltare un cuore da sotto una corazza. Nature empatiche dice la ragione; nature animiche dico io.

Offriamo e s-offriamo, poiché alcuni ci affascinano con le loro risonanze, catturano le nostre sistole e diastole, riconoscono parti del loro cuore nel nostro cuore di meretrici. Così che, rare volte,  da queste risonanze s'alza un grido dolce. Strana occupazione essere meretrici del cuore! Tuo cuore amico,

AM

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

AVVERTENZE

Leggerete in trenta secondi;
poi torneremo al silenzio.

I testi in corsivo sono citazioni.

Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Checker

 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetypongaza64unblogpercasoVasilissaskunkSignorina_Golightlytekilaladorable2017apungi1950_1IrrequietaDmarittiellaolgy120ishtar.deavololowannamatrigiano
 

ULTIMI COMMENTI

CIÒ CHE ORA LEGGO

A MEMORIA

Si può mancare non solo la propria felicità, ma anche la propria colpa decisiva senza la quale un uomo non raggiunge mai la propria totalità.

- C.G. Jung
 -


Quando uno ha avuto una volta la fortuna di amare intensamente, passa la vita a cercare di nuovo quell'ardore e quella luce.

- A. Camus -



Il serpente aveva appena guardato quella venerabile immagine quando il re prese a parlare e domandò: «Da dove vieni?». «Dai crepacci in cui abita l'oro» rispose il serpente. «Che cosa è più stupendo dell'oro?» domandò il re. «La luce» rispose il serpente. «Che cosa è più vivificante della luce?» domandò il primo. «Il dialogo» rispose il secondo.

- Goethe -


Quando devi scegliere tra due cammini, chiediti quale abbia un cuore. Chi sceglie il cammino del cuore non sbaglia mai.
- Popol Vuh -

 

Chiunque prende la strada sicura è come se fosse morto.

- C.G. Jung -

 

Nel coltivare se stessi non esiste la parola "fine". Chi si ritiene completo, in realtà, ha voltato le spalle alla Via.

- Yamamoto Tsunetomo -


La vita, per compiersi, ha bisogno non della perfezione ma della completezza. Di questa fa parte "la spina nella carne", la tolleranza all'imperfezione, senza la quale non c'è né progresso né ascesa.

- C. G. Jung -


Un uomo che dubiti del suo proprio amore può, o meglio deve dubitare di qualsiasi altra cosa meno importante.

- S. Freud -

 

Io sono, più di ogni altra cosa, quel che non sono riuscito a compiere. La più vera delle vite che indosso, come un fascio di serpenti annodato a un'estremità, è la vita non vissuta. Sono un uomo che ha vissuto immensamente. E che nella stessa misura non ha vissuto.

- V. Vosganian -


Tutto ciò che teniamo dentro di noi senza viverlo cresce contro di noi.

- M.L. von Franz -


E poi ti voglio bene, nel tempo e nel freddo.

- Julio Cortàzar -

 

TWITTER

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova